"Disforia di genere": un pericoloso cavallo di Troia?

"Disforia di genere": un pericoloso cavallo di Troia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

America sull’orlo della guerra civile? Sembrerebbe di sì: per la promozione della birra Budweiser - negli USA, da sempre, simbolo di “mascolinità”- ora in mano a tale Dylan Mulvaney, un trans con dieci milioni di followers su Tik Tok. Sembrerebbe. Ma se si analizzano meglio le tante “notizie” apparse sui media USA (come le bombe minacciate contro la Budweiser da fantomatici “gruppi sovranisti” o l’altrettanto inesistente crollo in Borsa della Budweiser) si capirà che (al pari di quanto successe nel 1985 con il “tradimento” della Coca Cola) si tratta di una mera strategia di marketing per rifidelizzare i consumatori storici e procacciarsene degli altri; altro che spianare la strada al transumanesino come denunciato da più parti su internet.

Questo significa che la spasmodica attenzione ai trans che sta avvincendo media, aziende e governi sia da sottovalutare? Tutt’altro, basti soffermarsi sulla Pfizer che dopo avere inneggiato ai transgender, ha sponsorizzato, con i  Grammy Awards di quest’anno, il loro nume tutelare Sam Smith. Sui social è stato tutto un ribollire di proteste per il video del suo spettacolo, che invita ad adorare il demonio: evidente “prova” che la già famigerata multinazionale opera per imporre un mostruoso transumanesimo finalizzato a capovolgere i valori della società. Molto probabilmente, invece, l’interesse della Pfizer per promuovere la causa gender è dettato da interessi ben diversi ma altrettanto loschi. Ci riferiamo al colossale business che sta promuovendo la moda della disforia di genere e cioè del disagio ad appartenere ad un sesso assegnato burocraticamente alla nascita.

Solo da qualche decennio la trasformazione da maschio a femmina, o viceversa, comincia ad essere considerata non una disgrazia o una malattia ma un accadimento da affrontare. Come? E, soprattutto, per ottenere cosa? Il passaggio al nuovo sesso o il convinto mantenimento nel sesso primigenio? Obiettivi che presuppongono una attenta analisi psicologica e clinica in quanto se si trattasse di una disforia di genere transitoria, il cambiamento di sesso effettuato frettolosamente potrebbe comportare gravissimi problemi.

In tal senso, ad esempio, andava il comunicato della Società Psicanalitica Italiana  (SPI) che, nel gennaio di quest’anno,  esprimeva grande preoccupazione per i sempre più diffusi farmaci (a totale cario del Servizio sanitario nazionale) finalizzati a produrre un arresto dello sviluppo puberale in ragazzi, di entrambi i sessi, a cui era stata diagnosticata una “disforia di genere”. Questa diagnosi in età prepuberale, evidenziava la SPI, è, spesso, basata sulle sole affermazioni dei soggetti interessati e non può essere oggetto di un’attenta valutazione finché lo sviluppo dell’identità sessuale è ancora in corso. A questo è da aggiungere che solo una parte minoritaria dei ragazzi che dichiarano di non identificarsi con il loro sesso conferma questa posizione dopo la pubertà.

Questo appello, invece di una levata di scudi,  avrebbe meritato una attenta riflessione anche perché la diagnosi di disforia di genere - così come emerge in quello che è considerato il più attendibile studio (condotto da K.J. Zucker nel 2017 riportato in un  documento dell’Istituto superiore della Sanità - avrebbe dovuto essere confinata in un numero ristrettissimo di persone (lo 0,005-0,014% nei maschi e lo 0,002-0,003% nelle femmine) mentre oggi, come già detto, affibbiare lo status di trans è diventata una sorta di moda, alimentata anche da celebrità di Hollywood che sbandierano i loro figli transgender come se fossero un trofeo. Questo ha determinato un colossale  effetto bandwagon (o “imitativo”) e una impennata delle richieste, da parte di adolescenti, per cambiare sesso; un trend destinato ad aumentare come deducibile da questo sondaggio.

 

A tal riguardo esemplare è il caso della Tavistock Clinic di Londra - fino al 2018 unico centro pubblico inglese dedicato al trattamento dei minori e punto di riferimento internazionale nel trattamento della disforia di genere - che, nel luglio 2022, quando è stata chiusa (per inciso, a seguito della causa intentata e vinta da un’adolescente che la accusava di averla plagiata per spingerla ad una trasformazione chirurgica irreversibile) aveva registrato un aumento del 4400% di richieste da parte dei ragazzi/e, rispetto al decennio precedente.

Come già detto, nel dilagare della cultura trans c’è chi vede un Cavallo di Troia per imporre un transumanesimo e cioè una simbiosi tra essere umano e tecnologia che con la rimozione di ogni identità (culturale, etnica, sessuale…) tende a creare un individuo annichilito nella sua identità, con una sessualità fluida, ambigua e polimorfa; resettato, privo di punti di riferimento e di sostegno (come la comunità, la famiglia, l’ideologia, la religione) mero consumatore di merci e di mode; inconsapevole schiavo del “Nuovo ordine mondiale”.

Esagerazioni? Forse. Comunque, va detto che contro il dilagare di questa cultura, consacrata al recente Festival di Sanremo,  sono, davvero poche le voci critiche “a sinistra” dove i più si limitano ad affollare i vari pride o a sostenere abomini quali l’utero in affitto e il “reato di omotransfobia” o a  inneggiare a quella preside che, credendo di fare cosa buona e giusta, ha abolito ogni regola di genere per usufruire dei bagni della scuola.


Da Avanti.it

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti