D. Broder - Quello Draghi è il primo governo occidentale compiutamente "post-democratico"

D. Broder - Quello Draghi è il primo governo occidentale compiutamente "post-democratico"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Con l'attuale quadro, "è estremamente preoccupante che una tale forza[Fratelli d'Italia] sia l'unica opposizione, con la sinistra sia assente che incapace di rappresentare qualsiasi tipo di alternativa politica a Draghi", secondo David Broder,storico del comunismo italiano e francese, nella sua interessante analisi che illustra come la il Governo Draghi sia il primo governo occidentale compiutamente "post-democratico".

di David Broder* - Jacobinmag

Il nuovo governo italiano di Mario Draghi è stato salutato per aver unito tutte le forze politiche dal centro-sinistra alla Lega di estrema destra. Eppure l'adulazione dell'ex capo della Banca Centrale Europea come "salvatore nazionale" continua una tendenza che eleva le decisioni economiche tecnocratiche al di sopra delle scelte democratiche - e sono gli italiani della classe operaia che ne soffriranno.

Mai eletto a nessuna carica pubblica, il nuovo primo ministro ha voluto assicurare agli italiani comuni che aveva a cuore i loro interessi. Ex funzionario della Commissione europea, ha ribadito che il suo obiettivo era ricostruire la fiducia tra i cittadini e le loro istituzioni e superare il preoccupante crollo sociale causato dall'aumento della disoccupazione.

In vista del suo primo voto di fiducia al Senato, il nuovo premier ha promesso di far uscire l'Italia dalla crisi ripulendo le finanze pubbliche, combattendo l'evasione fiscale, garantendo la coesione sociale e riportando l'economia a una crescita sostenibile. I media hanno quasi unanimemente elogiato il tecnocrate per aver salvato l'Italia dal caos lasciato da una classe politica in bancarotta: in mezzo a tanta adulazione, non è stata una sorpresa che abbia iniziato il suo mandato con l'84% di consensi pubblici.

 

LEGGI: Servire Dio e Mammona di Leo Essem

 

 

Tutto ciò è accaduto nell'autunno 2011, quando l'ex consigliere di Goldman Sachs Mario Monti è diventato primo ministro italiano. Il suo ormai famigerato governo ha continuato a introdurre una strabiliante austerità che ha spinto verso l'alto la disoccupazione ed ha portato ad un calo del 3% del PIL. Tale fu il crollo di questa figura "provvidenziale", che quando Monti si presentò alle elezioni politiche quindici mesi dopo la sua nomina, solo un elettore su dieci appoggiò il suo partito.

Una simile esperienza potrebbe, almeno, essere servita da avvertimento agli esperti che affermano che la versione 2021 del governo tecnocratico - questa volta guidata dall'ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi - sta davvero per " salvare l'Italia ". Sì, il nuovo Primo Ministro Draghi gode di un'elevata approvazione da parte dell'opinione pubblica (a livelli uguali a Monti ), di un ampio sostegno parlamentare e di una copertura mediatica servile in quasi tutti i principali organi di stampa. Ma le cheerleader della lobby imprenditoriale Confindustria e dei falchi neoliberisti stagionati in tutta Europa ci dicono anche qualcosa sul tipo di "riforme" che amministrerà.

Senza dubbio, il governo entrante di Draghi non è semplicemente identico alla precedente amministrazione tecnocratica sotto Monti nel 2011-13. In particolare, l'allentamento dei limiti del deficit di bilancio europeo durante la crisi post-pandemia significherà una pressione meno immediata per tagliare la spesa complessiva. In una colonna del Financial Times lo scorso marzo Draghi ha riconosciuto la probabilità di sopportare un debito pubblico elevato, il che implica un cambio di tono rispetto alla risposta europea alla crisi del 2008, in cui lui stesso era uno dei principali fautori di tagli devastanti e privatizzazioni .

L'ampio sostegno politico alla sua amministrazione - con quindici ministri "politici" provenienti a vario titolo dal Movimento 5 Stelle, dal centro-sinistra, da Forza Italia di Silvio Berlusconi e dalla Lega di estrema destra di Matteo Salvini, insieme a otto tecnocrati non eletti - deve molto ai soldi del Fondo europeo di recupero avrà a portata di mano. Eppure sia il record di Draghi, sia la dipendenza del suo governo da vari demoni dell'era Berlusconi e amministratori di banca, sono una buona ragione per mettere in discussione il boosterismo dei media sul "salvatore" dell'Italia e sul suo governo " di migliori".

Keynesiano?

Infatti, nonostante tutto il "profilo istituzionale" di Draghi e il parlare di dover convivere con un debito pubblico elevato, non ci vuole molto per smantellare l'idea che questa sia una sorta di svolta keynesiana dal neoliberismo o una "missione di salvataggio" che rinvigorirà servizi pubblici fatiscenti. Forse è indicativo il modo in cui il governo precedente è caduto a gennaio.

All'epoca, il leader centrista Matteo Renzi ha insistito sul fatto che stava rovesciando l'amministrazione democratica / a cinque stelle di Giuseppe Conte perché non è riuscita ad attingere ai prestiti del meccanismo di stabilità europeo. Eppure la richiesta dei centristi neoliberisti di accettare tali prestiti è stata curiosamente abbandonata nelle ultime settimane, con lo svolgersi dell'operazione per sostituire Conte con Draghi. Piuttosto, il fattore decisivo è stato che Draghi è un "paio di mani più sicuro" dal punto di vista delle istituzioni europee e di Confindustria - e ancora meno suscettibile alle pressioni della base elettorale dei partiti di centrosinistra, come concessioni al lavoro nella prima parte del la pandemia viene annullata.

 

LEGGI: Piano contro mercato- Per un salario sociale di classe di Pasquale Cicalese; Prefazione di Guido Salerno Aletta; Postfazione di Vladimiro Giacchè

 

Se il New York Times chiede se Draghi può "salvare l'Italia come ha salvato l'euro", vale la pena chiedersi cosa comporta. In qualità di capo della Banca centrale europea, Draghi ha promesso di fare "tutto il necessario per salvare l'euro", e ha ottenuto questo risultato condizionando il sostegno della banca centrale alla privatizzazione e al taglio del bilancio "riforme", il cui tributo i servizi pubblici dell'Europa meridionale stanno ancora pagando oggi.

E poi c'è la questione di quanti nuovi finanziamenti siano effettivamente disponibili. Come notano gli economisti Emiliano Brancaccio e Riccardo Realfonzo in una lettera al Financial Times, il denaro del Fondo europeo di recupero (127 miliardi di euro) è per lo più prestiti che servono ad attutire i tassi di interesse italiani; il totale delle sovvenzioni di 82 miliardi di euro è quasi dimezzato se si considerano i contributi italiani al fondo. Come notano, i conseguenti 7 miliardi di euro di sovvenzioni all'anno per sei anni sono una pappa piuttosto sottile rispetto ai 160 miliardi di euro distrutti in meno di un anno di crisi del coronavirus - senza contare che si prevede che l'Italia spenda 60 miliardi di euro in interessi. sul suo debito pubblico di 2,6 trilioni di euro nel 2021 .

Al di là delle limitate nuove risorse a disposizione del suo governo, le scelte ministeriali di Draghi rappresentano un marcato riequilibrio della destra, anche rispetto alle tiepide misure socialdemocratiche di Conte. Questo gabinetto di "unità nazionale" include un'ampia gamma di partiti, ma con i ministeri chiave nelle mani delle figure più fermamente neoliberiste e con una totale mancanza di rappresentanza del lavoro.

Il suo ministro dell'Economia Daniele Franco ha un background simile in Banca d'Italia e nelle istituzioni europee (e, come lo stesso Draghi, ha svolto un ruolo chiave nella formazione del governo Monti nel 2011); il ministro dello sviluppo economico è Giancarlo Giorgetti della Lega, politico di estrema destra ma anche allievo dell'Università del libero mercato Bocconi; e il ministro della pubblica amministrazione è l'alleato di Berlusconi Renato Brunetta. In vista della formazione del governo, Giorgetti ha insistito per un riequilibrio a favore dei "produttori" piuttosto che delle "elemosine", una speranza apparentemente realizzata nella presenza sbilenca di alleati commerciali delle regioni più ricche del Nord.

Il fatto che la Lega di estrema destra aderisse a un governo con una così forte identità “filoeuropea” e dell'establishment potrebbe sorprendere chi immaginava che fosse una forza “Italexit”. In realtà, la Lega non ha mai perseguito una tale politica con alcuna determinazione, anche al governo nel 2018-19, e si è alleata con forze centriste in precedenza (in particolare nell'amministrazione tecnocratica dell'ex banchiere centrale Lamberto Dini nel 1995). Mentre Salvini ha dato al partito un vantaggio più antipolitico e demagogico, espandendolo per la prima volta nelle regioni meridionali, questo è stato sposato con la sua vocazione originale di partito thatcheriano di piccole (e alcune grandi) imprese del Nord.

Nei giorni scorsi, Salvini ha chiesto al governo Draghi di adottare la regione Lombardia guidata dalla Lega come modello per il servizio sanitario nazionale - un record di priorità negli ospedali rispetto ai medici locali e all'assistenza primaria, e di promozione della privatizzazione. Possiamo aspettarci pienamente che continui la tradizione della Lega di atteggiarsi a partito di opposizione anche mentre è un giovane partner di coalizione nel governo, chiedendo chicche per il suo cuore così come una politica generale di privatizzazione e taglio delle tasse.

Per i partiti che hanno dominato l'amministrazione di Conte - i Democratici e il Movimento 5 Stelle - non si trattava di forzare elezioni anticipate piuttosto che appoggiare Draghi. Nonostante le sue lontane origini nel Partito Comunista che si è dissolto nel 1991 (e in misura minore, ma sovra rappresentate nelle sue fila dirigenziali, la Democrazia Cristiana) l'identità del Partito Democratico si basa soprattutto sull'europeismo e sulla responsabilità istituzionale.

Mentre Andrea Orlando sarà il ministro del lavoro di Draghi, il record del premier - e degli alleati - suggerisce che ci sarà ancora meno spazio per le politiche a favore del lavoro rispetto a Conte. Decisivo, a questo proposito, è l'attuale divieto di licenziamento, imposto durante il periodo di blocco nonostante la forte opposizione della federazione datoriale. Questo blocco temporaneo rischia di non essere rinnovato dopo il 31 marzo, rischiando la miseria per centinaia di migliaia di lavoratori. Tuttavia, da quando Draghi ha annunciato venerdì la sua squadra ministeriale, le critiche dei ranghi democratici si sono concentrate sul numero di donne di centro-sinistra nell'amministrazione (zero) piuttosto che sul carattere generale del governo.

Opposizione mancante

Il leader del Partito Democratico Nicola Zingaretti inizialmente ha insistito sul fatto che non sarebbe mai entrato in un governo con i ministri della Lega. Ma presto abbandonò questa posizione per deferenza nei confronti di Draghi, e anche la coalizione più di sinistra Liberi e Uguali (LeU) prese una strada simile. All'interno di questo ultimo gruppo, un piccolo partito chiamato Sinistra Italiana ha tenuto un voto interno in cui l'87% ha rifiutato il sostegno all'amministrazione di Draghi. Ma, raccontando la debolezza delle forze anti-neoliberiste, il dibattito si è concentrato sul rifiuto di allearsi con la Lega, piuttosto che sul rifiuto del progetto dell'ex capo della banca europea; anzi, anche le forze più di sinistra nel parlamento italiano sono più simili ai Verdi in paesi simili, che a una sinistra comunista o radicale.

Anche i sostenitori del Movimento Cinque Stelle, ancora la più grande forza parlamentare, hanno votato dal 60 per cento a sostegno dell'amministrazione, spingendo il leader dissidente Alessandro di Battista a dimettersi da questo partito un tempo "anti-establishment". Personaggi a cinque stelle come Beppe Grillo e il ministro degli Esteri Luigi di Maio - un tempo ostili a tutte le coalizioni tra partiti - si sono nuovamente mostrati “ pronti a tutto, capaci di ben poco ”, appoggiando l'amministrazione Draghi senza imporle priorità politiche.

È una grande ironia che mentre per decenni il centro-sinistra italiano ha subordinato quasi ogni altra questione politica alla "resistenza" contro prima Silvio Berlusconi e poi Matteo Salvini, ora sostiene un governo che include queste stesse odiose forze di estrema destra. Tuttavia, date le ipotesi liberali e pro-UE piuttosto che socialiste del centro-sinistra, c'è una logica chiara nella loro posizione: Draghi non è un semplice prestanome, e il suo filone di neoliberismo tecnocratico è certamente la forza egemonica di questa amministrazione. Forza Italia e Lega potrebbero anche essere temporaneamente indebolite da questo ultimo momento di rilancio centrista.

Inoltre, non dovremmo aspettarci che questo patto duri molto a lungo: nei governi regionali su e giù per l'Italia c'è un'ampia opposizione tra il centro-destra e un (putativo) patto Democratico-Cinque Stelle, un binario che probabilmente sarà di nuovo rafforzato dal elezioni generali previste entro marzo 2023. Piccole forze di sinistra come Sinistra Italia hanno scommesso proprio su questo tipo di rimodellamento del centrosinistra, Cinque Stelle compreso. Ma ciò che il governo Draghi mostra è la scelta democratica minima sui fondamenti della politica economica, poiché sia ??i media che i principali partiti politici bagnano qualunque cosa decidano i tecnocrati in un'aura di "necessità" di ferro.

In realtà, le dimensioni poco impressionanti dei fondi europei, combinate con le stesse vecchie "riforme" del libero mercato richieste dai falchi neoliberisti, suggeriscono che la promessa di Draghi di essere tutto per tutti non durerà a lungo. Il problema è che decenni di sconfitte per i lavoratori e la mancanza di priorità distinte da parte del centrosinistra rendono difficile vedere da dove potrebbe venire un'alternativa, ad esempio fornire una casa politica agli elettori del Cinque Stelle disillusi.

L'unico grande partito che ha rifiutato di entrare nel governo di Draghi, i Fratelli d'Italia postfascisti di Giorgia Meloni, è la forza già più desiderosa di andare alle urne. Attualmente si attesta a circa il 16% di supporto (quattro volte il punteggio di marzo 2018), registrando un rapido aumento che ricorda i precedenti "outsider anti-establishment" come Cinque Stelle e Lega. Nel tentativo di disintossicare le proprie radici mussoline, Fratelli d'Italia è per certi versi un partito conservatore più “normale” persino della Lega, combinando elementi del Partido Popular spagnolo e partiti assistenzialisti nell'Europa centro-orientale. Eppure è estremamente preoccupante che una tale forza sia l'unica opposizione, con la sinistra sia assente che incapace di rappresentare qualsiasi tipo di alternativa politica a Draghi.

*Redattore europeo di Jacobin è uno storico del comunismo francese e italiano.

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile di Giuseppe Masala Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

Più sanità pubblica quando la rivendichiamo? di Antonio Di Siena Più sanità pubblica quando la rivendichiamo?

Più sanità pubblica quando la rivendichiamo?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti