Due pescatori peruviani in Spagna per protestare contro Repsol

Due pescatori peruviani in Spagna per protestare contro Repsol

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In Spagna, i pescatori peruviani chiedono giustizia per la fuoriuscita di petrolio negli impianti della compagnia petrolifera Repsol in Perù, che ha causato la più grande catastrofe ambientale nella storia del Paese sudamericano. Con lo slogan "Repsol Hazte Cargo" stanno girando diverse città spagnole per chiedere trasparenza e riparazione per un ecosistema ancora inquinato.

"Repsol, l'unica cosa che vuole è ripulire la sua immagine e non le coste peruviane colpite dalla fuoriuscita di petrolio", ha dichiarato Luis Díaz Barroso, un pescatore colpito dalla fuoriuscita di una nave con più di 12.000 barili di greggio destinati a una raffineria gestita dalla compagnia spagnola sulla costa settentrionale di Lima, avvenuta il 15 gennaio 2022.

"Ad oggi ci sono ancora impatti sull'ambiente perché non c'è stata un'adeguata bonifica", ha denunciato. "È difficile comprendere che la nostra situazione è cruda, reale, e anche il modo in cui l'azienda ha agito è crudo", ha aggiunto. Ha invitato la compagnia a ripulire le spiagge e a risarcire in modo equo e completo i danni.

"Repsol non ha voluto assumersi la propria responsabilità sociale nell'ecocidio", lamenta il pescatore Zenón Gallegos, giunto in Spagna per rendere visibile il dramma che le comunità di pescatori peruviane stanno vivendo a un anno dalla fuoriuscita di petrolio a La Pampilla, la raffineria della compagnia petrolifera basca che nel gennaio 2022 è stata coinvolta in una delle più grandi fuoriuscite inquinanti della storia dell'America Latina. 

"Ci hanno lasciato senza lavoro e con un'economia distrutta, già duramente colpita dalla pandemia.  Ci sono danni alla salute mentale di migliaia di persone, di giovani che hanno dovuto abbandonare gli studi per cercare lavoro e aiutare le loro famiglie”, afferma il pescatore secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo Publico. 

Insieme a questi due uomini, Alejandro Chirinos, noto attivista peruviano e presidente dell'organizzazione CooperAcción, sta cercando di aprire alcune porte per raccogliere consensi per una causa che ha scosso anche la Spagna un anno fa. Tanto che lo Stato che oggi presiede Pedro Sánchez ha qualcosa da dire su tutto questo, visto che ha appoggiato i lavori di ristrutturazione della raffineria Repsol coinvolta nella catastrofe attraverso la Compagnia spagnola di assicurazione del credito all'esportazione (CESCE). "Dobbiamo conoscere e comprendere il ruolo dello Stato spagnolo e se la sua presenza nella raffineria può aiutarlo a chiedere un giusto risarcimento per le persone e l'ecosistema", afferma Chirinos.

Chirinos riconosce che la colpa non ricade solo sulle spalle della compagnia petrolifera. Il governo peruviano non ha fatto il suo dovere, dice. "Non è stato effettuato lo studio corrispondente per quantificare il costo economico e ambientale dello sversamento", spiega, "non esiste una valutazione esatta e questo avvantaggia Repsol". Per il momento, lo Stato ha accettato solo un pagamento mensile per le persone colpite di 720 euro che, in totale, raggiungerà i 10.000 euro, cosa insufficiente per le migliaia di pescatori e commercianti che hanno visto la loro economia precipitare nell'ultimo anno.

Gli ultimi dati pubblicati dall'Agenzia peruviana di valutazione e controllo ambientale mostrano che l'incidente ha causato danni a 69 siti, dalla spiaggia di La Pampilla, a Ventanilla, alla costa di Punta Salinas, a Huaura. La fuoriuscita ha colpito le attività di pesca e le imprese turistiche della zona. 

Il mese scorso, il Tribunale di Supervisione Ambientale ha confermato la responsabilità di Repsol e le ha comminato una multa di cinque milioni di soles (equivalenti a 1,3 milioni di dollari), ma la società ha presentato ricorso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti