/ Bolton è "quasi certo" che c'è l'Iran dietro l'attacco alle petro...

Bolton è "quasi certo" che c'è l'Iran dietro l'attacco alle petroliere saudite. Teheran avverte: "Pronti a guerra con USA, ma speriamo nel dialogo"

 

Mentre il Consigliere di Trump ritiene che sia "quasi certa" la responsabilità dell'Iran nell'attacco alle petroliere saudite di fronte ai porti degli Emirati Arabi Uniti, Teheran, da parte sua, avverte di essere pronta ad una guerra con gli USA, pur privilegiando il dialogo.


Il consigliere della sicurezza nazionale statunitense John Bolton ha dichiarato, oggi, ai giornalisti ad Abu Dhabi che le petroliere sabotate al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti, due settimane fa, sono state attaccate "quasi certamente dall'Iran" .
 
Secondo il consigliere, Teheran avrebbe usato "mine navali" per effettuare l'attacco contro le petroliere.
 
"È chiaro che l'Iran è dietro l'attacco di Fujairah, chi altro pensi che lo farebbe, qualcuno dal Nepal?", Ha detto sarcasticamente Bolton, che non ha fornito prove a sostegno della sua accusa.
 
"A Washington nessuno ne dubita, sappiamo chi ha fatto questo ed è importante che l'Iran sappia che lo sappiamo", ha aggiunto il consigliere, citato da The National.
 
Bolton ha anche osservato che Washington sta consultando i suoi alleati nel Golfo sulla presunta minaccia iraniana, che secondo lui è stata la ragione principale della sua visita ad Abu Dhabi.
 
"Siamo molto preoccupati per la Forza Quds e per Qassem Suleimani", ha aggiunto il consigliere, riferendosi all'ala d'élite del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC) e al suo comandante.
 
Nel frattempo, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Seyyed Abbas Mousavi ha smentito l'accusa di Bolton di sabotare le petroliere al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti due settimane fa, attaccate dalle miniere navali nel suo paese.
 
Da parte sua, l'Iran avverte che è pronto per un'eventuale guerra con gli Stati Uniti, ma spera di poter entrare in un dialogo con Washington, ha dichiarato il viceministro degli Esteri della Repubblica islamica, Abbas Araghchi.
 
"Speriamo di iniziare un dialogo, ma siamo pronti per la guerra", ha assicurato il vice cancelliere in un'intervista a RIA Novosti.
 
Araghchi ha avvertito che la guerra sarebbe "una catastrofe per tutti nella regione", ma ci sono "alcuni elementi e persone" che cercano di spingere Washington in una guerra con l'Iran "per i propri scopi".
 
Tuttavia, ha espresso la speranza che "la saggezza prevalga a Washington e non commetta l'errore più grande nella storia della regione".
 
Inoltre, il vice ministro ha avvertito che il suo paese è "assolutamente preparato per questo scenario" e crede che gli Stati Uniti siano consapevole delle loro "capacità in questo senso".
"Ma questo non è ciò che vogliamo, siamo a favore della pace", ha sottolineato.
 
Araghchi ha anche spiegato che l'Iran è in attesa di una risposta da parte dei paesi del Golfo alla sua proposta di finalizzare un trattato di non aggressione.
 
Fonte: The National - Ria Novosti
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa