/ Cina, Global Times: L'irresponsabile attacco alla Siria è un atto...

Cina, Global Times: L'irresponsabile attacco alla Siria è un atto vergognoso

 

Senza l'autorizzazione delle Nazioni Unite, Stati Uniti, Regno Unito e Francia si sono comportati come canaglie. Non importa quanto siano toccanti le scuse che trovano per se stessi, non possono cambiare il fatto che stanno linciando la Siria senza le dovute prove



da Global Times
 

Dopo che le forze statunitensi, britanniche e francesi hanno lanciato oltre 100 missili in Siria, Washington ha rapidamente dichiarato di essere soddisfatta dell'efficacia del bombardamento. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha twittato "Mission Accomplished!" Ci saranno altre azioni militari sulla Siria? Gli Stati Uniti hanno affermato che dipenderà se il governo di Bashar al-Assad utilizzerà ancora armi chimiche in futuro.

 

Secondo questi segnali di Washington, la maggior parte degli osservatori ritiene che questo round di attacchi contro la Siria da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati sia giunto al termine. Non hanno in realtà indebolito le forze governative siriane o danneggiato la presenza militare della Russia in Siria, ma hanno trasmesso un avvertimento sul fatto che Trump osa colpire.

 

Per quanto riguarda ciò che Trump vuole in Siria, molte persone sono confuse. Vuole veramente impedire alle forze governative siriane di usare armi chimiche? In tal caso, è semplice, perché non c'è assolutamente bisogno che le forze governative della nazione, che già controllano la situazione nel campo di battaglia della Siria, usino armi chimiche.

 

L'uso di armi chimiche attirerebbe solo condanne e attacchi dal resto del mondo. Quindi, il governo di Assad ha una ragione sufficiente per voler restare lontano dalle armi chimiche.

 

Trump prova a rovesciare il tavolo sul campo di battaglia siriano, dove le forze governative stanno segnando vittorie mentre le forze di opposizione battono in ritirata? Quindi 100 missili sono abbastanza lontano da questo.

 

Washington tenta di umiliare la Russia? Indubbiamente ha imbarazzato Mosca, ma il bombardamento ha evitato la regione dove si trovano le truppe russe. Apparentemente, Washington si è trattenuta per non spingere il Cremlino in un angolo e intensificare il conflitto.

 

Forse anche Trump e la sua squadra non hanno idea di cosa vogliono fare in Siria.

Potrebbero voler mostrare la potenza degli Stati Uniti e dell'Occidente, inviare un avvertimento ai loro potenziali oppositori e rafforzare l'unità dell'Occidente. Washington potrebbe ritenere che non sia un grosso problema battere la Siria.

 

Ma gli Stati Uniti hanno gravemente sottovalutato le conseguenze negative della sua sconsiderata azione militare. Inevitabilmente stimolerà l'odio e farà sì che molti paesi e forze credano che il modo migliore per risolvere conflitti e dispute possa essere solo l'uso della forza.

 

Si può prevedere che l'attacco militare alla Siria avrà un impatto negativo sui prossimi colloqui tra le due Coree e il vertice Trump-Kim.

 

Una delle principali caratteristiche della diplomazia dell'amministrazione Trump è la testardaggine e l'imprudenza, come se gli onnipotenti Stati Uniti avessero il diritto di fare tutto.

 

Tuttavia, più forte è il paese, maggiore è la responsabilità che deve mantenere verso la pace e l'ordine mondiale. Le azioni militari degli Stati Uniti e dei loro alleati hanno violato il quadro delle Nazioni Unite e hanno violato le fondamenta delle moderne relazioni internazionali. Se la volontà di Washington e l'Occidente rappresentano la volontà di tutta l'umanità e possono punire chiunque vogliano, perché abbiamo bisogno dell'ONU o della legge internazionale?

 

Senza l'autorizzazione delle Nazioni Unite, Stati Uniti, Regno Unito e Francia si sono comportati come canaglie. Non importa quanto siano toccanti le scuse che trovano per se stessi, non possono cambiare il fatto che stanno linciando la Siria senza le dovute prove.

 

È preoccupante che gli Stati Uniti possano disturbare la Siria con altri missili di tanto in tanto, gettando ancora più sale sulla ferita aperta di un paese.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa