Chris Hedges - Da questa parte per il genocidio, Signore e Signori

Chris Hedges - Da questa parte per il genocidio, Signore e Signori

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Chris Hedges - Scheerpost

Ho visto la guerra urbana in El Salvador, Iraq, Gaza, Bosnia e Kosovo. Una volta che combatti strada per strada, appartamento per appartamento, c'è solo una regola: uccidi tutto ciò che si muove. I discorsi sulle zone sicure, le rassicurazioni sulla protezione dei civili, le promesse di attacchi aerei “chirurgici” e “mirati”, la creazione di vie di evacuazione “sicure”, la fatua spiegazione secondo cui i civili morti sarebbero rimasti “in mezzo al fuoco incrociato”,  l’affermazione che le case e i condomini ridotti in macerie dalle bombe fossero la dimora di terroristi o che i razzi erranti di Hamas fossero responsabili della distruzione di scuole e cliniche mediche, fa parte della copertura retorica per effettuare massacri indiscriminati.

Gaza è un’area così piccola – 25 miglia di lunghezza e circa 5 miglia di larghezza –  e così densamente popolata che l’unico risultato di un attacco terrestre e aereo israeliano è la morte di massa di quelli che il ministro della Difesa israeliano Yoav  Gallant chiama  “animali umani” e il Primo Ministro Benjamin Netanyahu  li definisce “bestie umane”. Il membro della Knesset israeliana Tally Gotliv  ha suggerito  di lanciare “armi apocalittiche” su Gaza, ampiamente visto come un appello per un attacco nucleare. Il presidente israeliano Isaac Herzog venerdì  ha respinto  le richieste di proteggere i civili palestinesi. "C'è un'intera nazione là fuori che è responsabile... questa retorica sui civili non consapevoli, non coinvolti, non è assolutamente vera", ha detto Herzog. “Avrebbero potuto ribellarsi, avrebbero potuto combattere contro quel regime malvagio che ha preso il controllo di Gaza con un colpo di stato”. Ha aggiunto: “Gli spezzeremo la spina dorsale”.

La richiesta da parte di Israele che 1,1 milioni di palestinesi – quasi la metà della popolazione di Gaza – evacuino il nord di Gaza, che diventerà una zona libera dal fuoco, entro 24 ore, ignora il fatto che, dato il sovraffollamento e i confini sigillati, non c’è posto dove gli sfollati possano andare. Il nord comprende Gaza City, la parte più densamente popolata della Striscia, con 750.000 residenti. Comprende anche il principale ospedale di Gaza e i campi profughi di Jabalia e al-Shati. 

Israele, impiegando la sua macchina militare contro una popolazione occupata che non dispone di unità meccanizzate, di un’aeronautica, di una marina, di missili, di artiglieria pesante e di un comando e controllo, per non parlare dell’impegno degli Stati Uniti a fornire un pacchetto di aiuti militari da 38 miliardi di dollari a Israele nel prossimo decennio, non è esercitare "il diritto di difendersi".. Questa non è una guerra. È l'annientamento dei civili intrappolati da 16 anni nel più grande campo di concentramento del mondo. Gaza viene livellata, rasa al suolo, distrutta, ridotta in macerie. Centinaia di migliaia di residenti poveri verranno uccisi, feriti o lasciati senza casa, senza cibo, carburante, acqua e assistenza medica. Quasi 600 bambini sono già morti.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione (UNRWA) è stata costretta a chiudere 14 centri di distribuzione alimentare, lasciando mezzo milione di persone senza aiuti alimentari. L'unica centrale elettrica di Gaza ha finito il carburante. Le Nazioni Unite affermano che 12 membri del personale sono stati uccisi dagli attacchi aerei israeliani, 21 delle 22 strutture sanitarie dell’UNRWA a Gaza sono state  danneggiate  e gli ospedali mancano di medicinali e forniture di base.

Israele, come ha fatto in passatobloccherà  la diffusione di   resoconti e immagini indipendenti una volta che circa 360.000 soldati lanceranno un assalto di terra.  Sabato ha interrotto il servizio Internet a GazaI brevi scorci delle atrocità israeliane che verranno alla luce verranno liquidati dai leader israeliani come anomalie o attribuiti ad Hamas. 

L’Occidente si rifiuta di intervenire, poiché 2,3 milioni di persone, tra cui 1 milione di bambini, sono privati  ??di cibo, carburante, elettricità e acqua, vedono le loro scuole e ospedali  bombardati  e vengono massacrati e resi senza casa da una delle macchine militari più  avanzate del pianeta.

Le immagini raccapriccianti degli israeliani uccisi da Hamas sono moneta di morte. Si scambia carneficina con carneficina, una danza macabra che Israele ha avviato con i massacri e la pulizia etnica che hanno consentito la creazione dello Stato ebraico, seguita da decenni di espropri e violenze inflitte ai palestinesi. Secondo il gruppo israeliano per i diritti umani B'Tselem, l'esercito israeliano, prima dell'attuale attacco, aveva ucciso 7.779 palestinesi a Gaza dal 2000, tra cui 1.741 bambini e 572 donne. Questa cifra non include gli abitanti di Gaza che sono morti a causa del consumo di acqua contaminata o del fatto che è stato loro negato l’accesso alle cure mediche. Né include il numero crescente  di giovani di Gaza che, avendo perso ogni speranza e lottando con una profonda depressione, si sono suicidati.

Ho passato sette anni a riferire sul conflitto, quattro dei quali come capo dell’ufficio per il Medio Oriente del New York Times. Stavo davanti ai corpi delle vittime israeliane degli attentati sugli autobus a Gerusalemme da parte di kamikaze palestinesi. Ho visto file di cadaveri, compresi bambini, nei corridoi dell'ospedale Dar Al-Shifa a Gaza City. Ho visto i soldati israeliani schernire ragazzini che in risposta lanciavano sassi e poi venivano fucilati senza pietà nel campo profughi di Khan Younis. Mi sono riparato dalle bombe sganciate dagli aerei da guerra israeliani. Ho scavalcato le macerie delle case e dei condomini palestinesi demoliti lungo il confine con l’Egitto. Ho intervistato i sopravvissuti insanguinati e storditi. Ho sentito i lamenti strazianti delle madri che si lamentavano per i cadaveri dei loro figli.

Sono arrivato a Gerusalemme nel 1988. Israele era impegnato a screditare ed emarginare la leadership palestinese secolare e aristocratica di Faisel al-Husseini e a scacciare gli amministratori giordani dalla Cisgiordania occupata. Questa leadership laica e moderata fu sostituita dall’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) e da Yasser Arafat. Ma anche Arafat, molto probabilmente avvelenato  da Israele, e l’OLP furono spietatamente messi da parte da Israele. L’OLP è stata sostituita da Hamas, che Israele ha apertamente promosso come contrappeso all’OLP. 

La crescente ferocia di Israele contro i palestinesi si riflette nella crescente ferocia dei palestinesi. I gruppi di resistenza sono i doppelgänger di Israele. Israele ritiene che con lo sradicamento di Hamas i palestinesi diventeranno docili. Ma la storia ha dimostrato che una volta distrutto un movimento di resistenza palestinese, ne prende il posto uno più virulento e radicale.

Gli assassini si nutrono a vicenda. L’ho visto nelle guerre etniche in Bosnia. Quando la religione e il nazionalismo vengono usati per santificare l’omicidio non ci sono regole. È una battaglia tra la luce e l'oscurità, il bene e il male, Dio e Satana. Il discorso razionale è bandito. 

“Il sonno della ragione”, come diceva Francisco Goya, “genera mostri”. 

Gli estremisti ebrei, i fanatici sionisti e i bigotti religiosi dell’attuale governo israeliano hanno bisogno di Hamas. La vendetta è il motore psicologico della guerra. Coloro che vengono presi di mira per il macello vengono resi disumani. Non sono degni di empatia o giustizia. La pietà e il dolore si provano esclusivamente per i propri. Israele promette di sradicare una massa disumanizzata che incarna il male assoluto. I mutilati e i morti a Gaza, e i mutilati e i morti nelle città e nei kibbutz israeliani, sono vittime delle stesse oscure concupiscenze.  

“Dalla violenza nasce solo violenza”, scrive Primo Levi, “secondo un’azione pendolare che, con il passare del tempo, anziché spegnersi, si fa più frenetica”.

L’amministrazione Biden ha promesso sostegno israeliano incondizionato e spedizioni di armi. Il gruppo d’attacco della USS Gerald R. Ford Carrier Strike Group è stato schierato nel Mar Mediterraneo orientale per “scoraggiare qualsiasi attore” che potrebbe ampliare il conflitto tra Israele e Hamas. Il gruppo di portaerei comprende la portaerei della Marina statunitense USS Gerald R. Ford; i suoi otto squadroni di aerei d'attacco e di supporto; l'incrociatore missilistico guidato di classe Ticonderoga USS Normandy; e i cacciatorpediniere lanciamissili classe Arleigh-Burke USS Thomas Hudner, USS Ramage, USS Carney e USS Roosevelt, secondo una dichiarazione del Pentagono.

Gli Stati Uniti, come in passato, ignorano le ben maggiori morti e distruzioni, nonché l’occupazione illegale, inflitte da Israele ai palestinesi o le periodiche campagne militari: questo è il quinto grande attacco militare da parte di Israele a Gaza in 15  anni contro i civili. 

Israele afferma di aver recuperato 1.500 corpi di combattenti di Hamas dopo l'incursione. Si tratta di un numero superiore alle 1.300 vittime israeliane. Quasi tutti i combattenti di Hamas morti, sospetto, fossero giovani nati nel campo di concentramento di Gaza che non avevano mai visto l'esterno della prigione a cielo aperto finché non sfondarono le barriere di sicurezza erette da Israele. Se i combattenti di Hamas possedessero l’arsenale tecnologico di morte di Israele, sarebbero in grado di compiere le loro uccisioni in modo più efficiente. Ma non lo fanno. Le loro tattiche sono versioni più crude di quelle che Israele usa contro di loro da decenni. 

Conosco questa malattia, l'esaltazione della razza, della religione e della nazione, la divinizzazione del guerriero, del martire e della violenza, la celebrazione del vittimismo. I guerrieri sacri credono che solo loro possiedano virtù e coraggio, mentre il loro nemico è perfido, codardo e malvagio. Credono che solo loro abbiano il diritto alla vendetta. Dolore per dolore. Sangue per sangue. Orrore per l'orrore. C'è una spaventosa simmetria con la follia, l'abbandono di ciò che significa essere umani e giusti. 

TE Lawrence  chiama questo ciclo di violenza “gli anelli del dolore”.

Una volta accesi, questi fuochi possono facilmente trasformarsi in un incendio.

Carri armati e soldati israeliani, per contrastare un attacco di Hezbollah a sostegno dei palestinesi, sono stati schierati al confine con il Libano. Le forze israeliane hanno ucciso combattenti di Hezbollah, nonché un giornalista della Reuters, che ha visto Hezbollah lanciare una salva di razzi per rappresaglia. Il ministro della Sicurezza nazionale israeliano,  Itamar Ben-Gvir, ha annunciato che distribuirà 10.000 fucili d'assalto ai coloni israeliani, che hanno compiuto azioni omicide nei villaggi palestinesi della Cisgiordania. Israele ha ucciso almeno 51 palestinesi nella Cisgiordania occupata da quando Hamas ha lanciato il suo attacco il 7 ottobre.

Lo psicologo Rollo May scrive:

All'inizio di ogni guerra... trasformiamo frettolosamente il nostro nemico nell'immagine del demoniaco; e allora, poiché è il diavolo che combattiamo, possiamo metterci sul piede di guerra senza porci tutte le domande fastidiose e spirituali che la guerra suscita. Non dobbiamo più affrontare la consapevolezza che coloro che stiamo uccidendo sono persone come noi.

Gli omicidi e le torture, quanto più durano, contaminano gli autori e la società che condona le loro azioni. Separano gli inquisitori e gli assassini professionisti dalla capacità di sentire. Alimentano l'istinto di morte. Espandono il danno morale della guerra. 

Israele ha insegnato ai palestinesi a comunicare con l’urlo primitivo dell’odio, della guerra, della morte e dell’annientamento. Ma non è l’assalto israeliano a Gaza quello che temo di più. È la complicità di una comunità internazionale che autorizza il massacro genocida di Israele e accelera un ciclo di violenza che potrebbe non essere in grado di controllare.

*Giornalista vincitore del Premio Pulitzer che è stato corrispondente estero per quindici anni per The New York Times, dove ha ricoperto il ruolo responsabile dell'ufficio per il Medio Oriente e i Balcani. In precedenza, ha lavorato all'estero per The Dallas Morning NewsThe Christian Science Monitor e NPR. È il conduttore del programma The Chris Hedges Report.

Traduzione de l’AntiDiplomatico

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti