Costruire una sicurezza universale è l'unico modo per garantire pace e stabilità in Medio Oriente

Costruire una sicurezza universale è l'unico modo per garantire pace e stabilità in Medio Oriente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'accordo tra Iran e Arabia Saudita per la ripresa delle relazioni diplomatiche, interrotte dal 2016, è stato raggiunto grazie alla mediazione della Cina e rappresenta un importante fallimento per la strategia di Washington, che sembra perdere la sua influenza in Medio Oriente.

La svolta annunciata venerdì, in base alla quale Teheran e Riyadh hanno concordato di riaprire le ambasciate e di riprendere la cooperazione in materia di sicurezza e in settori come l'economia e il commercio, potrebbe avere implicazioni per gli sforzi degli Stati Uniti di isolare economicamente l'Iran, suo nemico di lunga data, attraverso le sanzioni. Inoltre rappresenta bene il concetto di sicurezza universale portato avanti dalla Cina per il Medio Oriente e il mondo intero, illustrato in questo articolo di Li Chengwen, ambasciatore per gli Affari del Forum di cooperazione Cina-Stati Arabi del Ministero degli Affari Esteri di Pechino, apparso nel 2021 su China Daily.


———————————

Il ritiro strategico degli Stati Uniti dall'Afghanistan ha puntato nuovamente i riflettori sul Medio Oriente, una regione che soffre di un enorme deficit di sicurezza. Oltre ai fattori interni, gli interventi esterni sono stati la causa principale delle turbolenze nella regione. Dall'Accordo Sykes-Picot e dalla Dichiarazione Balfour di un secolo fa, all'invasione dell'Iraq e al rovesciamento del governo libico, fino alla più recente Iniziativa per il Grande Medio Oriente, le potenze occidentali non hanno mai smesso di intervenire negli affari mediorientali. Di conseguenza, la regione ha subito una spirale distruttiva di problemi di sicurezza.

Nella lotta per espandere la propria sfera di influenza, l'Occidente ha fatto di tutto - interventi militari, sanzioni e sovversione - per dividere e conquistare i Paesi mediorientali. Un buon esempio di come l'Occidente abbia calpestato la giustizia è la ritardata risoluzione della questione palestinese.

L'Occidente ha anche creato conflitti e odio, poiché ha propagandato la sua correttezza politica e la sua superiorità culturale. Ha indebolito e diminuito la diversità delle civiltà regionali promuovendo e predicando "i vantaggi" dei sistemi politici e delle ideologie occidentali.

In merito al recente ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan, alcuni media del Medio Oriente hanno commentato che il disastroso ritiro rappresenta il crollo della democrazia liberale statunitense. Ciò che preoccupa profondamente questi Paesi è quindi molto chiaro. Non si tratta della perdita della protezione di un alleato "affidabile" e di un ordine regionale stabile, ma piuttosto del deterioramento della già caotica situazione della sicurezza in Medio Oriente a causa delle potenze occidentali e del loro comportamento irresponsabile. Ad esempio, la brutale invasione dell'Iraq da parte degli Stati Uniti ha rimosso Saddam Hussein dal potere, ma il suo ritiro arbitrario ha lasciato il Paese impantanato nella turbolenza. Le giravolte del governo statunitense sull'accordo nucleare iraniano non fanno che aggravare la già complicata situazione.

Per raggiungere una stabilità a lungo termine in Medio Oriente, è necessario stabilire un nuovo concetto di sicurezza universale.

Innanzitutto, si dovrebbe raggiungere un consenso fondamentale sul fatto che il Medio Oriente appartiene ai popoli della regione. La sicurezza regionale dovrebbe essere messa nelle mani degli Stati regionali, basarsi e servire in ultima analisi gli interessi delle popolazioni della regione, piuttosto che delle potenze extraterritoriali. Inoltre, la struttura di governance della sicurezza dovrebbe essere guidata dai Paesi regionali, che possono essere integrati con il sostegno internazionale.

In secondo luogo, la gestione della sicurezza in Medio Oriente deve sostenere i principi di equità, giustizia e non interferenza negli affari interni, e su questa base stabilire la fiducia reciproca e infine un accordo di sicurezza giusto, completo e duraturo. Le Nazioni Unite dovrebbero fungere da principale intermediario, con la partecipazione delle parti internazionali interessate, sostenendo colloqui di pace che rispettino pienamente gli interessi e le aspirazioni dei Paesi della regione.

In terzo luogo, occorre sottolineare l'importanza della sicurezza universale. La sicurezza di ogni Stato della regione deve essere rispettata e garantita. Ogni Paese della regione ha il diritto di partecipare agli affari di sicurezza regionale e condivide la responsabilità della sicurezza regionale.

Nel contesto del ritiro degli Stati Uniti dal Medio Oriente, alcuni sostengono che la Cina stia riempiendo il vuoto. Questo non è vero. Come già detto, la Cina sostiene la sicurezza universale per tutti gli Stati della regione e non ha mai visto il Medio Oriente come un'arena di lotta per il potere, quindi non si tratta di riempire il vuoto lasciato da alcun Paese.

Inoltre, gli stretti legami che la Cina ha instaurato con gli Stati della regione si basano sulla convinzione che la pace, la sicurezza e lo sviluppo del Medio Oriente siano nell'interesse comune della Cina e dei Paesi della regione, il che è fondamentalmente diverso da quello che intercorre tra le potenze occidentali e gli Stati della regione. La Cina non cerca mai di essere un salvatore o un maestro, e sostiene sempre la risoluzione pacifica delle controversie regionali attraverso il dialogo.

Il Consigliere di Stato e Ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha visitato il Medio Oriente due volte quest'anno, migliorando le relazioni della Cina con i Paesi della regione. Durante la visita di marzo, Wang ha proposto un'iniziativa in cinque punti per raggiungere la pace e la stabilità in Medio Oriente, che comprende la promozione del rispetto reciproco, la difesa dell'equità e della giustizia, il raggiungimento della non proliferazione nucleare, la promozione congiunta della sicurezza collettiva e l'accelerazione della cooperazione allo sviluppo. Durante la sua visita di luglio, Wang ha avanzato una proposta in quattro punti per risolvere la questione siriana e tre idee per concretizzare la soluzione dei due Stati per Palestina e Israele.

Per raggiungere la pace e la sicurezza, la Cina ha proposto l'istituzione di una piattaforma per il dialogo sulla sicurezza nella regione del Golfo, ha organizzato il secondo simposio di pace Palestina-Israele e si è offerta di ospitare in Cina i colloqui tra le due parti. La Cina ha anche chiesto una conferenza di pace internazionale guidata dalle Nazioni Unite con la partecipazione dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza e di tutte le parti interessate al processo di pace in Medio Oriente.

Di fronte alla nuova situazione internazionale e regionale, è più importante che mai che sia la Cina che i Paesi del Medio Oriente rafforzino la loro cooperazione in materia di sicurezza. In quest'ottica, tutte le parti devono migliorare costantemente la comprensione della situazione della sicurezza regionale, fare della sicurezza universale un consenso generale e rafforzare la comunicazione e la cooperazione attraverso canali bilaterali e multilaterali, in modo da costruire insieme un Medio Oriente sicuro.

La sicurezza è direttamente collegata alla sovranità. Nulla è più affidabile che avere la sicurezza nelle proprie mani. Tuttavia, il problema duraturo della sicurezza in Medio Oriente non può essere risolto da un giorno all'altro. È incoraggiante notare che di recente i Paesi della regione hanno intrapreso alcune azioni positive di mitigazione. Ma la sicurezza universale può essere costruita solo guadagnando gradualmente e pazientemente la fiducia attraverso il dialogo.

L'autore è ambasciatore per gli Affari del Forum di cooperazione Cina-Stati Arabi del Ministero degli Affari Esteri. L'autore ha contribuito con questo articolo a China Watch, un think tank alimentato dal China Daily. Le sue opinioni non riflettono necessariamente quelle del China Daily.

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti