Caitlin Johnstone - Il problema di Israele non è TikTok

Caitlin Johnstone - Il problema di Israele non è TikTok

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Caitlin Johnstone - Consortium News

 

Nessuno inizia come il tipo di persona che sosterrebbe una campagna di bombardamento genocida che uccide bambini a migliaia. È qualcosa a cui si arriva gradualmente nel corso degli anni, un compromesso morale alla volta.

Più e più volte nel corso della vita, a un sostenitore di Israele viene data la possibilità di scegliere se uccidere una parte della propria coscienza o abbandonare il proprio sostegno a Israele.

Questa scelta gli viene presentata ogni volta che vede i palestinesi trattati in un modo che non vorrebbe mai fosse riservato a se stessi o ai propri cari - che si tratti di bombe, di manifestanti colpiti da cecchini, di persone cacciate dalle loro case, di organizzazioni per i diritti umani che dichiarano una dopo l'altra che Israele è uno Stato di apartheid, di racconti del razzismo e degli abusi subiti dai palestinesi in Cisgiordania, o di testimonianze su quanto sia stata orribile la vita a Gaza per le persone che vi abitano, molto prima che iniziasse quest'ultima serie di uccisioni.

Queste informazioni sono inevitabili nei tempi moderni. Si può distogliere lo sguardo, si può cercare di isolarsi da essa in una camera d'eco ideologica, ma inevitabilmente, di tanto in tanto, essa entrerà nel nostro campo di percezione.

E ogni volta che ci si trova di fronte ad esso, si deve scegliere se compromettere il proprio senso morale personale un po' più di quanto non fosse già compromesso, o abbandonare il proprio sostegno a Israele.

Si tagliano pezzi della propria moralità uno alla volta, soprattutto per evitare il disagio psicologico noto come dissonanza cognitiva che si accompagna necessariamente a qualsiasi drastico cambiamento di visione del mondo. Poi, prima che ve ne rendiate conto, vi trovate a opporvi a un cessate il fuoco per un attacco omicida che ha ucciso migliaia di bambini.

Nel profondo sapete di essere sulla strada sbagliata. Sapete che non è così che avete iniziato, che non è così che dovreste vivere la vostra vita. Ma annegate quella piccola voce dentro di voi con le voci molto più forti della vita in una moderna società industrializzata, molte delle quali sono pagate milioni di dollari all'anno per dirvi che la vostra visione del mondo è quella corretta.

Questo è il motivo per cui c'è un divario generazionale così grande sulla questione israelo-palestinese; i giovani non hanno trascorso molto tempo a erodere gradualmente la loro bussola morale in un gingillo senza valore, e non consumano abbastanza mass media da essere convinti che farlo sarebbe utile.

Non sono stati sufficientemente indottrinati alla depravata indifferenza verso la sofferenza altrui.

In una recente dichiarazione, che respinge le affermazioni della destra secondo cui i suoi algoritmi sono impastati per favorire la Palestina e promuovere il sentimento anti-israeliano, TikTok afferma che il vero motivo per cui i sentimenti pro-Palestina sono così popolari sulla piattaforma è che i giovani sono statisticamente molto più contrari a Israele rispetto alle vecchie generazioni.


TikTok scrive quanto segue:

"Il sostegno a Israele (rispetto alla simpatia per la Palestina) è da tempo più basso tra i giovani statunitensi. Lo dimostrano i dati dei sondaggi Gallup sui millennial che risalgono al 2010, molto prima che TikTok esistesse. Un sondaggio Gallup del marzo 2023, prima della guerra, mostra che i giovani adulti hanno atteggiamenti rapidamente mutevoli verso il conflitto israelo-palestinese".

In una clip audio trapelata e ottenuta dal Tehran Times, si sente il direttore dell'Anti-Defamation League Jonathan Greenblatt lamentarsi della perdita della Gen-Z a favore del sentimento pro-palestinese.

"Ma voglio anche sottolineare che abbiamo un grosso, grosso, grosso problema generazionale", si lamenta Greenblatt con i suoi colleghi. "Tutti i sondaggi che ho visto - quelli dell'ADL, quelli della CPI, quelli indipendenti - suggeriscono che non si tratta di un divario tra destra e sinistra, gente. Il problema del sostegno degli Stati Uniti a Israele non è tra destra e sinistra, ma tra giovani e anziani".



"Abbiamo davvero un problema di Tik-Tok, un problema di Gen-Z", aggiunge Greenblatt.

In realtà, quello di Greenblatt e dei suoi collaboratori è un problema di moralità. Hanno un grande gruppo di persone che non sono state indottrinate ad accettare la follia e ad amputare parti della propria coscienza nel corso degli anni, e quindi sono in grado di guardare all'omicidio di massa di civili a Gaza con occhi limpidi.

E questo è tutto ciò che serve per vedere il massacro in corso a Gaza per quello che è: uno sguardo con occhi limpidi. Basta uno sguardo rapido, senza distorsioni propagandistiche o pregiudizi cognitivi. È tutto ciò che serve.

Il problema di Israele non è che la gente viene indirizzata con la propaganda ad odiarlo, ma che non viene indottrinata con successo a sostenerlo. Il problema non è l'influenza maligna, ma la sua mancanza.

Perché il fatto è che ci sono solo tanti modi in cui si può far passare l'omicidio di migliaia di bambini, e ora tutta l'offuscamento mediatico del mondo non è sufficiente a far passare la paura a occhi nuovi che sono pronti a vedere.

(Traduzione a cura de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti