"Casa dolce casa". La propaganda senza limiti per lo "smarworking"

"Casa dolce casa". La propaganda senza limiti per lo "smarworking"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Le case non sono tutte uguali. Limitarsi ad affermare il principio di eguaglianza significa di fatto votarsi alle diseguaglianze e all'ingiustizia.
 
Le diseguaglianze non sono "statiche", soprattutto quando le parti in causa hanno forza differente: se ti limiti a guardare o a enunciare un principio, la diseguaglianza si accentua e la parte debole lo sarà ancora di più fino a soccombere.
 
Ecco perché si dice che il diritto del lavoro sia un diritto "diseguale" (più di altri!): perché interviene attivamente mettendo in campo azioni diseguali, protettive dei deboli. O quantomeno così dovrebbe essere e così era un tempo.
 
La logica risponde al secondo comma dell'art. 3 della Costituzione che pone in capo alla Repubblica l'obbligo di rimuovere gli ostacoli alla eguaglianza dei lavoratori.
Riconoscere a tutti il diritto di lavorare da casa è un enunciato, un principio statico. Le case delle persone sono molto diverse tra loro e dunque le condizioni di lavoro. Ci sono ville con giardino e monolocali in condomini affollato. Ci sono single nei loft e famiglie numerose in un seminterrato.
 
Non fare nulla, limitandosi ad esprimere un principio, è assolutamente inadeguato. Le diseguaglianze prevarranno e l'ingiustizia sarà il nuovo "diritto", la nuova regola (mica tanto nuovi, purtroppo). CONTRO LO SMART WORKING: https://www.laterza.it/scheda-libro/?isbn=9788858144442

Savino Balzano

Savino Balzano

Savino Balzano, nato a Cerignola nel 1987, ha studiato Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Perugia. Autore di "Contro lo Smart Working" (Laterza, 2021) e di "Pretendi il Lavoro! L'alienazione ai tempi degli algoritmi" (GOG, 2019). Sindacalista, si occupa di diritto del lavoro, collabora con diverse riviste.

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti