Declassified Uk. Come l'MI6 ha sostenuto i terroristi in Afghanistan

Declassified Uk. Come l'MI6 ha sostenuto i terroristi in Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Phil Miller* - Declassified UK

 

I colloqui segreti tra i talebani e l'MI6(Servizi segreti britannici NDT) durante l'evacuazione di Kabul sono l'ultimo capitolo nella lunga storia dell'impegno dell'agenzia di intelligence britannica con i gruppi islamici radicali in Afghanistan. Molto rimane avvolto nel segreto, ma un insider sta parlando.

  • John Fullerton ha lavorato di nascosto per l'MI6 in Afghanistan negli anni '80 e ora parla con Declassified
  • Fullerton ha operato sotto copertura come giornalista, sostenendo i mujaheddin afgani 
  • Il governo di Margaret Thatcher ha fornito addestramento militare, equipaggiamento e supporto di "propaganda" alle forze islamiste afghane
  • Il ministero degli Esteri ha dichiarato: "L'assistenza militare ai ribelli afghani dovrebbe essere fornita il più clandestinamente possibile"
  • Londra ha sostenuto i gruppi fondamentalisti sapendo che era "improbabile" essere in sintonia con l'Occidente
  • Gli Stati Uniti hanno assunto mercenari britannici per condurre operazioni segrete all'interno dell'Afghanistan

 

Nel 1980, il giornalista John Fullerton si sedette a pranzo a Londra con i membri del Secret Intelligence Service (SIS) britannico, meglio noto come MI6. Chiesero al giornalista irrequieto di nominare cinque città in cui gli piacerebbe lavorare. Scarabocchiò senza esitazione le risposte su un tovagliolo di carta.

"Il primo è stato Peshawar in Pakistan", ha detto a Declassified , spiegando il suo desiderio di spostarsi vicino al turbolento confine afghano. “I sovietici avevano invaso l'Afghanistan, ma non riuscivo a trovare il modo di essere un libero professionista là fuori. Non c'erano giornalisti a coprirlo. Tutti avevano lasciato Kabul. Quindi volevo coprire la guerra ed è così che il SIS mi ha assunto".

Era in buoni rapporti con la SIS già da molti anni, dopo un incontro casuale con Nicholas Elliott, uno dei high fliers dell'agenzia. Elliott, che ha notoriamente affrontato il doppio agente del KGB Kim Philby, era appena andato in pensione come direttore del SIS quando ha notato un articolo di Fullerton che esponeva una lotta di potere tra la polizia e l'esercito nel Sudafrica dell'apartheid .

Fullerton è cresciuto a Città del Capo, diventando redattore di notizie notturne sul Cape Times prima di migrare di nuovo nel Regno Unito, il paese in cui è nato. Dopo aver verificato che non fosse una talpa per il Bureau of State Security del regime dell'apartheid, l'intelligence britannica alla fine lo ha assunto come "lavoratore a contratto", un'opzione più economica rispetto a una posizione permanente di ufficiale del SIS.

"Hanno impiegato molti di questi lavoratori a contratto, molti provenienti da ambienti militari", ha commentato Fullerton. “Il SIS aveva attraversato un periodo di ridimensionamento negli anni '70 e nei primi anni '80 e si era ridotto. Dall'avere tre stazioni completamente attrezzate in America Latina, si è passati a non averne nessuna”.

Tutto cambiò sotto il primo ministro conservatore Margaret Thatcher, che ricevette consigli informali sullo spionaggio da Elliott. "Si interessava molto agli affari esteri e all'intelligence e ha cercato di rinforzare il tutto", ha osservato Fullerton, aggiungendo che il suo ministro degli Esteri Lord Carrington era ansioso di portare "scene di afgani che combattono contro i comunisti sugli schermi televisivi".

Carrington disse al suo dipartimento in una nota riservata del 1980: "Gli insorti afghani dovrebbero essere portati a comprendere il valore della pubblicità, il che significa che i film sull'attività militare sovietica (ad esempio, i loro attacchi ai villaggi e la distruzione di case e raccolti) dovrebbe essere prontamente disponibile. Non dovrebbe essere difficile incoraggiare la fornitura di film, macchine fotografiche, ecc. agli insorti, che dovrebbero essere incoraggiati a registrare gli eccessi sovietici”. 

Così, quando mesi dopo Fullerton scrisse Peshawar sul suo tovagliolo, Whitehall era più che pronto a sostenere la sua mossa di carriera. Hanno spedito il 31enne a Fort Monckton, una scuola di formazione SIS a Gosport, nel sud dell'Inghilterra, dove ha imparato il mestiere: come compilare rapporti di intelligence, intervistare risorse, seguire un obiettivo. 

La cosa più importante era un corso accelerato sull'uso delle videocamere Super 8 che avrebbe fornito agli esuli afghani.

Il Foreign Office ha adottato un approccio simile alla guerra civile siriana trent'anni dopo: finanziando decine di giornalisti cittadini per fornire alle reti dei media occidentali un flusso costante di atrocità del regime e storie di vittorie dei ribelli. 

Negli anni '80, le operazioni psicologiche della Gran Bretagna per l'Afghanistan erano più sperimentali, con Fullerton che doveva trovare cameraman adatti tra il labirinto di gruppi di mujaheddin a Peshawar o talvolta attraversava il confine con loro per rafforzare la sua copertura giornalistica come corrispondente estero freelance.

Lo spionaggio di Fullerton lungo la frontiera tra Afghanistan e Pakistan costituisce la base per il suo nuovo avvincente romanzo Spy Game , che, sebbene immaginario, segue da vicino la sua esperienza e suona con i file declassificati del Foreign Office presso gli Archivi nazionali.

Il suo punto di vista da insider è particolarmente prezioso dal momento che il SIS non ha mai pubblicato i dati relativi alle sue azioni contro i sovietici in Afghanistan. Questi si sono svolti parallelamente all'operazione Cyclone, una delle operazioni segrete più lunghe e costose della CIA, scatenata dal presidente Carter nel 1979 e continuata sotto Ronald Reagan.

"Fanatici religiosi di destra"

Fullerton ha lavorato per il SIS come agente capo a Peshawar dal 1981 al 1983, prima di entrare nell'agenzia di stampa Reuters e allontanarsi dalla comunità dell'intelligence. 

Sebbene il suo incarico iniziale in Afghanistan fosse limitato alla raccolta di informazioni, alla gestione degli agenti e all'acquisizione di filmati, Lord Carrington aveva aspirazioni molto più da falco.

Il ministro degli Esteri, che supervisionava il SIS, voleva che i mujaheddin afghani ricevessero "il tipo di missili portatili che la fanteria usa contro gli aerei a bassa quota" e le "mine anticarro". 

I missili terra-aria e le mine antiuomo in Afghanistan avrebbero in seguito causato enormi preoccupazioni in Occidente, ma Carrington non ha avuto tali esitazioni nei primi anni '80. 

Ha osservato : "Mi sembra che questa, sebbene sia un'area difficile, è quella in cui il movimento di liberazione afghano merita una misura di sostegno e in cui l'iniezione di una leggera assistenza può pagare dividendi sostanziali".

Nonostante lo zelo iniziale di Carrington, Fullerton crede che il SIS sia diventato più attivo solo verso la metà degli anni '80. "Ai miei tempi erano piuttosto incerti", ha ricordato. “Erano felici solo di provare a fare un po' di propaganda, cercando di convincere la gente ad aiutare i mujaheddin, e questo era abbastanza per quanto riguardava gli inglesi. È stato solo più tardi che hanno iniziato a cercare di chiedere aiuto ad Ahmad Shah Massoud”.

Massoud, noto come il 'Leone del Panjshir', occupava una valle strategica vicino a Kabul che era una roccaforte della resistenza ai sovietici. A lungo ritratta come una forza moderata in Afghanistan, il figlio, anch'egli di nome Ahmad, è attualmente tra i pochi signori della guerra rimasti  contro i talebani.

La maggiore attenzione su Massoud potrebbe essersi verificata nel 1983, quando il capo della Task Force afghana della CIA, Gustav Avrakotos, incontrò il SIS a Londra e si rese conto che l'agenzia britannica era "praticamente in bancarotta". 

Nonostante la mancanza di fondi, Avrakotos credeva che il SIS avesse meno vincoli legali sulla sua attività rispetto alla CIA e comprendesse meglio il terreno dell'Afghanistan dalle sue spedizioni imperiali nel paese, in particolare il significato militare della valle del Panjshir.

Il gruppo di Massoud, Jamiati Islami (Società islamica), era l'“organizzazione preferita” di Fullerton con cui lavorare a Peshawar, ma i suoi uomini avevano alcune tendenze pericolose. "C'era questo grande poster sul muro di Jamiati Islami e aveva una tomba", ha precisato. 

“Accanto alla tomba c'erano due bare. Uno con una bandiera americana avvolta intorno e l'altro con una bandiera sovietica. Ed è stata la morte per entrambi. Quindi da un lato avrebbero accettato armi dall'Occidente, ma dall'altro si sarebbero risentiti per quelle persone che stavano cercando di imporre loro la loro visione del mondo”.

Fullerton ha fornito all'ambasciata britannica a Islamabad informazioni sulle diverse correnti all'interno dell'opposizione afgana. I file declassificati mostrano che il Foreign Office considerava il gruppo di Massoud come "fanatici religiosi di destra" anche prima che Fullerton arrivasse a Peshawar. 

"Basta con il colonialismo rosso"

C'erano pochi esuli a Peshawar di cui Fullerton si fidava. “Ho incontrato afghani che erano nazionalisti laici e andavo d'accordo con loro molto meglio che con chiunque altro, ma non rappresentavano molto. Erano piccole fazioni. Era piuttosto disperato, pensai. Non avevano molto potere sul campo".

Anche gli afgani di sinistra che sono rimasti delusi dal governo del Partito Democratico Popolare appoggiato dai sovietici a Kabul si sono imbattuti nel radar di Fullerton a Peshawar, ma hanno vissuto nel timore di rappresaglie da parte dei gruppi religiosi pashtun e dei loro principali sostenitori, l'Inter-Services Intelligence (ISI) del Pakistan.

"Penso che gli americani stessero fornendo le persone sbagliate perché le informazioni che stavano ottenendo erano imperfette", ha riflettuto Fullerton. “Avevano subappaltato l'intelligence all'ISI del Pakistan. Il Pakistan aveva una politica avanzata che era quella di controllare le aree pashtun dell'Afghanistan, per garantire che chiunque fosse a Kabul fosse il loro uomo e fondamentalmente per creare un enorme cordone sanitario ”. 

Il Pakistan temeva di essere accerchiato dalla sua vecchia rivale India e voleva una zona cuscinetto sul suo fianco nord-occidentale in Afghanistan. 

"L'ISI era interessato a dare tutta questa generosità o parte di essa alla loro gente e la loro gente era fondamentalmente islamista", ha aggiunto Fullerton. 

file del Foreign Office supportano la sua valutazione, con una nota ufficiale: “Il governo pakistano, incluso il presidente Zia, favorisce i gruppi di resistenza più fondamentalisti e generalmente più attivi. Questo ha senso in quanto il presidente Zia è lui stesso una specie di fondamentalista".

Come risultato di questa dinamica politica, il maggior beneficiario dei fondi della CIA dall'Operazione Cyclone è stato Gulbuddin Hekmatyar, il leader della "linea molto dura" Hezbi Islami (Partito Islamico) e qualcuno che Fullerton considerava "un personaggio sgradevole".

Quando Fullerton si imbatté in questo gruppo a Peshawar, Hekmatyar aveva già scritto alla Thatcher lodando il suo "sentimento umanistico" e chiedendo il suo sostegno. "Hezbi Islami Afghanistan è pronto ad accettare qualsiasi aiuto senza condizioni da qualsiasi nazione amica per cacciare il colonialismo rosso dall'Afghanistan", disse il gruppo al primo ministro. 

Hekmatyar ha incontrato di nuovo la Thatcher a Downing Street nel 1986.

Quando i sovietici furono infine sfrattati dall'Afghanistan nel 1989, Hekmatyar si batté per la supremazia tra i signori della guerra rivali, durante i quali le sue forze furono accusate di aver bombardato pesantemente le aree civili di Kabul e di aver violentato le donne.

Hekmatyar ha trionfato ed è diventato per breve tempo primo ministro dell'Afghanistan prima di fuggire quando i talebani hanno preso il potere nel 1996.

Dopo l'11 settembre ha cambiato schieramento, dichiarando il suo sostegno ai talebani e ad Al Qaeda e trascorrendo i successivi 15 anni a dirigere attacchi contro le forze della Nato in Afghanistan.

L'ex cliente della CIA è stato designato come terrorista e preso di mira (senza successo) in un attacco di droni statunitensi.

Un altro spettacolare caso di contraccolpo dell'operazione Cyclone ha coinvolto i mujaheddin arabi che sono venuti in Afghanistan e in Pakistan negli anni '80 per aiutare a combattere il comunismo. 

"Andavo nella casa di un comandante afghano a Peshawar e vedevo figure che sfrecciavano all'interno entrando nelle porte e su per le scale", ha ricordato Fullerton. “Ho saputo più tardi che quelli erano volontari arabi. Poi ho visto all'angolo della strada in cui vivevo a University Town un gruppo di arabi in abiti bianchi e copricapi - potrebbe essere stato Osama Bin Laden, chi lo sa. Viveva nella città universitaria".

"Gli afghani li trattavano con disprezzo", ha aggiunto. "Hanno dovuto sopportarli perché accettavano denaro e armi sauditi, quindi hanno detto che avremmo dovuto prendere queste persone, ma pensavano che fossero piuttosto inutili a combattere".

Radunare il mondo arabo contro i sovietici ha portato denaro ai mujaheddin afgani, ma ha comportato enormi rischi per l'Occidente. “Gli americani stavano pagando per la realizzazione di tutti quei nastri e registrazioni che incitavano la gente a insorgere contro il comunismo. Se inizi a ficcare le dita in tutto questo e inizi a incoraggiare una rinascita di un Islam militante sulla scena mondiale, alla fine ti brucerai le dita, è necessario”, ha riflettuto Fullerton.

“In Egitto stavano distribuendo tutti questi nastri e registrazioni di vari leader che imploravano i loro seguaci di andare a combattere in Afghanistan e resistere al male sovietico. Bene, dove finisce? C'era il breve termine. Avevamo bisogno di guardare agli effetti a lungo termine che questo avrebbe avuto”.

Già nell'aprile 1980, il Foreign Office di Londra aveva concluso in una nota segreta che "dal punto di vista dell'Occidente non esiste un evidente partito individuale [di opposizione afghana] che meriti sostegno sugli altri". Ha avvertito che "è improbabile che i gruppi fondamentalisti siano più simpatizzanti per l'Occidente di quanto non lo siano per l'Unione Sovietica".

Eppure Whitehall ha respinto le opportunità di allinearsi con le correnti meno violente della tradizione islamica come il sufismo. Nel maggio 1980 un diplomatico britannico incontrò un predicatore coranico a Lahore che diffondeva “letteratura sufica ai mujaheddin in Afghanistan” nel tentativo di superare le rivalità tribali e politiche tra i ribelli.

L'ambasciata statunitense in Pakistan è apparsa disinteressata ai loro sforzi e il diplomatico britannico ha commentato che “il sufismo sembra essere un ramo piuttosto esoterico dell'Islam, ed è difficile vedere che la sua propaganda abbia molto successo tra i combattenti ribelli. Non vedo alcun vantaggio nel coinvolgerci più da vicino".

"Tipi  muscolosi"

Le spie occidentali non erano le uniche a sostenere i mujaheddin. "C'erano tutti questi tipi muscolosi che vagavano per Peshawar con le telecamere al collo", ha commentato Fullerton, ricordando l'arrivo di mercenari stranieri in Pakistan. “Sembravano assurdi e quando mi hanno visto per strada con la mia logora giacca di tweed sono scappati via."

"I mercenari britannici sono stati assunti dal Pentagono quando ero lì", ha spiegato Fullerton. “Sono stati assunti con il nome di Ice Cargo, credo, che è stato firmato in un hotel a Peshawar. Erano guidati da un inglese in giacca e cravatta a terra nell'hotel”. 

In almeno un caso, i loro ranghi includevano un ufficiale del SIS che aveva prestato servizio nei Royal Marines.

"Il loro compito era andare oltre il confine e cercare di ottenere i pezzi dell'elicottero da combattimento sovietico Hind e altri pezzi di equipaggiamento per il Pentagono", ha agiunto Fullerton. "Stavano cercando di entrare nel territorio della CIA, era una disputa intra-burocratica".

Sebbene queste iniziative aiutassero i mujaheddin a vagare per la campagna afgana, Fullerton sentiva che i sovietici non cercavano il controllo totale del paese. “Hanno capito che la campagna era la campagna e non puoi controllarla. Non ha senso impadronirsi di una collina o di una valle perché prima o poi dovrai andartene».

Invece, l'Armata Rossa “limitò le proprie operazioni a mantenere aperta una tangenziale tra le grandi città. I sovietici solo molto tardi padroneggiarono la tecnica di uscire in campagna con forze speciali e tendere agguati, o formare contro-bande vestite da mujaheddin e entrare in contatto con gruppi di mujaheddin e poi annientarli.

Con l'evoluzione delle tattiche militari sovietiche, anche le ambizioni mercenarie si sono evolute. Verso la fine del periodo di Fullerton in Afghanistan, nel 1983, un britannico che usava l'alias Stuart Bodman fu ucciso in un agguato sovietico. 

Secondo quanto riferito, stava lavorando per KMS Ltd, una società di mercenari con sede a Londra che è stata assunta dall'intelligence statunitense per installare una rete di stazioni di ascolto in miniatura in Afghanistan per rilevare i movimenti delle truppe sovietiche.

Si dice che KMS abbia tenuto un altro contratto relativo all'Afghanistan, assegnato dal presidente Zia per addestrare le forze speciali del Pakistan, le cui truppe includevano una parte di mujaheddin. Lo schema inizialmente ha incontrato difficoltà quando il KMS ha portato le truppe oltre il confine afghano per testare le loro abilità, e hanno incontrato combattenti Spetsnaz sovietici d'élite che hanno inflitto pesanti perdite.

Si ritiene che il direttore del KMS David Walker abbia contattato l'intelligence statunitense per migliorare il suo campo di addestramento in Pakistan, lamentando che "il sistema non consente agli istruttori di avvicinarsi ai loro studenti afgani, di avere un'idea delle condizioni operative e dei requisiti e di costruire quella stretta relazione che è così importante.”

Di conseguenza, Walker chiese alla CIA 160.000 sterline l'anno per fornire tre o quattro istruttori KMS che avrebbero addestrato i mujaheddin in Afghanistan. "Gli istruttori avranno un'ampia base di esperienza nelle abilità di guerra non convenzionale, ma si aspetteranno di insegnare due abilità principali per iniziare: a) demolizioni e sabotaggi, b) aiuti paramedici", ha scritto Walker.

Nel frattempo, un ex capitano dell'esercito britannico, Anthony Knowles, si avvicinò all'ambasciata degli Stati Uniti a Londra nel maggio 1985 con una proposta simile affinché KMS addestrasse i mujaheddin afgani alle tecniche di demolizione all'interno dell'Afghanistan. 

Knowles è stato incarcerato nel 2016 per frode fiscale. La polizia metropolitana sta attualmente indagando sulle accuse di crimini di guerra commessi da KMS in Sri Lanka, dove ha sostenuto le forze armate del paese che combattono una brutale guerra civile.

"Il più clandestinamente possibile"

L'entità del sostegno di Whitehall alle operazioni mercenarie della Guerra Fredda in Afghanistan è difficile da accertare. Nell'ottobre 1980, l' opinione prevalente al Ministero degli Esteri era che "qualsiasi assistenza militare per i ribelli afghani dovrebbe essere fornita il più clandestinamente possibile", il che ha frustrato i parlamentari di destra che volevano procedere apertamente.

Winston Churchill MP, nipote del leader in tempo di guerra, scrisse a Carrington in una lettera : "Supponendo che le nazioni occidentali non desiderino vedere il Terzo mondo invaso dall'Unione Sovietica e dai loro surrogati ... lo dobbiamo a coloro che stanno resistendo al giogo sovietico… per fornire loro i mezzi per portare avanti quella resistenza”.

Ha aggiunto: “Oltre al surplus dell'esercito e all'equipaggiamento obsoleto, sembrerebbe che ci sia un elemento specifico di nuovo equipaggiamento di cui hanno un disperato bisogno, vale a dire il missile terra-aria portatile della fanteria. Avrei pensato che la cerbottana prodotta in questo paese sarebbe stata l'ideale".

Ha continuato: “Anche se fossimo in grado di mettere a disposizione solo 100 missili insieme a una piccola squadra di addestramento specializzata … ovviamente se il governo di Sua Maestà non desidera essere visto coinvolto direttamente, non ho dubbi che si potrebbero trovare intermediari adatti come l'Oman o uno degli Stati del Golfo”.

Il veterano del SAS Ken Connor ha affermato nel suo libro Ghost Force che tale supporto segreto ha visto membri della fazione di Massoud portati fuori dalla valle del Panjshir un inverno da due veterani delle forze speciali britanniche e addestrati in Medio Oriente. 

Il gruppo ha anche visitato località rurali nel Regno Unito per ricevere sessioni di tiro dal vivo con istruzioni sulla pianificazione operativa, tattiche aggressive, uso di esplosivi, mortai e artiglieria. Si diceva persino che i mujaheddin venissero portati su voli in elicottero per apprezzare le difficoltà dei piloti nel trovare bersagli umani, per superare la loro paura delle cannoniere sovietiche.

Questi corsi includevano ulteriore addestramento sull'ingresso clandestino nelle basi aeree, piste minerarie, attirando aerei da attacco al suolo in strette valli dove potevano essere distrutti dal fuoco incrociato e imboscate colonne di veicoli corazzati.

Connor afferma che la CIA ha anche chiesto consiglio all'MI6 e al SAS su tali tattiche e, entro un mese dall'elaborazione di un piano britannico, i mujaheddin erano riusciti a distruggere quasi due dozzine di caccia Mig sovietici da terra in Afghanistan.

Altre fonti vicine alla comunità dell'intelligence, come il giornalista della BBC Mark Urban, hanno riferito che la CIA e il SIS hanno inviato 300 missili terra-aria Blowpipe da una fabbrica di Belfast in Afghanistan tra il 1985-86.

"L'apice della criminalità"

Alla fine questi sforzi sono culminati nella sconfitta dell'occupazione sovietica, ma la costruzione di una pace duratura si è rivelata molto più difficile. Parlando al telefono dalla sua casa in Scozia a maggio, Fullerton ha detto a Declassified di avere "sentimenti molto contrastanti" sull'allora imminente ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan. 

“Gli americani hanno perso una guerra e stanno cercando di usare i cosmetici per farlo sembrare migliore di quello che è. D'altra parte, non credo che sia mai stato possibile vincere nel modo in cui lo stavano facendo, perché il governo di Kabul non ha alcuna presa reale sul popolo afghano o sul territorio. Probabilmente non l'ha mai avuto", aveva previsto.

“Non credo che gli americani siano mai stati in grado di quadrare il cerchio facendo affidamento sui cosiddetti signori della guerra o leader locali e cercando di portare la maggior parte della popolazione in una parvenza di ordine e pace. Non ho risposte. Non credo che una potenza straniera possa usare la forza militare per ottenere i risultati che vuole in Afghanistan.

"E non vedo perché gli inglesi vorrebbero essere coinvolti", ha aggiunto. “Qual è l'interesse strategico? In che modo l'interesse nazionale nel Regno Unito viene servito dal coinvolgimento in posti del genere? Non credo che il Regno Unito sappia quale sia il suo interesse nazionale. 

“Sembra che sappiamo qual è l'interesse nazionale americano e che dovremmo seguire il loro esempio. Ma ciò che è effettivamente nell'interesse della popolazione britannica è un'altra cosa, in termini di edilizia popolare, riforma agraria e tutto il resto. Non sta nell'inviare una forza d'attacco nello stretto di Taiwan”, ha commentato, criticando aspramente la decisione della Royal Navy di inviare una delle sue nuove portaerei a pattugliare il Mar Cinese Meridionale.

Fullerton, che ora sostiene l'indipendenza scozzese, afferma che l'invasione dell'Iraq “è stata la rottura definitiva con lo stato britannico per quanto mi riguardava. Guardandolo svolgersi dalla Reuters a Londra non potevo credere che lo avrebbero fatto. 

“Non credevo che avessimo un Primo Ministro che avrebbe mentito apertamente, consapevolmente, al Parlamento e poi avrebbe sistemato l'intelligence per adattarla alla politica in modo così sfacciato e sarebbe entrato in una guerra che ovviamente avrebbe distrutto così tante vite – è stava chiaramente per farlo. 

“Sostanzialmente mi sembrava il colmo della criminalità. All'epoca aveva semplicemente sbalordito la mente. E come molte persone abbiamo partecipato alla marcia [contro la guerra] ma, ovviamente, la marcia è stata inutile. Non hanno prestato la minima attenzione ai tre milioni di persone per strada. Perché dovrebbero? Avevo iniziato a essere disilluso molto prima, ma penso che l'Iraq sia stata l'ultima proverbiale goccia". DM

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

*Capo redattore di Declassified UK, un'organizzazione di giornalismo investigativo che segue il ruolo del Regno Unito nel mondo.  Declassified è su Twitter , Facebook e YouTube . P er ricevere la newsletter mensile di Declassified qui.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO