Corteo di Napoli vietato con il Decreto Lamorgese. Michele Apicella (Movimento 7 Novembre): "Noi partiremo lo stesso"

Corteo di Napoli vietato con il Decreto Lamorgese. Michele Apicella (Movimento 7 Novembre): "Noi partiremo lo stesso"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

 

“Contro la repressione, l'ulteriore stretta repressiva usando la crisi sanitaria e le politiche del Governo Draghi”. Queste sono le parole d’ordine del corteo che da Piazza Garibaldi arriverà a Piazza Plebiscito domani 13 novembre. Organizzato da tempo dal Movimento 7 novembre a carattere nazionale, la manifestazione vedrà la presenza di diverse sigle nazionali di disoccupati, lavoratori, precari, movimenti e studenti universitari.

Il corteo è stato formalmente vietato oggi (un giorno prima) dalla Prefettura di Napoli, che ha applicato da subito il decreto liberticida che porta la firma del ministro degli interni Lamorgese. “Sono 7 anni che siamo in piazza. Arrivano centinaia di denunce, da ultimo addirittura quella di associazione a delinquere. Se manifestare, chiedere un lavoro, un salario garantito è un reato siamo tutti criminali. Mi sento un criminale perché io continuerò a scendere in piazza a chiederlo”, ha dichiarato a l’AntiDiplomatico uno degli organizzatori Michele Apicella (Movimento 7 Novembre)

“Noi domani siamo determinati con il corteo. Ci saranno lavoratori della GKN, Whirpool, lavoratori buttati per strada con un sms o una email”.

E ancora: “Il terrorismo mediatico cerca di confondere, noi restiamo lucidi e ragioniamo con la nostra testa”.

Sulla Motivazione del Prefetto in relazione all’ordinanza del Viminale avete la fotografia del livello di repressione raggiunto con il Governo Draghi. “Sono stato convocato personalmente dalla questura ieri e non si sapeva ancora se l’ordinanza del Viminale fosse in vigore. Oggi abbiamo che andrà in vigore già da domani. Questo è il clima di repressione di un governo che facilita i potenti, Confindustria, le grandi banche e sopprime una manifestazione di carattere popolare con la voce di precari, lavoratori, studenti universitari e movimento disoccupati. Si vieta un giorno prima la manifestazione di protesta contro questo governo. Ma noi scenderemo in piazza lo stesso. Saremo a Piazza Garibaldi alle 14.00 e partiremo con il Corteo. Andremo avanti lo stesso”.

 

Qui il video completo de l'intervista:

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti