Due bombardieri russi Tu-160 pattugliano lo spazio aereo della Bielorussia, mentre la Polonia ammassa uomini e armi al confine

Due bombardieri russi Tu-160 pattugliano lo spazio aereo della Bielorussia, mentre la Polonia ammassa uomini e armi al confine

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un forte segnale di vicinanza alla Bielorussia, in una fase molto tesa, viene da Mosca. Due bombardieri russi armati con missili strategici Tu-160 hanno condotto un pattugliamento sulla Bielorussia e sono stati scortati da caccia Su-30SM dell'aeronautica militare bielorussa. A riferirlo è il ministero della Difesa russo.

"Il lavoro continua per mettere in pratica misure congiunte dell'Aeronautica e delle truppe di difesa aerea delle forze armate della Russia e della Repubblica di Bielorussia. Oggi, 11 novembre, due bombardieri strategici Tu-160 della Forza aerospaziale russa hanno condotto un pattugliamento nello spazio aereo della Repubblica di Bielorussia, in cui sono state praticate le questioni del loro supporto ai caccia da parte degli aerei Su-30SM dell'aeronautica bielorussa", ha affermato il ministero.

I bombardieri strategici russi scortati dai caccia bielorussi hanno condotto il loro pattugliamento aereo congiunto "allo scopo di garantire la sicurezza militare dello Stato dell'Unione [Russia-Bielorussia] e queste misure non sono mirate contro paesi terzi", ha sottolineato il ministero.

I piloti militari hanno portato a termine con successo la loro missione, dimostrando abilità di volo impeccabili, evidenzia la Russia.

La pattuglia ha anche "mostrato un alto livello di interoperabilità degli equipaggi russo e bielorusso durante il volo", afferma la nota.

Il volo è durato 4 ore e 36 minuti. Durante questo tempo, i bombardieri strategici hanno coperto una distanza di oltre 3.000 km. Tutti gli aerei sono tornati ai loro aeroporti di origine, ha infine informato il ministero.

I pattugliamenti congiunti continueranno

Le forze russe e bielorusse effettueranno pattuglie di allerta di combattimento congiunte lungo i confini dello Stato dell'Unione con la Polonia, gli Stati baltici e l'Ucraina, secondo un accordo raggiunto tra Russia e Bielorussia, secondo quanto reso noto dal presidente bielorusso Alexander Lukashenko, come riferisce l’ufficio stampa presidenziale.

Lukashenko ha affermato di aver discusso di questo problema con il presidente russo.

"Come abbiamo concordato, da Mosca a Gomel lungo il confine meridionale della Bielorussia, poi lungo il confine occidentale fino a Postavy nella regione di Vitebsk e tornando a Mosca da Postavy attraverso Orsha. Questo anello intorno agli stati baltici, Polonia e Ucraina deve essere monitorato da militari russi e bielorussi", ha detto Lukashenko in una riunione del governo.

"Ci siamo accordati con la Russia su questo. Non c'è tempo per gli scherzi. La situazione è molto grave lì. La cosa più grave è che si sono allontanati dagli accordi. Non sappiamo cosa vogliono", ha detto Lukashenko.

Lukashenko ha quindi concluso, "russi e bielorussi devono controllare insieme questa situazione".

I bombardieri strategici russi sono stati inviati in Bielorussia giovedì, ha detto. "Dobbiamo monitorare costantemente la situazione al confine. Lasciamoli urlare e piangere. Sì, questi sono bombardieri in grado di trasportare armi nucleari. Ma non abbiamo altra via d'uscita. Dobbiamo vedere cosa stanno facendo fuori", ha affermato il leader bielorusso.

Il ministero della Difesa bielorusso ha riferito che i due bombardieri russi Tu-160 hanno anche svolto compiti di addestramento nello spazio aereo della repubblica, incluso il bombardamento simulato su un campo di addestramento dell'aviazione. Il ministero ha anche rilasciato una dichiarazione, indicando il comportamento inadeguato della Polonia poiché le autorità polacche hanno accumulato 15.000 soldati, armamenti e capacità di difesa aerea al confine con la Bielorussia a causa della crisi migratoria.

Come ha sottolineato il ministero della Difesa bielorusso, queste mosse assomigliano più alla creazione di un gruppo di attacco e sono contrarie agli accordi bilaterali tra Varsavia e Minsk.

La crisi migratoria al confine della Bielorussia con Lettonia, Lituania e Polonia, dove i migranti stanno cercando di entrare nel territorio dell'UE, è scoppiata l'8 novembre. Diverse migliaia di migranti si sono avvicinati al confine polacco dalla Bielorussia e si rifiutano di lasciare l'area. Alcuni di loro hanno tentato di avventurarsi in territorio polacco rompendo un recinto di filo spinato. 

I paesi dell'UE hanno accusato Minsk di aver deliberatamente provocato la crisi e hanno chiesto maggiori sanzioni contro la Bielorussia.

Da parte sua, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato che i paesi occidentali sono responsabili di questi sviluppi perché sono le loro azioni che hanno indotto le persone a fuggire dai paesi devastati dalle guerre scatenate dall'Occidente.

Le minacce della Polonia

La Polonia cerca invece di ribaltare la situazione. Il presidente polacco Duda in un discorso ha annunciato che le forze armate polacche sono in stato di massima allerta per essere pronte a rispondere a qualunque provocazione di Lukashenko. Intanto Varsavia continua ad ammassare uomini e armi presso il confine con la Bielorussia dietro il pretesto di dover fronteggiare l’emergenza portata dall’arrivo dei migranti che vogliono entrare in territorio europeo. 

Desta però qualche dubbio il fatto che la Polonia invii truppe ed armamenti per fermare l’avanzata di uomini e donne che hanno dovuto abbandonare i propri paesi d’origine a causa della devastazione portata dalla NATO. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe