Direttore ospedale Al-Shifa dopo assalto soldati israeliani: “Resteremo con gli ammalati. Vivremo o moriremo insieme a loro”

Direttore ospedale Al-Shifa dopo assalto soldati israeliani: “Resteremo con gli ammalati. Vivremo o moriremo insieme a loro”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Fare una foto con la bandiera del proprio paese, con il segno di “Vittoria” come se si fosse espugnata chissà quale roccaforte fortificata e armata, rende bene l’idea sul livello di barbarie in cui è arrivato non solo l’esercito israeliano, ma il suo governo, i suoi responsabili, perché da qualcuno pur prenderanno gli ordini.

Questa immagine peserà perennemente sulla coscienza dei capi di stato e di governo che hanno appoggiato Israele, perché un accanimento militare contro gli ospedali, così come si è visto a Gaza, è un fatto storico unico.

Non basteranno le bugie, trovare centinaia di copie del Mein Kampf nei tunnel degli ospedali, così anche paradossalmente delle armi, per giustificare una tale ferocia.

Il racconto di ieri pomeriggio del Direttore dell’ospedale Al-Shifa lascia senza fiato: “I soldati israeliani vagano per i reparti, hanno preso i corpi dei palestinesi uccisi e hanno fatto saltare in aria le riserve d'acqua”, mentre all’interno c’erano “650 pazienti, 500 operatori sanitari e oltre 5.000 sfollati”

Non solo, ha riferito che “l'ospedale è completamente circondato; le scorte di cibo e acqua sono esaurite e l’occupazione [israeliana] ha raggiunto la principale linea di approvvigionamento idrico. Le condizioni sono catastrofiche e le persone all’interno dell’ospedale piangono per la sete”.

Le barbarie non finiscono qui, perché il medico ha aggiunto che “i cecchini sono ovunque con l'ordine di sparare a vista, impedendo il movimento tra gli edifici; abbiamo perso i contatti con i nostri colleghi.”

Questo avviene all’interno dell’ospedale, ma “i droni israeliani non smetteranno di sorvolare l'ospedale. Gli occupanti attualmente trattengono diverse famiglie nel magazzino dell'ospedale.”

In tutto questo orrore, è il caso di dire mai visto, sarà pure retorica, ma Israele potrà ridurre in cenere tutta la Striscia, ma non potrà mai minimamente scalfire la dignità del popolo palestinese, della sua lotta di liberazione e resistenza.

Questa dignità sta nella conclusione del direttore dell’ospedale: “Rimarremo con i feriti e i malati, e partiremo solo con loro. Vivremo con loro o moriremo insieme a loro.”

Sicuramente resterà in vita solo la vergogna di Israele e dei suoi sostenitori a eterna memoria.

 

Francesco Guadagni

Francesco Guadagni

 

Nato nell'anno di grazia 1979. Capolavoro e mancato. Metà osco, metà vesuviano. Marxista fumolentista. S.S.C.Napoli la mia malattia. Pochi pregi, tanti difetti, fra i quali: Laurea in Lettere Moderne, Iscrizione all'Albo giornalisti pubblicisti della Campania dal 2010. Per molti anni mi sono occupato di relazioni sindacali, coprendo le vertenze di aziende multinazionali quali Fiat e di Leonardo Finmeccanica. Impegno di militanza politica, divenata passione, è il Medio Oriente. Per LAD Gruppo Editoriale ho pubblicato il libro 'Passione Pasolini - Un Viaggio con David Grieco', prefazione di Paolo Desogus. 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti