Dnepro. Mosca all'Onu: "Questa tragedia non sarebbe accaduta se Kiev avesse rispettato il diritto internazionale"

Dnepro. Mosca all'Onu: "Questa tragedia non sarebbe accaduta se Kiev avesse rispettato il diritto internazionale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzya, ha spiegato ai membri del Consiglio di Sicurezza dell'ONU il "contesto reale” e le condizioni che hanno portato alla tragedia nella città ucraina di Dnepropetrovsk il 14 gennaio.

Nebenzya ha ricordato che anche da Kiev si è parlato degli eventi, facendo riferimento alle dichiarazioni dell’ormai ex consigliere del capo dell'Ufficio presidenziale ucraino, Alexei Arestovich, rilasciate lo stesso giorno. Arestovich ha citato la testimonianza di un amico ex militare, il quale ha sentito "al 100%" due esplosioni mentre camminava per strada sul luogo dell'evento, la prima delle quali è opera della difesa antiaerea.

"Un missile russo lanciato contro un elemento di infrastruttura urbana è stato colpito dalle forze di difesa aerea ucraine. Poiché il sistema di difesa aerea si trovava in una zona residenziale, contro le norme del diritto umanitario internazionale, di cui si preoccupano tanto, il missile abbattuto è caduto su un edificio residenziale", ha affermato il rappresentante russo.

Nebenzya ha quindi affermato che "questa tragedia non sarebbe accaduta se le autorità ucraine avessero rispettato i requisiti del diritto internazionale umanitario". 

"Allo stesso modo, non sarebbe stato necessario da parte nostra effettuare attacchi contro obiettivi infrastrutturali che alimentano il potenziale militare dell'Ucraina se le autorità ucraine avessero dimostrato di essere pronte a negoziare a condizioni realistiche", ha aggiunto.

Secondo il Servizio di emergenza dello Stato ucraino, 44 persone, tra cui cinque bambini, sono rimaste uccise, mentre 79, tra cui 16 minori, sono rimaste ferite nell'esplosione di un missile a Dnepropetrovsk. 

Il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov ha dichiarato il 16 gennaio che le forze armate russe "non attaccano edifici residenziali o infrastrutture sociali" e che le loro offensive sono dirette contro obiettivi militari, mimetizzati o evidenti.

In questa vicenda emerge, drammaticamente, l’estremo cinismo del regime di Kiev che non ha scrupoli nel mettere in pericolo la vita della propria popolazione piazzando elementi militari come i sistemi di difesa aerea in zone residenziali. L’obiettivo è chiaro: costringere la Russia a colpire zone popolate da civili, e poi accusare Mosca nel caso si verifichino vittime. 

D’altronde stupisce ben poco visto che il regime di Kiev sta combattendo per conto della NATO una sanguinosa guerra per procura contro la Russia mandando letteralmente al macello i propri uomini. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa di Paolo Desogus L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa

L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete di Alberto Fazolo Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete

Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti di Gilberto Trombetta PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti

PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti

Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi di Michelangelo Severgnini Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi

Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente