Chi sono e cosa chiedono i manifestanti in Kazakistan?

Chi sono e cosa chiedono i manifestanti in Kazakistan?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le proteste in diverse città kazake sono scoppiate il 2 gennaio a causa dell'aumento dei prezzi del gas nel paese, ma presto le rivendicazioni sono divenute squisitamente politiche, con scontri tra manifestanti e agenti delle forze dell'ordine avvenuti tra la fine del 4 gennaio e l'inizio del 5 gennaio nella città di Almaty.

A partire da mercoledì, almeno 137 agenti di polizia e 53 civili sono rimasti feriti durante le proteste di massa ad Almaty, con la più grande città del paese che vede folle di manifestanti tentare di prendere d'assalto l'ufficio del sindaco mentre le forze dell'ordine cercano di fermarli senza successo.

L'ufficio del sindaco è stato dato alle fiamme dai manifestanti e si sono sentiti anche degli spari vicino all'edificio, secondo un corrispondente di Sputnik che ha riferito l’accaduto.

Da allora sono emersi diversi video sui social media che sembrano mostrare manifestanti assaltare l'ufficio del sindaco, con alcuni che entrano nell'edificio e un altro gruppo che, secondo quanto riferito, si è invece diretto verso la vecchia residenza presidenziale prendendola d’assalto.

Come dicevamo in apertura i disordini in corso in Kazakistan sono stati innescati da un'impennata dei prezzi del gas che ha seguito la nuova politica dei prezzi del gas liquefatto del governo. Dal 1° gennaio i prezzi sono saliti alle stelle, passando inizialmente da circa 60 tenges a 80 e poi fino a 120 tenges (circa $ 3) al litro, spingendo i residenti di Aktau e Zhanaozen nella regione sudoccidentale di Mangystau a scendere in piazza, con la richiesta che i prezzi fossero abbassati. 

L'economia di queste regioni sud-occidentali del Paese è strettamente legata al petrolio e al gas, e non è la prima volta che nell'area scoppiano disordini. Nel 2011, Zhanaozen ha assistito a una manifestazione di massa di persone impegnate nel settore che è degenerata in proteste mortali e ha causato 15 vittime e centinaia di feriti.

Adesso, la stessa regione sta assistendo di nuovo a proteste di massa, con gli appelli per abbassare i prezzi del gas che si sono presto trasformati in richieste politiche come l'introduzione delle elezioni per i capi delle regioni e delle città della nazione asiatica ex sovietica e il ritorno della Costituzione del 1993.

In ogni caso, proteste così massicce e forti per l'aumento dei prezzi del gas, utilizzato da un numero limitato di automobilisti, sono inaspettate per le autorità. Ed è dubbio che siano la ragione principale dell'insoddisfazione dei kazaki, afferma Stanislav Pritchin, ricercatore senior presso il Centro di studi post-sovietici dell'IMEMO RAS. L'aumento dei prezzi è stato annullato, ma questo non ha per nulla influito sulla dinamica dello sviluppo delle proteste.

"Le autorità non hanno preventivato una tale reazione, come hanno fatto diversi anni fa, quando hanno portato avanti la riforma agraria e “manifestazioni anti-cinesi” sono scoppiate in tutto il paese, ha spiegato lo studioso dello spazio post-sovietico.

Anche la geografia è indicativa: le proteste sono iniziate nell'ovest del Paese. "Ci sono diversi fattori qui: la natura piuttosto appassionata dei residenti locali, che difendono sempre attivamente i loro diritti. E in secondo luogo, le maggiori requisiti di sicurezza sociale", afferma Pritchin. E le persone hanno una forte domanda di giustizia sociale. Inoltre la produzione viene effettuata nei vecchi campi dove non ci sono investimenti, il che significa che è impossibile aumentare il volume della produzione e garantire un aumento dei salari".

Poi, la velocità con cui le rivolte si sono diffuse in tutto il Paese indica un grado di organizzazione piuttosto elevato. Non è ancora chiaro chi sia il centro, ma è ovvio che si tratta di forze interne, che hanno i propri interessi, sottolinea Pritchin.

Ci sono però anche indicazione che puntano vero l’estero in uno scenario che sembra richiamare i fatti di Maidan in Ucraina. 

Uno scenario a cui fa aperto riferimento quello che sembra essere uno dei leader della protesta. 

«Costruiremo lo stesso fantastico paese dell'America e dell'Europa, come già fatto in Kirghizistan, Ucraina, Georgia e Armenia», ha affermato uno dei leader della ‘Rivoluzione del Kazakistan’ o chi gestisce per lui la pagina in rete con numeri di telefono dei coordinatori WhatsApp dall'Ucraina. 

Infine desta qualche sospetto il fatto che già a meta dicembre l’ambasciata statunitense in Kazakistan avesse diffuso un alert su possibili manifestazioni di protesta violente nel paese centro asiatico. 

Il presidente kazako ha lanciato un appello al popolo: “Le chiamate ad attaccare uffici civili e militari sono completamente illegali", ha detto Tokaev. "È un crimine! Il potere non cadrà! Non abbiamo bisogno di conflitto, ma di fiducia reciproca e di dialogo".

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza" di Pasquale Cicalese "Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO