ALBA LATINA/Colombia: dalle fosse comuni emergono i resti di 9000 vittime dei...

Colombia: dalle fosse comuni emergono i resti di 9000 vittime dei gruppi paramilitari

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Nonostante il Trattato di Pace firmato tra i gruppi di guerriglia e lo Stato, continua la spirale di violenza nelle regioni rurali della Colombia, principalmente rivolta contro leader sociali e attivisti delle comunità



teleSUR
 

I corpi di almeno 9.000 vittime di forze paramilitari sono stati riesumati da fosse comuni in Colombia dal 2006, secondo le autorità nazionali.

 

Più di 5.500 fosse comuni sono state scoperte a seguito di testimonianze di ex membri dei Gruppi di Autodifesa della Colombia Unita (UAC) che hanno fatto domanda per accedere ai benefici della legge per la giustizia e la pace, ha dichiarato Mery Conejo, direttrice dell’ufficio della procura per la giustizia transizionale.

 

I resti di circa 4.296 vittime sono stati identificati e consegnati ai parenti in nove dipartimenti, la maggior parte nelle province settentrionali di Antioquia e Magdalena.

 

"Abbiamo identificato 4.300... Oggi il resto dei corpi che abbiamo riesumato non stanno aspettando i parenti, ma il campione che ci permette di individuare i codici genetici corrispondenti per riuscire a trovare quel gran numero di vittime che risultano scomparse” ha spiegato Conejo.

 

Nel corso di 12 anni, nell’ambito del "Piano Cimiteri", l'Organo investigativo tecnico della Procura (CTI) e la Polizia Nazionale sono riusciti a identificare tutti tranne 1.934 delle vittime scoperte attraverso test biologici tramite saliva o campioni di sangue.

 

Secondo il Centro Nazionale di Memoria Storica, tra il 1970 e il 2015 ci sono state 60.630 sparizioni forzate. Almeno il 46% di queste sparizioni sono avvenute a opera dei gruppi paramilitari.

 

Nonostante il Trattato di Pace firmato tra i gruppi di guerriglia e lo Stato, continua la spirale di violenza nelle regioni rurali della Colombia, principalmente rivolta contro leader sociali e attivisti delle comunità.

 

Il presidente Juan Manuel Santos ha dichiarato che almeno 160 attivisti sono stati assassinati dal 2016.

 

Quasi 500 leader sociali hanno chiesto alla Commissione Interamericana per i Diritti Umani di introdurre misure precauzionali per salvaguardare la vita dei difensori dei diritti umani in Colombia, "specialmente nelle zone più colpite dai conflitti armati".

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa