Il DiSsenziente/Arrestata per un post Facebook contro il lockdown

Arrestata per un post Facebook contro il lockdown

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



di Antonio Di Siena
 

Succede in Australia, nella periferia Nord-Ovest di Melbourne, dove una giovane madre, Zoe Lee di 28 anni, si è vista piombare quattro agenti di polizia in casa con un mandato d’arresto. È stata prelevata e arrestata davanti agli occhi increduli di suo marito e di suo figlio piccolo. Ammanettata e portata in carcere nonostante lo stato di gravidanza e un’ecografia da effettuare dopo poche ore.


Il reato? Istigazione a delinquere.
Il tutto per aver pubblicato un post su Facebook col quale invitava i suoi concittadini a partecipare a un corteo anti-lockdown.


Arresti per un post sui social network sia erano già verificati in Israele (quella volta per pseudo insulti al primo ministro). Adesso un’altra nazione “dell’Occidente civile” indica inequivocabilmente che abbiamo abbondantemente superato il livello di guardia.


Spingendoci ben oltre la società del controllo di massa. Fino a ritrovarci nel ben mezzo di un progetto di psicopolizia.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa