/ Con l'esclusione della Turchia dal programma F-35 gli USA lancian...

Con l'esclusione della Turchia dal programma F-35 gli USA lanciano un avvertimento alla Cina

 
 

La mossa dell'amministrazione Donald Trump di buttare fuori la Turchia dal programma di caccia F-35 per l'acquisto del sistema di difesa aerea russo S-400 potrebbe avere implicazioni per le nazioni del Medio Oriente che acquistano tecnologia cinese, secondo una dichiarazione del Pentagono.

 

Mentre il mercato azionario statunitense si è affievolito questa settimana dopo che la Cina ha minacciato di contrastare le nuove tariffe statunitensi sulle esportazioni di Pechino, il Dipartimento della Difesa ha continuato una serie di avvertimenti agli alleati americani sull'acquisto di armi straniere.

 

"Gli Stati Uniti continuano a impegnarsi per migliorare la capacità dei propri partner di combattere il terrorismo, scoraggiare gli spoiler regionali e promuovere la stabilità in Medio Oriente", ha affermato Mick Mulroy, vice assistente segretario alla Difesa per il Medio Oriente. "Ma - come si è visto nella decisione del dipartimento di annullare il programma F-35 della Turchia - siamo anche pronti a prendere decisioni difficili per proteggere la tecnologia degli Stati Uniti”. 

 

Il segretario alla Difesa Mark Esper ha appena terminato un tour nei paesi dell'Asia-Pacifico tra le preoccupazioni sollevate per la crescente spinta globale della Cina. Il Pentagono dice agli alleati che legarsi economicamente a Pechino potrebbe ostacolare i legami di difesa con gli Stati Uniti.

 

Il messaggio d’ora in poi sarà semplice, ha dichiarato Mulroy ad Al-Monitor. "Significa che se l'acquisto di armi russe o cinesi minaccia la sicurezza operativa delle nostre armi, non avremo altra scelta che tirare la nostra”. 

 

Non è stato immediatamente chiaro se il Pentagono avesse messo in guardia gli alleati dall'acquistare specifiche piattaforme di armi cinesi, sebbene il rapporto annuale "China Power" dell'agenzia affermasse che Pechino ha venduto armi da $ 10 miliardi in Medio Oriente tra il 2013 e il 2017 e sta attivamente cercando di piazzare droni e armi di precisione.

 

Tuttavia, l'acquisto da parte della Turchia del sistema S-400, che il Pentagono temeva sarebbe stato in grado di sganciare la tecnologia anti-radar dell'F-35, potrebbe fornire un difficile test per bloccare gli alleati che investono in Cina.

 

La decisione del presidente turco Recep Tayyip Erdogan di acquistare le batterie per la difesa aerea ha diviso il Congresso e Trump, che è stato riluttante a imporre sanzioni alla Turchia.

Trump ha affermato a giugno che l'amministrazione Barack Obama aveva negato il sistema rivale Patriot a Erdogan. 

 

La Turchia aveva fatto pressioni sul Congresso per eludere le sanzioni statunitensi che venivano automaticamente applicate ai grandi acquisti di sistemi di armi russi poche settimane prima di accettare la consegna dell'S-400.

 

Il Pentagono ha ripetutamente avvertito che la Cina ha assorbito una quota maggiore del mercato delle armi in Medio Oriente, in particolare per la tecnologia come i droni armati. 

 

L'amministrazione Trump ha faticato a trovare una risposta coerente alla Belt and Road Initiative della Cina che cerca di irretire gli ex alleati degli Stati Uniti in lucrosi accordi di investimento, compresi partner nordamericani a lungo termine come Israele.

Fonte: Al-Monitor
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa