Chomsky: La spinta degli Stati Uniti al "regno supremo" alimenta il conflitto in Ucraina

Chomsky: La spinta degli Stati Uniti al "regno supremo" alimenta il conflitto in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Intervista di CJ Polychroniou a Noam Chomsky

Il panico politico irrazionale è un fenomeno americano tanto quanto la torta di mele. Sorge spesso come risultato di una potenziale incapacità da parte dei poteri costituiti di controllare l'esito di sviluppi che possono porre sfide agli interessi dell'ordine socioeconomico esistente o allo status quo dell'ambiente geostrategico. L'era della Guerra Fredda la dice lunga su questo fenomeno, ma è evidente anche in periodi precedenti - ad esempio, il primo Red Scare sulla scia della prima guerra mondiale - e possiamo vedere chiari parallelismi nella situazione odierna con le reazioni L'Ucraina e l'ascesa della Cina a potenza mondiale. Nell'intervista che segue, l'intellettuale pubblico di fama mondiale Noam Chomsky approfondisce il fenomeno del panico politico irrazionale negli Stati Uniti, con un'enfasi sugli sviluppi attuali sul fronte della politica estera e sui pericoli di cercare di mantenere l'egemonia globale in un mondo multipolare .

CJ Polychroniou: La cultura politica negli Stati Uniti sembra avere una propensione all'allarmismo quando si tratta di sviluppi politici che non sono in sintonia con gli interessi economici, la mentalità ideologica e gli interessi strategici dei poteri forti. In effetti, dal panico anti-spagnolo della fine degli anni '90 dell'Ottocento alla rabbia odierna per i problemi di sicurezza della Russia sull'Ucraina, e il ruolo crescente della Cina negli affari mondiali e tutto il resto, l'establishment politico e i media di questo paese tendono a rispondere in piena regola allarme per sviluppi che non sono in linea con gli interessi, i valori e gli obiettivi degli Stati Uniti. Può commentare questo particolare stato di cose, con particolare enfasi su ciò che sta accadendo oggi in relazione all'Ucraina e alla Cina?

Noam Chomsky: Verissimo. A volte è difficile da credere. Uno degli esempi più significativi e rivelatori è il quadro retorico del grande documento di pianificazione interna dei primi anni della Guerra Fredda, NSC-68 del 1950 , poco dopo “la perdita della Cina”, che scatenò una frenesia negli Stati Uniti Il documento ha posto le basi per un'enorme espansione del bilancio militare. Vale la pena ricordare oggi che le tensioni di questa follia stanno risuonando, non per la prima volta; è perenne.

Le raccomandazioni politiche di NSC-68 sono state ampiamente discusse negli studiosi, pur evitando la retorica isterica. Si legge come una favola: il male finale di fronte alla purezza assoluta e al nobile idealismo. Da una parte c'è lo "stato schiavo" con il suo "progetto fondamentale" e la sua intrinseca "coazione" a ottenere "l'autorità assoluta sul resto del mondo", distruggendo tutti i governi e la "struttura della società" ovunque. Il suo ultimo male contrasta con la nostra assoluta perfezione. Lo “scopo fondamentale” degli Stati Uniti è assicurare ovunque “la dignità e il valore dell'individuo”. I suoi leader sono animati da "impulsi generosi e costruttivi e dall'assenza di cupidigia nelle nostre relazioni internazionali", che è particolarmente evidente nei tradizionali domini di influenza degli Stati Uniti, l'emisfero occidentale,

Chiunque avesse familiarità con la storia e l'attuale equilibrio del potere globale in quel momento avrebbe reagito a questa performance con totale sconcerto. I suoi autori del Dipartimento di Stato non avrebbero potuto credere a quello che stavano scrivendo. Alcuni in seguito hanno dato un'indicazione di cosa stavano facendo. Il Segretario di Stato Dean Acheson ha spiegato nelle sue memorie che per irrompere nell'enorme espansione militare pianificata, era necessario "colpire la mente di massa del 'alto governo'" in modi che fossero "più chiari della verità". Anche l'influente senatore Arthur Vandenberg lo capì quando consigliò [nel 1947] che il governo doveva "spaventare a morte il popolo americano" per risvegliarlo dalla sua arretratezza pacifista.

I precedenti sono tanti, e in questo momento i tamburi battono con avvertimenti sul compiacimento americano e l'ingenuità sulle intenzioni del "cane pazzo" Putin di distruggere ovunque la democrazia e sottomettere il mondo alla sua volontà, ora alleato con l'altro "Grande Satana", Xi Jinping.

Il vertice Putin-Xi del 4 febbraio, in occasione dell'apertura dei Giochi Olimpici, è stato riconosciuto come un evento importante per gli affari mondiali. La sua recensione in un importante articolo sul New York Times è intitolato “ A New Axis”, l'allusione non celata. La recensione riportava le intenzioni della reincarnazione delle potenze dell'Asse: "Il messaggio che Cina e Russia hanno inviato ad altri Paesi è chiaro", scrive David Leonhardt. "Non faranno pressioni su altri governi affinché rispettino i diritti umani o tengano elezioni". E con sgomento di Washington, l'Asse sta attirando due paesi dal "campo americano", l'Egitto e l'Arabia Saudita, esempi stellari di come gli Stati Uniti rispettano i diritti umani e le elezioni nel loro campo, fornendo un massiccio flusso di armi a queste brutali dittature e partecipare direttamente ai loro crimini. Il Nuovo Asse sostiene inoltre che “un Paese potente dovrebbe poter imporre la sua volontà all'interno della sua dichiarata sfera di influenza. Il paese dovrebbe anche essere in grado di rovesciare un governo vicino più debole senza che il mondo interferisca", un'idea che gli Stati Uniti

Venticinque secoli fa, l'Oracolo di Delfi emise una massima: "Conosci te stesso". Vale la pena ricordare, forse.

Come nel caso di NSC-68, c'è metodo nella follia. Cina e Russia rappresentano una vera minaccia. L'egemone globale non li prende alla leggera. Ci sono alcune caratteristiche comuni sorprendenti nel modo in cui l'opinione pubblica e la politica degli Stati Uniti stanno reagendo alle minacce. Meritano qualche riflessione.

Il Consiglio Atlantico descrive la formazione del Nuovo Asse come un "cambiamento tettonico nelle relazioni globali" con piani davvero da far "girar la testa": "Le parti hanno concordato di collegare più strettamente le loro economie attraverso la cooperazione tra la Belt and Road Initiative cinese e l'Eurasian di Putin Unione Economica. Lavoreranno insieme per sviluppare l'Artico. Approfondiranno il coordinamento nelle istituzioni multilaterali e combatteranno il cambiamento climatico”.

Non dobbiamo sottovalutare il grande significato della crisi ucraina, aggiunge Damon Wilson , presidente del National Endowment for Democracy. “La posta in gioco della crisi odierna non riguarda solo l'Ucraina, ma il futuro della libertà”, nientemeno.

Devono essere prese subito misure forti, afferma il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell: "Il presidente Biden dovrebbe usare tutti gli strumenti nella sua cassetta degli attrezzi e imporre sanzioni severe prima di qualsiasi invasione e non dopo che è avvenuta". Non c'è tempo per indugiare con gli appelli in stile Macron all'orso furioso per moderare la sua violenza.

La dottrina ricevuta è che dobbiamo affrontare la formidabile minaccia della Cina e rimanere saldi sull'Ucraina, mentre l'Europa vacilla e l'Ucraina ci chiede di attenuare la retorica e perseguire misure diplomatiche. Fortunatamente per il mondo, Washington è incrollabile nella sua dedizione a ciò che è giusto e giusto, anche se è quasi da solo, come quando invade giustamente l'Iraq e strangola Cuba a dispetto di una protesta internazionale praticamente uniforme, per prenderne solo due da una pletora di esempi.

Ad essere onesti, l'adesione alla dottrina non è uniforme. C'è una deviazione, più forte all'estrema destra: Tucker Carlson, probabilmente la voce televisiva più influente. Ha detto che non dovremmo essere coinvolti nella difesa dell'Ucraina contro la Russia, perché dovremmo dedicare tutte le nostre risorse per affrontare la ben più terribile minaccia cinese. Dobbiamo chiarire le nostre priorità nella lotta contro l'Asse.

Gli avvertimenti sulla mobilitazione della Russia per invadere l'Ucraina sono stati un evento mediatico annuale dalla crisi del 2014, con rapporti regolari di decine o centinaia di migliaia di truppe russe che si preparano ad attaccare. Oggi, tuttavia, gli avvertimenti sono molto più striduli, con un misto di paura e ridicolo per il cosiddetto Mad Vlad, che Thomas Friedman del New York Times descrive come uno "psicodramma individuale, con un gigantesco complesso di inferiorità verso l'America questo lo lascia sempre a perseguitare il mondo con una scheggia sulla spalla così grande che è incredibile che possa passare attraverso qualsiasi porta", o da un'altra prospettiva, il leader russo che cerca invano una risposta alle sue ripetute richieste di attenzione alle preoccupazioni espresse dalla Russia . Un'analisi di MintPress lo ha scoperto. Il 90 per cento degli articoli di opinione sui tre principali giornali nazionali ha adottato una posizione militante da falco, con una scarsa dispersione di interrogativi - un fenomeno familiare, come nei giorni precedenti l'invasione dell'Iraq e, di fatto, di routine quando lo stato ha pronunciato il parola.

Come nel caso della cospirazione sino-sovietica per ottenere "l'autorità assoluta sul resto del mondo" nel 1950, la parola ora è che gli Stati Uniti devono agire con decisione per contrastare la minaccia del Nuovo Asse al "governo globale” che viene salutato dai commentatori statunitensi, un concetto interessante su cui tornerò brevemente.

Il "cambiamento tettonico" non è un mito e rappresenta una minaccia per gli Stati Uniti. Minaccia il primato degli Stati Uniti nel plasmare l'ordine mondiale. Questo vale per entrambe le aree di crisi, ai confini della Russia e della Cina. In entrambi i casi sono a portata di mano accordi negoziati: accordi regionali. Se verranno raggiunti, gli Stati Uniti avranno solo un ruolo accessorio, che potrebbero non essere disposti ad accettare anche a costo di infiammare scontri estremamente rischiosi.

In Ucraina, i contorni di base di un insediamento sono ben noti da tutte le parti; ne abbiamo discusso prima. Ripeto, il risultato ottimale per la sicurezza dell'Ucraina (e del mondo) è il tipo di neutralità austro-nordica che ha prevalso negli anni della Guerra Fredda, offrendo l'opportunità di far parte dell'Europa occidentale in qualunque misura essi scelsero, sotto ogni aspetto a parte dal fornire agli Stati Uniti basi militari, che sarebbero state una minaccia per loro così come per la Russia. Per i conflitti interni all'Ucraina, Minsk II fornisce un quadro generale.

Come osservano molti analisti, l'Ucraina non aderirà all'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) nel prossimo futuro. George W. Bush ha lanciato avventatamente un invito ad aderire, ma è stato immediatamente posto il veto da Francia e Germania. Sebbene rimanga sul tavolo sotto la pressione degli Stati Uniti, non è un'opzione. Tutte le parti lo riconoscono. L'astuto e competente studioso dell'Asia centrale Anatol Lieven commenta che "l'intera questione dell'adesione dell'Ucraina alla NATO è in realtà puramente teorica, quindi, per alcuni aspetti, l'intero argomento è un argomento sul nulla - da entrambe le parti, va detto, Russo così come l'Occidente".

Il suo commento fa venire in mente la descrizione dello [scrittore argentino Jorge Luis] Borges della guerra delle Falkland/Malvinas: due uomini calvi che combattono per un pettine.

La Russia fa valere problemi di sicurezza. Per gli Stati Uniti, è una questione di alto principio: non possiamo violare il sacro diritto alla sovranità delle nazioni, da cui il diritto di aderire alla NATO, che Washington sa che non accadrà.

Da parte russa, un impegno formale di non allineamento difficilmente aumenta la sicurezza russa, non più di quanto la sicurezza russa sia stata rafforzata quando Washington ha garantito a Gorbaciov che "non un centimetro dell'attuale giurisdizione militare della NATO si estenderà in direzione orientale", presto abrogata da Clinton, poi più radicalmente da W. Bush. Nulla sarebbe cambiato se la promessa fosse passata da un gentlemen's agreement a un documento firmato.

L'appello degli Stati Uniti difficilmente raggiunge il livello di commedia. Gli Stati Uniti hanno un totale disprezzo per il principio che proclamano con orgoglio, come la storia recente conferma ancora una volta drammaticamente.

Per Washington, c'è una questione più profonda: un accordo regionale sarebbe una seria minaccia per il ruolo globale degli Stati Uniti. Questa preoccupazione è stata ribollente durante gli anni della Guerra Fredda. L'Europa assumerà un ruolo indipendente negli affari mondiali, come sicuramente può, forse lungo le linee golliste: l'Europa dall'Atlantico agli Urali, ripresa nel 1989 dalla difesa di Gorbaciov di una "casa comune europea", un "vasto spazio economico dall'Atlantico al gli Urali”? Ancora più impensabile sarebbe la visione più ampia di Gorbaciov di un sistema di sicurezza eurasiatico da Lisbona a Vladivostok senza blocchi militari, abbattuto senza discussione nei negoziati 30 anni fa su un accordo post-Guerra Fredda.

L'impegno a mantenere l'ordine atlantista in Europa, in cui gli Stati Uniti regnano sovrani, ha avuto implicazioni politiche che vanno oltre la stessa Europa. Un esempio cruciale è stato il Cile nel 1973, quando gli Stati Uniti stavano lavorando duramente per rovesciare il governo parlamentare, riuscendo finalmente con l'instaurazione della dittatura assassina di Pinochet. Una delle ragioni principali per distruggere la democrazia in Cile è stata spiegata dal suo principale architetto, Henry Kissinger. Ha avvertito che le riforme sociali parlamentari in Cile potrebbero fornire un modello per sforzi simili in Italia e Spagna che potrebbero portare l'Europa su un percorso indipendente, lontano dalla subordinazione al controllo statunitense e al modello statunitense di capitalismo più duro. La teoria del domino, spesso derisa, non è mai stata abbandonata, perché è un importante strumento di governo.

Più o meno lo stesso vale nel confronto con la Cina. Come abbiamo discusso in precedenza , ci sono seri problemi riguardanti la violazione del diritto internazionale da parte della Cina nei mari vicini, anche se gli Stati Uniti, essendo l'unico paese marittimo che si rifiuta persino di ratificare la legge sul mare delle Nazioni Unite, non sono in una posizione forte per obiettare . Né gli Stati Uniti alleviano questi problemi inviando un'armata navale attraverso queste acque o fornendo all'Australia una flotta di sottomarini nucleari per rafforzare la già schiacciante superiorità militare degli Stati Uniti al largo delle coste della Cina. Le questioni possono e devono essere affrontate dai poteri regionali.

Come nel caso dell'Ucraina, tuttavia, c'è un aspetto negativo: gli Stati Uniti non saranno al comando.

Anche come nel caso dell'Ucraina, gli Stati Uniti professano il loro impegno di alto principio nel prendere la guida per affrontare la minaccia della Cina: il loro orrore per le violazioni dei diritti umani da parte della Cina, che sono senza dubbio gravi. Ancora una volta, è abbastanza facile valutare la sincerità di questa posizione. Un indice rivelatore è l'aiuto militare statunitense. Al vertice, in una categoria a parte, Israele ed Egitto. Sul record israeliano sui diritti umani, possiamo ora fare riferimento ai rapporti dettagliati di Amnesty International e Human Rights Watch, che esaminano i crimini di quello che descrivono come il secondo stato di apartheid al mondo. L'Egitto sta soffrendo sotto la dittatura più dura della sua storia tormentata. Più in generale, per molti anni c'è stata una sorprendente correlazione tra gli aiuti militari statunitensi e la tortura, i massacri e altre gravi violazioni dei diritti umani.

Non c'è più bisogno di indugiare sulla preoccupazione di Washington per i diritti umani che sulla sua dedizione al sacro principio della sovranità. Il fatto che queste assurdità possano anche essere discusse illustra quanto profondamente i voli retorici di NSC-68 permeino la cultura intellettuale.

Il docente della Hebrew University Guy Laron ce lo ricorda utilmente di un altro aspetto della crisi ucraina: la lunga lotta tra USA e Russia per il controllo dell'energia europea, ancora oggi nei titoli dei giornali. Anche prima che la Russia diventasse un attore, gli Stati Uniti cercavano di spostare l'Europa (e il Giappone) verso un'economia basata sul petrolio, dove gli Stati Uniti avrebbero avuto la mano sul rubinetto. Gran parte degli aiuti del Piano Marshall erano diretti a questo scopo. Da George Kennan a Zbigniew Brzezinski commentando l'invasione dell'Iraq (a cui si opponeva, ma riteneva potesse conferire vantaggi agli Stati Uniti con il previsto controllo sulle principali risorse petrolifere), i pianificatori hanno riconosciuto che il controllo sulle risorse energetiche potrebbe fornire una "leva critica" su alleati. Gli anni successivi videro molte lotte nel quadro della Guerra Fredda descritto da Laron, ora molto importante. L'Ucraina ha avuto un ruolo importante in questi scontri.

In tutto, la forma dell'ordine mondiale è stata ovviamente una preoccupazione trainante dei responsabili politici. Per la Washington del secondo dopoguerra, c'è solo una forma accettabile: sotto la sua guida. E deve trattarsi di una forma particolare di ordine mondiale: l'“ordine internazionale basato sulle regole”, che ha sostituito un precedente impegno per l'“ordine internazionale basato sull'ONU” stabilito sotto la guida degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale. Non è difficile discernere le ragioni della transizione nella politica e nei commenti di accompagnamento. Nell'ordine basato sulle regole, gli Stati Uniti stabiliscono le regole.

Lo stesso era vero nell'ordine basato sulle Nazioni Unite nei primi anni dopo la seconda guerra mondiale. Il predominio globale degli Stati Uniti è stato così schiacciante che le Nazioni Unite sono servite virtualmente come uno strumento della politica estera degli Stati Uniti e un'arma contro i suoi nemici. Non sorprende che le Nazioni Unite fossero molto apprezzate nella cultura popolare e intellettuale degli Stati Uniti, insieme all'ordine internazionale basato sulle Nazioni Unite, guidato da Washington.

Quella si è rivelata una fase transitoria. L'ONU iniziò a perdere il favore dell'elite statunitense, poiché barcollava fuori controllo con la ripresa di altre società industriali, ma in particolare con la decolonizzazione, che portò voci discordanti all'interno delle Nazioni Unite e anche in strutture indipendenti come il Movimento dei Paesi Allineati e molti altri — tutti molto vocali e attivi, sebbene di fatto esclusi dall'ordine internazionale dell'informazione dominato dalle società imperiali tradizionali.

All'interno delle Nazioni Unite c'erano richieste per un "Nuovo Ordine Economico Internazionale" che offrisse al Sud del mondo qualcosa di meglio di una continuazione della rapina su larga scala, dell'intervento violento e della sovversione di cui il mondo colonizzato aveva goduto durante il lungo regno dell'imperialismo occidentale. C'erano altre minacce, come un appello per un Nuovo Ordine Internazionale d'Informazione che avrebbe fornito qualche opportunità alle voci delle ex colonie di entrare nel sistema d'informazione internazionale, un quasi monopolio delle potenze imperiali.

I padroni del mondo hanno intrapreso vigorose campagne per respingere questi sforzi, un capitolo importante, sebbene in gran parte ignorato, della storia moderna, anche se non completamente; c'è un bel lavoro di esposizione e di analisi .

Un effetto degli sforzi dirompenti del Sud del mondo è stato quello di rivoltare la pratica e l'opinione dell'élite degli Stati Uniti contro l'ONU, non più un'agenzia affidabile del potere degli Stati Uniti come lo era stata nei primi anni della Guerra Fredda. Inoltre, le basi del diritto internazionale moderno nei pochi trattati delle Nazioni Unite che gli Stati Uniti hanno ratificato sono diventate del tutto inaccettabili con il passare degli anni, in particolare il divieto della "minaccia o dell'uso della forza" negli affari internazionali, una pratica in cui gli Stati Uniti sono lontani la guida. È convenzionale dire che gli Stati Uniti e la Russia si sono impegnati in guerre per procura durante gli anni della Guerra Fredda, omettendo il fatto che, con rare eccezioni, si trattava di conflitti in cui la Russia forniva supporto alle vittime dell'attacco statunitense. Tutti argomenti che dovrebbero avere molto più risalto.

In questo contesto, l '"ordine internazionale basato sulle regole" è diventato il pilastro privilegiato dell'ordine mondiale, e c'è molto fastidio quando la Cina chiede invece l'ordine internazionale basato sulle Nazioni Unite come ha fatto al rancoroso vertice Cina-USA del marzo 2021 in Alaska (mettendo da parte la sincerità di questi pronunciamenti).

È interessante vedere come si svolga il conflitto con la Cina nella politica e nel discorso degli Stati Uniti in altri ambiti. Un articolo in prima pagina sul New York Times è intitolato : “House approva Bill che aggiunge miliardi alla ricerca per competere con la Cina; Il voto avvia una lotta con il Senato, che ha diverse raccomandazioni su come gli Stati Uniti dovrebbero sostenere la loro industria tecnologica per affrontare la Cina”. Il nome ufficiale del disegno di legge è "The America Competes Act del 2022", che significa "competizione" con la Cina.

Il passaggio del disegno di legge è stato acclamato dalla stampa di sinistra liberale: "La Camera ha dato al presidente Joe Biden un altro motivo per festeggiare venerdì con l'approvazione di un disegno di legge volto a rafforzare la competitività con la Cina".

Il Congresso potrebbe sostenere la ricerca e lo sviluppo perché aiuterebbe la società americana, come sicuramente farebbe questo disegno di legge? Apparentemente no; solo perché "affronterebbe la Cina". I repubblicani si sono opposti al disegno di legge come al solito, in questo caso perché " concede troppo alla Cina ". I repubblicani si sono anche opposti a quelle che chiamavano iniziative di "estrema sinistra" come affrontare il cambiamento climatico. Il disegno di legge è stato deriso dal leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy come il "disegno di legge sulle barriere coralline". In che modo salvare l'umanità dall'autodistruzione aiuta a competere con la Cina?

Un commento a margine: Pramila Jayapal, presidente del Progressive Caucus, ha introdotto un emendamento al disegno di legge, un appello a rilasciare i quasi 10 miliardi di dollari del governo afgano detenuti nelle banche di New York, in modo da aiutare ad alleviare l'orrenda crisi umanitaria che sta affrontando la popolazione. È stato bocciato. Quarantaquattro Democratici si unirono alla brutalità repubblicana. Sembra che l'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai con sede in Cina potrebbe pianificare aiuti, più della minaccia cinese.

Non si può negare che la Cina sia una superpotenza emergente di fronte agli Stati Uniti. Riportando uno studio del Belfer Center of International Affairs di Harvard, Graham Allison ha affermato inoltre che la cosiddetta trappola di Tucidide potrebbe portare a una guerra USA-Cina.

Non può succedere. Guerra USA-Cina significa semplicemente: game over. Ci sono questioni globali critiche su cui gli Stati Uniti e la Cina devono collaborare. O lavoreranno insieme, o crolleranno insieme, portando il mondo giù con loro.

Uno degli sviluppi più sorprendenti nell'arena internazionale oggi è che mentre gli Stati Uniti si stanno ritirando dal Medio Oriente e altrove, la Cina si sta muovendo ma con un approccio strategico e un'agenda generale diversi. Invece di bombe, missili e diplomazia coercitiva, la Cina sta espandendo la sua influenza con l'uso del "soft power". In effetti, l'espansione degli Stati Uniti all'estero è sempre stata in modo schiacciante dipendente dall'uso dell'hard power e, di conseguenza, avrebbe lasciato dietro di sé i buchi neri solo dopo il suo ritiro. Fino a che punto, come qualcuno potrebbe sostenere, è questo il risultato di una giovane nazione ignorante della storia e con mancanza di esperienza negli affari globali (sebbene sarebbe difficile trovare esempi di imperialismo benigno)?

Non credo che gli Stati Uniti abbiano forgiato nuove strade nella brutalità imperiale occidentale. Basta considerare i suoi immediati predecessori nel controllo mondiale. La ricchezza e il potere globale britannici derivavano dalla pirateria (figure eroiche come Sir Francis Drake), depredando l'India con l'astuzia e la violenza, l'orrenda schiavitù, la più grande impresa di narcotraffico del mondo e altri atti simili. La Francia non era diversa. Il Belgio ha battuto i record di crimini orribili. La Cina di oggi non è affatto benigna nella sua portata molto più limitata. Sarebbe difficile trovare eccezioni.

I due casi da lei citati hanno caratteristiche altamente istruttive, messe in evidenza chiaramente, anche se non intenzionalmente, da come sono rappresentati. Prendi un articolo sul New York Times sulla crescente minaccia cinese. Il titolo recita: “Mentre gli Stati Uniti si ritirano dal Medio Oriente, la Cina si appoggia; espandendo i suoi legami con gli stati del Medio Oriente con ingenti investimenti infrastrutturali e cooperazione su tecnologia e sicurezza".

Questo è accurato; è un esempio di ciò che sta accadendo in tutto il mondo. Gli Stati Uniti stanno ritirando le forze militari che per decenni hanno colpito la regione del Medio Oriente nel tradizionale stile imperiale. I cinesi malvagi stanno sfruttando la ritirata espandendo l'influenza della Cina con investimenti, prestiti, tecnologia, programmi di sviluppo. Quello che viene chiamato "potere morbido".

Non solo in Medio Oriente. Il progetto cinese più ampio è l'enorme Belt and Road Initiative (BRI) che sta prendendo forma nell'ambito della Shanghai Cooperation Organization, che incorpora gli stati dell'Asia centrale, India, Pakistan, Russia, ora Iran, arrivando fino alla Turchia e con i suoi occhio all'Europa centrale. Potrebbe benissimo includere l'Afghanistan se riuscirà a sopravvivere alla sua attuale catastrofe. Gli aiuti e lo sviluppo cinesi potrebbero riuscire a spostare l'economia afgana dalla produzione di eroina per l'Europa, il fulcro dell'economia durante l'occupazione statunitense, allo sfruttamento delle sue ricche risorse minerarie.

La BRI ha ramificazioni in Medio Oriente, incluso Israele. Ci sono programmi di accompagnamento in Africa, e ora anche in America Latina, nonostante le strenue obiezioni degli Stati Uniti. Di recente, la Cina ha annunciato che sta rilevando gli impianti di produzione a San Paolo che Ford ha abbandonato e avvierà la produzione di veicoli elettrici su larga scala, un'area in cui la Cina è molto più avanti.

Gli Stati Uniti non hanno modo di contrastare questi sforzi. Bombe, missili, incursioni delle forze speciali nelle comunità rurali non funzionano.

È un vecchio dilemma. Sessant'anni fa in Vietnam, gli sforzi della contro insurrezione statunitense furono ostacolati da un problema che fu riconosciuto disperatamente dai servizi segreti statunitensi e dai consiglieri provinciali: la resistenza vietnamita - i Viet Cong (VC), nel discorso degli Stati Uniti - stavano combattendo una guerra politica, un dominio in cui gli Stati Uniti erano deboli. Gli Stati Uniti stavano rispondendo con una guerra militare, l'arena in cui sono forti. Ma ciò non ha potuto superare l'attrattiva dei programmi di VC presso la popolazione contadina.

L'unico modo in cui l'amministrazione Kennedy poteva reagire alla guerra politica del VC era il bombardamento delle aree rurali da parte dell'aeronautica americana, autorizzando la distruzione di napalm, colture e bestiame su larga scala e altri programmi per portare i contadini in campi di concentramento virtuali dove potevano essere "protetti".” dai guerriglieri che gli Stati Uniti sapevano di sostenere. Le conseguenze le conosciamo.

In precedenza, il dilemma era stato spiegato dal Segretario di Stato John Foster Dulles, rivolgendosi al Consiglio di sicurezza nazionale sui problemi degli Stati Uniti con il Brasile, dove le élite, ha affermato, sono "come bambini, senza capacità di autogoverno". Peggio ancora, nelle sue parole, gli Stati Uniti sono "irrimediabilmente molto indietro rispetto ai sovietici nello sviluppo di controlli sulle menti e sulle emozioni dei popoli non sofisticati" del Sud del mondo, anche delle élite istruite. Dulles si è lamentato con il presidente della “capacità comunista di ottenere il controllo dei movimenti di massa, … qualcosa che non abbiamo la capacità di duplicare. I poveri sono quelli a cui si rivolgono e hanno sempre voluto depredare i ricchi”.

Dulles non ha detto l'ovvio: i poveri in qualche modo non rispondono bene al nostro appello dei ricchi a depredare i poveri, quindi con grande riluttanza dobbiamo rivolgerci all'arena della violenza, dove dominiamo.

Non è diverso dal dilemma posto quando la Cina "si appoggia" al Sud del mondo "estendendo i suoi legami con vasti investimenti infrastrutturali e cooperazione su tecnologia e sicurezza". Questo è un elemento centrale della minaccia cinese che sta suscitando tali paure e angosce.

Gli Stati Uniti stanno reagendo a questa crescente minaccia cinese nell'arena in cui è forte. Gli Stati Uniti, ovviamente, hanno un predominio militare schiacciante in tutto il mondo, anche al largo delle coste della Cina. Ma è in fase di miglioramento. Lo scorso dicembre, riferisce l'analista militare Michael Klare , il presidente Biden ha firmato il National Defense Authorization Act. Richiede "una catena ininterrotta di stati sentinella armati dagli Stati Uniti - che si estende dal Giappone e dalla Corea del Sud nel Pacifico settentrionale all'Australia, alle Filippine, alla Thailandia e a Singapore nel sud e l'India sul fianco orientale della Cina" - destinata a circondare la Cina.

Klare aggiunge che "abbastanza minacciosamente anche Taiwan è inclusa nella catena degli stati sentinella armati". La parola "inquietante" è ben scelta. La Cina ovviamente considera Taiwan come parte della Cina. Così fanno gli Stati Uniti, formalmente. La politica ufficiale degli Stati Uniti una-Cina riconosce Taiwan come parte della Cina, con un tacito accordo che non verranno presi provvedimenti per cambiare con la forza il suo status. Donald Trump e il segretario di Stato Mike Pompeo hanno scalfito questa formula. Ora viene spinto sull'orlo. La Cina può scegliere se soccombere o resistere. Non soccomberà.

Questa è solo una componente del programma per difendere gli Stati Uniti dalla minaccia cinese. Un elemento complementare è quello di minare l'economia cinese con mezzi troppo noti per essere riesaminati. In particolare [agli occhi degli Stati Uniti], alla Cina deve essere impedito di avanzare nella tecnologia del futuro, estendendo di fatto il suo vantaggio in alcuni settori, come l'elettrificazione e le energie rinnovabili, le tecnologie che potrebbero salvarci dalla nostra corsa alla distruzione dell'ambiente che sostiene la vita.

Un aspetto di questi sforzi per minare il progresso della Cina è fare pressione su altri paesi affinché rifiutino la tecnologia cinese superiore. La Cina ha trovato un modo per aggirare questi sforzi. Stanno progettando di istituire scuole tecniche nei paesi del Sud del mondo per insegnare la tecnologia avanzata, la tecnologia cinese, che i laureati utilizzeranno poi. Ancora una volta, il tipo di aggressione che è difficile da affrontare.

L'influenza degli Stati Uniti sta chiaramente diminuendo nel sistema internazionale, ma non si raggiunge facilmente questa conclusione guardando l'attuale Strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che è ancora progettata attorno al principio della dottrina delle "due guerre", anche senza dirlo espressamente. In questo contesto, si potrebbe sostenere che l'impero statunitense si stia indebolendo nel 21° secolo e che la fine dell'impero statunitense potrebbe non essere un evento pacifico?

Per molti anni è stato ampiamente previsto nei circoli di politica estera che la Cina è pronta a superare gli Stati Uniti e a dominare gli affari mondiali, una prospettiva dubbia, a mio parere, a meno che gli Stati Uniti non continuino nel loro attuale corso di autodistruzione, probabilmente accelerato con la prevista vittoria congressuale del partito negazionista a novembre.

Come abbiamo discusso in precedenza , per alcuni anni l'ex Partito Repubblicano è stato più accuratamente descritto come una "insurrezione radicale" che ha abbandonato la normale politica parlamentare, per prendere in prestito i termini degli analisti politici Thomas Mann e Norman Ornstein dell'American Enterprise Institute un decennio fa — quando l'acquisizione dell'insurrezione da parte di Trump non era ancora un incubo.

L'amministrazione Trump ha stabilito una dottrina delle due guerre in tutto tranne che nel nome. Una guerra tra due potenze nucleari può rapidamente sfuggire al controllo, il che significa la fine.

Un passo verso la totale irrazionalità è stato compiuto lo scorso 27 dicembre, forse in occasione del Natale, quando il presidente Biden ha firmato il National Defense Authorization Act, discusso in precedenza, rafforzando la politica di "accerchiamento" della Cina, essendo il "contenimento" obsoleto. Ciò include la formazione del Quad: Stati Uniti-India-Giappone-Australia, che integra l'alleanza AUKUS (Australia, Regno Unito, Stati Uniti) e i Five Eyes dell'Anglosfera, tutte alleanze strategico-militari che si confrontano con la Cina. La Cina ha solo un entroterra travagliato. Come discusso in precedenza, lo squilibrio militare radicale a favore degli Stati Uniti viene accresciuto da altri atti provocatori, che comportano grandi rischi. Apparentemente non possiamo abbassare la guardia con le potenze dell'Asse in marcia ancora una volta.

È fin troppo facile abbozzare una probabile traiettoria che è tutt'altro che una prospettiva piacevole. Ma non dobbiamo mai dimenticare la solita riserva. Non dobbiamo essere spettatori passivi, contribuendo così a un potenziale disastro.

 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornam