Dopo gli S-400, i caccia stealth SU-57, la Turchia valuta altri missili russi e cinesi? Sfida aperta agli USA

Dopo gli S-400, i caccia stealth SU-57, la Turchia valuta altri missili russi e cinesi? Sfida aperta agli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Turchia si trova nel bel mezzo di tensioni sorte nel mediterraneo orientale per questioni inerenti zone economiche esclusive contestate con Grecia e Cipro. La tensione non sembra placarsi e spirano addirittura venti di guerra. La Grecia ha annunciato un accordo con la Francia per l’acquisizione di caccia Rafale, con Parigi che ha schierato i suoi caccia a Cipro. 

 

Ankara ha quindi avvertito il mondo occidentale che, nonostante l'acquisizione degli S-400 di fabbricazione russa, cercherà di acquisire altri missili per aumentare la sua potenza militare. Attualmente quello turco è il secondo esercito in ambito NATO. 

 

L'anno scorso, Erdogan aveva dichiarato che la Turchia potrebbe acquistare aerei da combattimento Su-35 e Su-57 di fabbricazione russa invece di caccia F-35 di fabbricazione statunitense. Il presidente turco dell'epoca disse che la decisione era stata presa dopo aver appreso che gli Stati Uniti avevano deciso di espellere Ankara dal programma F-35 in seguito a una conversazione telefonica con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

 

Il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, durante un'intervista ha spiegato: “Se non vuoi che compri da altrove, devi vendere. Se non lo fai, continueremo ad acquistare altrove”. 

 

Nonostante i ripetuti avvertimenti degli Stati Uniti sul previsto acquisto da parte della Turchia dei missili S-400, il presidente Recep Tayyip Erdogan si è rifiutato di tornare su suoi passi e stracciare l’accordo raggiunto con la Russia per il potente sistema di difesa missilistica. Quindi gli Stati Uniti per ritorsione hanno deciso di espellere Ankara dal programma F-35 e minacciano sanzioni. 

 

Secondo Erdogan, la decisione di espellere Ankara gli sarebbe stata annunciata durante una conversazione telefonica con Trump, il quale teme che i jet stealth appositamente progettati per eludere tali sistemi antiaerei, saranno compromessi se verranno acquisiti contemporaneamente dalla Turchia.

 

Il ministro degli Esteri Cavusoglu ha suggerito che la decisione di Ankara di acquistare i missili di fabbricazione russa potrebbe essere ripetuta o ampliata.

 

"L'esercito turco ha bisogno di aggiornamenti che vanno ben oltre l’attuale acquisto di un avanzato sistema S-400 da Mosca”, ha affermato Cavusoglu

 

Con i due alleati dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) USA e Turchia, impegnati in una battaglia per il maggiore coinvolgimento della Russia negli affari del Medio Oriente, c'è già un accordo con la Russia per una seconda batteria S-400, che sarà prodotta congiuntamente dalle due nazioni, e Cavusoglu ha lasciato intendere che la Turchia non si fermerà.

 

“Abbiamo bisogno di più di due batterie. Due, tre, cinque [batterie] finché non le produciamo da soli", ha affermato Cavusoglu.

 

Avendo firmato un accordo per produrre congiuntamente missili e ricevere informazioni su come sviluppare i propri sistemi difensivi, insieme ai propri droni di produzione locale per porre fine alla loro dipendenza da quelli da Israele, la Turchia si è impegnata a fondo per affermare la propria indipendenza militare, una mossa vista dagli Stati Uniti come una vera sfida.

 

Forse è questo il vero punto della questione: gli Stati Uniti non accettano alleati autonomi e sovrani. Ma solo paesi vassalli, pronti a piegare sempre il capo dinanzi alle decisioni prese a Washington e non dotati di alcuna autonomia. Specialmente in ambito militare. 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia