Bielorussia, Lukashenko denuncia: "L'Occidente ha deciso di usarci contro la Russia"

Bielorussia, Lukashenko denuncia: "L'Occidente ha deciso di usarci contro la Russia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sulle proteste in Bielorussia sembra avere le idee ben chiare il presidente Alexander Lukashenko: “L’Occidente ha deciso di usarci contro la Russia”, ha dichiarato il leader bielorusso in occasione di un incontro con i lavoratori di Agrokombinat Dzerzhinsky. Azienda pubblica, fiore all’occhiello di Minsk, secondo quanto riporta l’agenzia BelTa. 

 

“Stavano progettando questo casino. La Russia aveva paura di perderci. L'Occidente ha deciso di usarci contro la Russia, come vediamo ora. Vogliono creare questo corridoio Baltico-Mar Nero, un cordone sanitario: tre Stati baltici, noi e l'Ucraina. Siamo rimasti l'unica parte mancante”, ha denunciato Lukashenko.  

 

“Gli Stati Uniti stanno pianificando e gestendo tutto questo, mentre gli europei stanno al gioco. Stanno facendo quello che gli viene detto. Un centro speciale è stato istituito vicino a Varsavia. Siamo pienamente consapevoli di quello che stanno facendo lì. I loro carri armati sono in attesa. Quando la situazione è tesa nelle vicinanze e carri armati e jet sono messi in moto, c'è una ragione”, ha sottolineato il leader bielorusso.

 

Proteste spontanee di cittadini vogliosi di maggiore democrazia. Magari emulando il modello occidentale? Non la pensa così, ovviamente, Lukashenko. 

 

Aleksandr Lukashenko ha affermato che alcune persone in Bielorussia sono state pagate, alcune hanno subito il lavaggio del cervello, il che ha portato all’attuale situazione. “Nel frattempo sono in corso esercitazioni militari all'estero. Cosa significa? Si stanno preparando per l'invasione, se necessario”. 

 

Il presidente ha inoltre evidenziato alcune contraddizioni tra le fila degli oppositori, i quali hanno prima chiesto un riconteggio dei voti ma poi abbandonato questa richiesta. “Si sono resi conto che è impossibile truffare l'80% dei voti. Perdono comunque. Esortano a indire una nuova elezione. Sai cosa significa dedicarci un altro mezzo anno? Porteranno il caos e il lavaggio del cervello anche ad alcuni lavoratori. Perché dovremmo ballare al ritmo di qualcuno? Abbiamo tenuto le elezioni, viviamo pacificamente. Vuoi parlare, vuoi un dialogo, come suggeriscono? Sto già dialogando con te. Manterrò un dialogo solo con i collettivi di lavoro”. 

 

Qualcuno cerca di dipingere il leader bielorusso come un tiranno spietato. Ecco cosa dichiara ufficialmente: “La situazione attuale è influenzata da fattori sia interni che esterni. Non sto cercando di intimidire nessuno, ma questo è ciò che sta realmente accadendo. Dobbiamo tenerne conto e resistere risolutamente. Non c'è modo di sfuggire. Allo stesso tempo, voglio preservare la pace e la calma per coloro che vogliono lavorare. Non voglio introdurre una legge marziale nel paese. Non è normale. Voglio che viviamo pacificamente, proprio come prima. Questo è il mio compito principale: rispondere e stabilizzare la situazione”. 

 

Infine, il leader bielorusso ha lanciato delle stoccate agli ipocriti governanti occidentali. Aleksandr Lukashenko ha citato il movimento dei gilet gialli in Francia, rivolte e omicidi negli Stati Uniti, proteste contro le restrizioni del coronavirus in Germania. “Perché si sono preoccupati per la Bielorussia? Questo è un modo conveniente per distogliere l'attenzione dai propri problemi. Lo vediamo. Pertanto, ignorate queste affermazioni. Non significano niente. Questo è un tentativo di aggravare la situazione qui in BIelorussia”.  

 

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO di Andrea Puccio SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO

SVENTATO COLPO DI STATO IN CONGO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti