Che Guevara, rivoluzionario per sempre

Che Guevara, rivoluzionario per sempre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Telesur

Oggi, 14 giugno, ricorre il 93° anniversario della nascita di Ernesto Che Guevara, simbolo della lotta per l'emancipazione, rispettato e amato in tutto il mondo.

L'esempio e gli insegnamenti del Che resistono, cosa che l'imperialismo non aveva previsto quando ne ha ordinato la morte. Se prima lo temevano, ora lo temono di più.

La crescita dell'eroe e l'ammirazione che ha suscitato sono segnate da dettagli interessanti e sfaccettature curiose. Queste linee sono vicine ad alcune di esse.

Passione per gli scacchi

L'interesse che il Che ebbe per il gioco della scienza è noto e abbondano gli aneddoti sul passaggio della guerriglia argentino-cubana attraverso il regno di Caissa.

Nel 1949, a Mar del Plata (Argentina), il Che è intervenuto in una partita simultanea contro l'asso Miguel Najdorf. Anni dopo, dopo il trionfo della Rivoluzione cubana, entrambi si incontrarono di nuovo all'Avana e si affrontarono più e più volte contemporaneamente. In entrambe le occasioni hanno concordato un pareggio.

Mentre era a Cuba, Guevara era un instancabile promotore di scacchi. Ha creato tornei statali e il concorso internazionale Capablanca in Memoriam. Il suo lavoro come promotore gli è valso l'inclusione nel Libro d'Oro della Federazione Internazionale di Scacchi (FIDE).

Il Che considerava gli scacchi uno strumento educativo per sviluppare volontà, rigore e flessibilità. Credeva anche che lo sviluppo degli scacchi e della matematica potesse aprire le porte allo sviluppo in molte sfere.

Cantanti e poeti ricordano il Che

Numerosi cantanti e poeti, rappresentanti della sfera culturale latinoamericana e non solo, hanno immortalato il Che nei loro canti e versi.

Il cantante venezuelano Alí Primera, gli ha dedicato una bellissima canzone, intitolata “Mille uomini fanno”: Le tue mani non sono ancora morte / sono vive / perché premono il grilletto / guerrigliero / di quell'enorme fucile / la volontà delle persone ...

Silvio Rodríguez ha affermato che l'epopea guevariana ha toccato profondamente l'anima di molti giovani di diverse generazioni. Per quanto ne sappiamo, il compositore cubano ha composto sette canzoni dedicate a Guevara: "L'era fa nascere un cuore", "Fucile contro fucile", "America, sto parlando di Ernesto", "Un uomo si alza " (o "Anticamera di un Tupamaro"),“ La pecora nera ”,“Uomo”e“ Tonada del albedrío ”.

Tra i tanti poeti che il Che ha ispirato, possiamo citare Roque Dalton, Mario Benedetti e Nicolás Guillén. 

Pablo Neruda e il Che si incontrarono nel 1959. Anni dopo, dopo la sua eroica morte in Bolivia, il bardo cileno disse: “Mi commuove che nel diario di Che Guevara io sia l'unico poeta citato dal grande guerrigliero. Ricordo che una volta il Che mi raccontò (…) di aver letto tante volte il mio Canto Generale ai primi, umili e gloriosi uomini barbuti della Sierra Maestra”.

Un'allusione ai versi di Neruda fu fatta dal Che dopo la morte, il 25 aprile 1967, di uno dei suoi più valorosi soldati della guerriglia boliviana, il cubano Eliseo Reyes, detto Capitano San Luis.

Negli appunti del suo diario, tra altre tristi frasi, il Che dice: "... Il tuo piccolo cadavere di capitano coraggioso ha esteso immensamente la sua forma metallica..."

Immagine più riprodotta

La leggendaria fotografia del Che scattata dal fotografo cubano Alberto Díaz (Korda) ha da poco compiuto 60 anni.

Nel marzo del 1960, una nave armata arrivò all'Avana per difendere la Rivoluzione cubana. La CIA la fece saltare in aria mentre le armi venivano scaricate, provocando un centinaio di morti e quasi 200 feriti. I funerali dei defunti, ai quali il Che partecipò, si sono svolti il ??5 marzo. Lì è stata scattata l'immagine, che ha attraversato i confini ed è diventata l'identificazione di una lotta comune in diverse regioni del pianeta.

Quattro trincee internazionaliste

Il Che viene solitamente identificato con le gesta rivoluzionarie di Cuba e Bolivia, ma è stato anche un combattente internazionalista in Guatemala e Congo.

In Centroamerica partecipò direttamente allo scontro con le forze che rovesciarono il governo di Jacobo Árbenz per il “peccato” di proclamare una riforma agraria in quel paese. Questo colpo di stato di destra fu organizzato e sostenuto dalla CIA.

In Congo, un'ex colonia belga, il Che e una colonna internazionalista cubana sostennero la lotta rivoluzionaria e concretizzarono il loro impegno di solidarietà con l'Africa nella lotta contro il colonialismo e il neocolonialismo. La sua presenza in quel paese fu dall'aprile al novembre 1965.

Il Secondo Comandante

Nei primi giorni di luglio 1957, e dopo l'incorporazione di contadini e combattenti delle città nella guerriglia della Sierra Maestra, Fidel Castro decise di creare una seconda colonna guerrigliera e affidò al Che l'incarico di guidarla, con gradi di capitano.

Lì, tra tanti validi compagni dediti alla causa rivoluzionaria, Fidel già distingueva le qualità del Che. Settimane dopo fu promosso a comandante e la sua colonna diventò la n. 4.

Un'arma della Rivoluzione

In Argentina, quando aveva appena 20 anni, il Che creò la rivista Tacle e vi pubblicò diversi lavori. Successivamente, in Cile e Messico, ha lavorato come fotografo di strada e successivamente come fotoreporter per l'agenzia di stampa argentina Latina.

Nel novembre 1957, durante il suo periodo di guerriglia a Cuba, creò il bollettino "El Cubano Libre" e nel febbraio 1958 l'emittente radiofonica Radio Rebelde, arma fondamentale nella lotta rivoluzionaria.

La cultura, il talento e la convinzione che il Che aveva del ruolo del giornalismo e della diffusione della storia, si sono manifestati nei suoi libri "Passaggi della guerra rivoluzionaria" e "Guerriglia", dove ha analizzato aspetti della lotta rivoluzionaria e degli eventi accaduti in Cuba e altre parti del mondo.

Cubano di nascita

Nel febbraio 1959 fu pubblicato, in un'edizione straordinaria della Gazzetta Ufficiale, che il Consiglio dei Ministri di Cuba aveva concesso a Ernesto Che Guevara la nazionalità cubana per nascita, tenendo conto dei suoi grandi meriti nella lotta guerrigliera e nella costruzione della nuova società.

Nella storia cubana, solo il militare dominicano Máximo Gómez —il Generalissimo delle lotte per l'indipendenza— e il Che hanno ricevuto tale riconoscimento.

Il medico rivoluzionario

Oggi, mentre il mondo applaude con maggior ammirazione l'esempio dei medici cubani che prestano assistenza nei luoghi più remoti, dobbiamo guardare indietro al Che e scoprire che alcune sue idee sono alla base dell'umanesimo di quei medici. Questi sono estratti dal suo discorso noto come "Il Dottore Rivoluzionario", pronunciato nell'agosto del 1960:

“(…) Poi ho capito una cosa fondamentale: per essere un medico rivoluzionario o per essere un rivoluzionario, la prima cosa che devi avere è la rivoluzione. Lo sforzo isolato, lo sforzo individuale, la purezza degli ideali, l'entusiasmo sono inutil, se quello sforzo viene fatto da solo, da solo in qualche angolo d'America, combattendo contro governi avversi e condizioni sociali che non consentono il progresso.

"Per fare una rivoluzione è necessario ciò che esiste a Cuba: che un intero popolo si mobiliti e impari, con l'uso delle armi e l'esercizio dell'unità combattente, quanto vale un'arma e quanto vale l'unità del popolo.

"(…) Il nostro compito oggi è guidare la capacità creativa di tutti i professionisti medici verso i compiti della medicina sociale.

“(…) Il medico, l'operatore sanitario, deve poi andare al centro del suo nuovo lavoro, che è l'uomo nella massa, l'uomo nella comunità”.

 

 

La lettera di Draghi-Trichet a Berlusconi compie 10 anni di Paolo Desogus La lettera di Draghi-Trichet a Berlusconi compie 10 anni

La lettera di Draghi-Trichet a Berlusconi compie 10 anni

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio! di Giorgio Cremaschi Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti