Consiglio Europeo: tutto da aggiornare al 6 maggio, stranamente il giorno dopo la sentenza di Karlsruhe

Consiglio Europeo: tutto da aggiornare al 6 maggio, stranamente il giorno dopo la sentenza di Karlsruhe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Danilo Della Valle
 

Dopo il Consiglio Europeo di ieri si continua a parlare sempre delle stesse cose, Mes, Coronabonds, Recovery Fund, a mio avviso in modo errato.


Questione Mes: chi ulula, come Salvini e Meloni, che ieri è stato "approvato" per l’ennesima volta il Mes dice una bugia.
Il Mes, come detto precedentemente, non è stato "richiesto" perché ha bisogno di un iter singolo del Paese che ne chiede l'attivazione avviando "trattative" con Commissione Ue, Bce, FMI e via dicendo.
Tuttavia la cosa preoccupante è che il Mes sarà sicuramente nel pacchetto previsto dalla Ue, e che resta uno strumento di erogazione già pronto, con le condizionalità solitamente molto dure (perché il Mes senza condizionalità è come se fosse un ossimoro) e con una potenza a mio avviso non dirompente, vista l’entità della crisi e la quantità di paesi che abbraccia, ma questo non significa che verrà chiesto dall'Italia, come ha dichiarato Conte.
Se il governo richiedesse il Mes, sbaglierebbe di grosso.


Questione Recovery Fund, di cui tutti parlano. Bene che si parli di un nuovo strumento, ma si deve capire bene, ad oggi sono solo parole, e si devono leggere i dettagli. Innanzitutto si deve trovare l’accordo su come finanziarlo, saranno soldi elargiti a fondo perduto, come vogliono Francia, Italia e Spagna o saranno prestiti “leggeri” come chiedono i paesi del nord?


Ad oggi l’unico intervento possibile e più importante sarebbe quello della BCE. (a tal proposito allego la lettera interessante di diversi economisti sulla questione temi.repubblica.it/…/ue-e-bce-non-e-cosi-che-si-supera-la-…/ )


A proposito di BCE e quantitative easing, segnatevi questa data:
5 Maggio.


Per gli appassionati di calcio ricorderà il 2002, tragico per gli interisti, ma questo del 2020 può significare il tracollo per altri motivi; la corte costituzionale tedesca di Karlsruhe si esprimerà sulla legittimità del Quantitative Easing della BCE. Un parere negativo potrebbe avere effetti importanti, e devastanti, su euro, Unione Europea e BCE.

Tanto è vero che le dichiarazioni di ieri sembrano tutte da “aggiornare al 6 Maggio”, stranamente il giorno dopo la sentenza.


Fino a quella data, è tutto in gioco e niente è definitivo.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti