Chris Hedges: Il fascismo arriva in America

Chris Hedges: Il fascismo arriva in America

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Chris Hedges* - Scheerpost

Il fallimento della classe liberale nel fermare l’assalto delle multinazionali ai lavoratori ha generato un fascismo cristiano in ascesa, pronto a prendere il potere e a rimodellare radicalmente l’America.

Il regalo d'addio, mi aspetto, del liberalismo fallito del Partito Democratico sarà uno Stato fascista cristianizzato. La classe liberale, creatura del potere corporativo, prigioniera dell'industria bellica e dello Stato di sicurezza, incapace o non disposta a migliorare la prolungata insicurezza economica e la miseria della classe lavoratrice, accecata da un'ideologia woke moralista che puzza di ipocrisia e insincerità e priva di qualsiasi visione politica, è il fondamento su cui i fascisti cristiani, che si sono riuniti in folle simili a culti attorno a Donald Trump, hanno costruito il loro terrificante movimento.

Trump, come sottolinea lo scrittore Jeff Sharlet, si è trasformato dall'imbroglione Elmer Gantry della politica - con l'illusione di poter diventare tutti ricchi come lui - al venditore di oscure cospirazioni sullo Stato profondo e sui pedofili che gestiscono il Partito Democratico, fino al fascismo in piena regola. Se tornerà al potere, la violenza nichilista che affligge il Paese, con oltre 500 sparatorie di massa solo quest'anno, esploderà. I teorici della cospirazione minacceranno e uccideranno impunemente "nemici" e "traditori". Il sistema giudiziario, le forze dell'ordine e gli organi legislativi - attualmente in uno stato di paralisi - si trasformeranno in organi di vendetta personale e politica. La censura furtiva praticata dalla Silicon Valley e dai Democratici diventerà cruda, palese e pervasiva. Le forze armate, già infestate da cappellani cristiano-fascisti di tipo commissariale, saranno guidate da da veri credenti come il generale in pensione Michael Flynn. Può succedere qui, come  aveva previsto Sinclair Lewis.

Incolpare la Russia , o i candidati di terzi che non hanno mai votato in numero significativo per l’elezione di Trump e l’ascesa del fascismo cristiano, è infantile. Il Partito Libertario  ha ricevuto  l’1,2% dei voti nelle ultime elezioni presidenziali. I Verdi,  0,26 per cento . Il colpo mortale alla democrazia non viene da chi vota per i partiti marginali, ma dall’apatia. Ottanta milioni di elettori aventi diritto  non hanno  votato alle ultime elezioni presidenziali, senza dubbio perché non si aspettavano grandi cambiamenti nelle loro vite, chiunque fosse al potere. E probabilmente avevano ragione.

La causa principale del nostro disagio politico risiede in una classe liberale che pone  il profitto aziendale e personale al di sopra del bene comune. I liberali hanno cospirato, sin dalla presidenza di Bill Clinton, per privare il paese del settore manifatturiero e, con esso, dei posti di lavoro che sostenevano la classe operaia. Sono stati partner nella trasformazione delle istituzioni democratiche in strumenti per consolidare il potere e la ricchezza delle multinazionali e degli oligarchi al potere. Hanno dimenticato la lezione fondamentale del fascismo. Il fascismo è sempre il figlio bastardo del liberalismo fallito. Questo era vero nella Germania di Weimar. Era vero in Italia. Era vero nell’ex Jugoslavia con le sue fazioni etniche in guerra. Ed è vero negli Stati Uniti. 

E ora pagheremo tutti. 

"Il nostro tempo assomiglia più agli anni '30 che agli anni '90",  scrive Benjamin Carter Hett nell'introduzione al suo libro “The Death of Democracy: Hitler’s Rise to Power and the Downfall of the Weimar Republic.”

I miliardari e le multinazionali, la cui unica ossessione è una maggiore accumulazione di ricchezza e potere, si adatteranno ai fascisti cristiani, come fecero gli industriali tedeschi con il partito nazista. Il fascismo, dopo tutto, è un falso populismo. Si tratta di un meccanismo efficiente per abolire i sindacati e utilizzare la paura e la coercizione, compresa la violenza, per prevenire movimenti di massa rivali. Trump, tornato al potere, chiederà che lui, la sua famiglia e la sua cerchia ristretta traggano profitto dal potere. La classe dei miliardari e le multinazionali ricopriranno di ricchezza lui e la sua corte buffonesca in cambio della capacità di sfruttare impunemente e demolire le normative e la supervisione del governo. I leader fascisti, compreso Trump, non provano altro che disprezzo per i loro seguaci. Condividono questa caratteristica con i titani del business.

Siamo stati avvisati. I semi del fascismo, come l’emergenza climatica, erano evidenti decenni fa. I principali studiosi del fascismo ci hanno detto che, a meno che la società americana non arrestasse la sua scivolata verso livelli sempre maggiori di disuguaglianza sociale e restituisse il potere democratico a una popolazione tradita, il fascismo metastatizzerebbe e consumerebbe lo stato. La classe dirigente, accecata dall’avidità, dalla brama di potere e dall’ostinata ignoranza, era sorda a questi avvertimenti come lo era a quelli degli scienziati del clima.

Robert O. Paxton , che insegnava storia europea alla Columbia Unhiversity, nel 2004 scrisse “The Anatomy of Fascism”. ha spiegato che “il linguaggio e i simboli dell’autentico fascismo americano” “avrebbero poco a che fare con i modelli europei originali. Dovrebbero essere familiari e rassicuranti per gli americani leali, così come il linguaggio e i simboli del fascismo originale erano familiari e rassicuranti per molti italiani e tedeschi, come suggeriva Orwell”.

I leader fascisti si appropriano sempre del linguaggio, dei simboli e dei miti nazionali e religiosi. Il fascismo tedesco affondava le sue radici nelle leggende teutoniche. Il fascismo italiano affonda le sue radici nell'antico Impero Romano. Il fascismo di Francisco Franco si fuse con la Chiesa cattolica. I fascisti non cercano di essere esotici. Cercano di avere familiarità.

"Nel fascismo americano non ci sono svastiche, ma stelle e strisce (o stelle e sbarre) e croci cristiane", scrive Paxton. “Niente saluto fascista, ma recitazione in massa del giuramento di fedeltà. Questi simboli non contengono in sé alcun sentore di fascismo, ovviamente, ma un fascismo americano li trasformerebbe in cartina di tornasole obbligatoria per individuare il nemico interno”.

Fritz Stern, rifugiato dalla Germania di Hitler e uno dei principali studiosi del fascismo tedesco,  un anno dopo, nel 2005, mise in guardia  dal pericolo incombente rappresentato da un fascismo cristiano quando gli venne  assegnato  un premio dall'Istituto Leo Baeck.

"Vent'anni fa, ho scritto un saggio intitolato 'Il nazionalsocialismo come tentazione', su ciò che ha indotto così tanti tedeschi ad abbracciare lo spettro terrificante", disse Stern al suo pubblico. “C'erano molte ragioni, ma al primo posto si collocava lo stesso Adolf Hitler, un brillante manipolatore populista che insisteva e probabilmente credeva che la Provvidenza lo avesse scelto come salvatore della Germania, un leader incaricato di eseguire una missione divina. Dio era già stato arruolato nella politica nazionale, ma il successo di Hitler nel fondere il dogma razziale con il cristianesimo germanico fu un elemento immensamente potente nelle sue campagne elettorali. Alcune persone riconobbero i pericoli morali derivanti dal mescolare religione e politica, ma molte altre ne furono sedotte. Fu la trasfigurazione pseudoreligiosa della politica ad assicurare in gran parte il suo successo, in particolare nelle aree protestanti”.

Stern, che ha scritto “The Politics of Cultural Despair: A Study in the Rise of the Germanic Ideology” ed è stato professore universitario emerito alla Columbia University, ha dedicato la sua carriera all’analisi di come il fascismo tedesco sia stato reso possibile. Capì intimamente dalla sua esperienza cresciuta nella Germania nazista e dalla sua borsa di studio, come le democrazie si disintegrarono. Ha visto i segnali di pericolo mortali. Conosceva la seduzione che il fascismo esercitava sui diseredati. 

"C'era un desiderio in Europa per il fascismo prima che il nome fosse inventato", mi disse in un'intervista nel 2005 per il New York Times. “C’era il desiderio di un nuovo autoritarismo con una sorta di orientamento religioso e soprattutto una maggiore appartenenza comunitaria. Ci sono alcune somiglianze nell’umore di allora e in quello di adesso, sebbene ci siano anche differenze significative”.

Stern, morto nel 2016, ha affermato che i movimenti fascisti sono stati fecondati da una diffusa disperazione, sentimenti di esclusione, inutilità, impotenza e deprivazione economica. Coloro che si sentivano abbandonati erano facili bersagli per i demagoghi che spacciavano il pensiero magico e che avevano affinato l’arte della “manipolazione di massa dell’opinione pubblica, spesso mista a menzogna e forme di intimidazione”.

Anche Noam Chomsky, in un’intervista  che ho fatto con lui nel 2010, ha visto il percorso inquietante che stavamo percorrendo.

“È molto simile alla tarda Germania di Weimar”, mi ha detto Chomsky quando l’ho chiamato nel suo ufficio a Cambridge, Massachusetts. “I paralleli sono sorprendenti. C’era anche una tremenda disillusione nei confronti del sistema parlamentare. Il fatto più sorprendente di Weimar non fu che i nazisti riuscirono a distruggere i socialdemocratici e i comunisti, ma che i partiti tradizionali, conservatori e liberali, furono odiati e scomparvero. Ha lasciato un vuoto che i nazisti sono riusciti a colmare in modo molto astuto e intelligente”.

Jeff Sharlet, che per due decenni ha riferito sull’estrema destra, sottolinea lo stesso punto riguardo al volto americanizzato del fascismo nel suo libro  “The Undertow: Scenes from a Slow Civil War”.

Sharlet nota che “il progetto di purificazione del vecchio fascismo si è anche 'dimostrato' troppo estremo per essere pratico per una nazione in cui l'ascendente della destra può contendersi la lealtà di un terzo degli elettori Latinx. Il tempo, la supremazia bianca dà il benvenuto a tutti. O, almeno, una patina sufficiente di "tutto" per rassicurare i suoi sostenitori più timidi che i muri di confine, i "divieti musulmani", la "kung influenza", la "criminalità nera" e la "teoria della sostituzione" in qualche modo non si sommano alla temuta parola con la r, che comunque di questi tempi, nel nuovo immaginario autoritario, avviene solo al 'contrario', contro i bianchi".

E come definiscono i fascisti il ??nemico interno?

Il nemico interno, scrive Paxton, è accusato di voler revocare “il Primo Emendamento, la separazione tra Chiesa e Stato (asili nido sui prati, preghiere nelle scuole), tentativi di imporre controlli sul possesso di armi, profanazioni della bandiera, minoranze non assimilate, licenza artistica, dissenso e comportamenti insoliti di ogni genere che potrebbero essere etichettati come antinazionali o decadenti”.

I movimenti fascisti traggono la loro giustificazione per la violenza indiscriminata dal sangue dei martiri. Ashli ??Babbitt, uccisa a colpi di arma da fuoco durante le proteste del 6 gennaio da un agente di polizia di Black Capitol Hill, è una versione aggiornata del primo santo martire nazista, Horst Wessel. Trump, sotto processo per frode, è, agli occhi dei suoi sostenitori, un martire dei tribunali.

“È la prima morte che trasmette a tutti il ??sentimento di essere minacciati”, scrive Elias Canetti  in “Folle e potere”. “È impossibile sopravvalutare il ruolo svolto dal primo morto nello scoppio delle guerre. I governanti che vogliono scatenare la guerra sanno benissimo che devono procurarsi o inventare una prima vittima. Non è necessario che si tratti di qualcuno di particolare importanza e può anche essere qualcuno del tutto sconosciuto. Niente conta tranne la sua morte, e bisogna credere che il nemico ne sia responsabile. Ogni possibile causa della sua morte viene soppressa tranne una; la sua appartenenza al gruppo al quale si appartiene”.

Quando ho terminato due anni di reportage in tutto il paese nel 2006 per il mio libro “American Fascists: The Christian Right and the War on America”, ero convinto che il nazionalismo cristiano fosse fascista e una minaccia esistenziale per la nostra democrazia. La chiesa liberale, invece di definire eretici i cristiani fascisti, ha abbracciato stupidamente il dialogo, conferendo ai cristiani fascisti una legittimità religiosa. È stato un errore disastroso. Questo fallimento, unito al rifiuto da parte della classe dominante di affrontare la dislocazione e le difficoltà finanziarie dei lavoratori e delle loro famiglie che accorrevano nelle mega chiese, assicurarono l’ascesa del nostro fascismo locale. Avremmo reintegrato la classe operaia nella società, il che significava posti di lavoro stabili ben retribuiti e la fine dello sfruttamento mercenario da parte delle multinazionali, scrissi allora, oppure avremmo continuato sulla strada del fascismo. Ora eccoci qui.

“La destra cristiana radicale invoca l’esclusione, la crudeltà e l’intolleranza in nome di Dio”, ho scritto nel capitolo finale di American Fascists. “I suoi membri non commettono il male per amore del male. Commettono il male per creare un mondo migliore. Per ottenere questo mondo migliore, credono, alcuni devono soffrire ed essere messi a tacere, e alla fine dei tempi coloro che si oppongono a loro devono essere distrutti. Le peggiori sofferenze della storia umana sono state provocate da coloro che predicano tali grandiose visioni utopistiche, coloro che cercano di impiantare con la forza la loro versione ristretta e particolare della bontà”. 

Traduzione de l’AntiDiplomatico

*Giornalista vincitore del Premio Pulitzer che è stato corrispondente estero per quindici anni per  il New York Times,  dove ha ricoperto il ruolo di redattore capo per il Medio Oriente e per i Balcani. In precedenza ha lavorato all'estero per The Dallas Morning News,  The Christian Science Monitor e NPR. È il conduttore dello Show  The Chris Hedges Report.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti