Cosa si nasconde dietro il record delle operazioni di buyback

Cosa si nasconde dietro il record delle operazioni di buyback

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Nel 2022 il riacquisto di azioni proprie (il cosiddetto buyback) ha raggiunto livelli record. Secondo un rapporto Janus Henderson le imprese hanno riacquistato proprie azioni per un controvalore di 1.310 miliardi di dollari (janushenderson.com).

Il volume dei riacquisti è aumentato del 22% rispetto al 2021, anno in cui era stato stabilito il record precedente.

Negli ultimi dieci anni il valore delle operazioni di buyback è triplicato. A guidare la classifica ci sono le maggiori aziende americane, con in testa Apple e Meta, le aziende petrolifere, le banche, ma anche Nestlé.

Si tratta di aziende che hanno realizzato grandi profitti e che non hanno alcuna intenzione di re-investire questi profitti.

La missione di ogni azienda è investire gli utili per realizzare nuovi profitti (ROI). Se l'azienda sceglie di non investire i profitti in nuovi impianti e in nuove assunzioni vuol dire che dall'investimento non si attende un guadagno, ma, al contrario, si attende una perdita.

L'utilizzo del capitale in eccesso per riacquistare le proprie azioni, nasconde gravi magagne.

1.310 miliardi di dollari non sono ricchezza effettiva (attuale), sono titoli rappresentativi di ricchezza potenziale che congela le aspirazioni dei disoccupati di avere un impiego, che congela le aspettative dei produttori di impianti, di semilavorati e di materie prime di trovare un impiego remunerativo.

I 1.310 miliardi del buyback sono il titolo di una macchina capitalista che si tira indietro dalla produzione, che rinuncia alla sua vocazione.  Non siete più in grado assolvere al vostro compito, fatevi da parte.

Leo Essen

Leo Essen

Ha studiato all’università di Bologna con Gianfranco Bonola e Manlio Iofrida. È autore di Come si ruba una tesi di laurea (K Inc, 1997) e Quattro racconti al dottor Cacciatutto (Emir, 2000). È tra i fondatori delle riviste Il Gigio e Da Panico. Scrive su Contropiano e L’Antidiplomatico.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti