"E' il più efficace". L'Ungheria contro il "rifiuto politico" dell'Ue allo Sputnik V

"E' il più efficace". L'Ungheria contro il "rifiuto politico" dell'Ue allo Sputnik V

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha dichiarato a RT di essere "frustrato" dal fatto che i funzionari occidentali facciano politica con lo Sputnik V della Russia, il primo vaccino Covid al mondo. Inoltre, ha ribadito che non riescono ad ammettere pubblicamente che è "il migliore".

L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha approvato i vaccini di Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Janssen, ma il russo Sputnik V è ancora in attesa del consenso dell'agenzia nonostante abbia ottenuto l'approvazione in oltre 70 paesi in tutto il mondo. Per gli ungheresi vaccinati con Sputnik V, ciò significa che sono esclusi dal sistema di certificazione digitale Covid globale dell'UE, anche se l'Ungheria inizierà a produrre localmente il vaccino il prossimo anno.

"Questo è un problema politico e ideologico e sono molto frustrato per questo", ha spiegato Szijjarto a RT, descrivendo come in base ai regolamenti dell'UE, l'EMA o i governi nazionali possono approvare i vaccini, come ha fatto il governo ungherese con lo Sputnik V e con quello cinese Sinopharm. "Non capiamo perché [questa approvazione] non sia rispettata dagli altri Stati membri", ha aggiunto.

La freddezza dell'UE per lo Sputnik V è più una questione di politica che di efficacia, ha suggerito Szijjarto.

"Ogni volta che parlo con colleghi dell'Europa occidentale... mi dicono sempre che sanno che si può parlare solo di prestazioni scientifiche russe in modo molto positivo", ha detto. “Dico loro 'Guarda, funziona al meglio. Certo che funziona bene".

In privato lo dicono tutti... quando si tratta di dirlo pubblicamente, dicono tutti in modo diverso.

“Speravo che i conflitti fossero lasciati alle spalle. E spero che i paesi comprendano che dobbiamo cooperare su questioni come salvare la vita delle persone. Ma, purtroppo, devo essere deluso perché non è così", ha lamentato il ministro.

Szijjarto ha aggiunto che l'arrivo tempestivo dello Sputnik V e del vaccino cinese prodotto da Sinopharm ha aiutato l'economia ungherese a raggiungere il livello pre-pandemia entro l'estate.

“All'inizio – intendo [durante] la prima parte di quest'anno – le consegne dei produttori occidentali erano [a volte] in ritardo. Sono stati cancellati anche a volte, o il volume era inferiore rispetto a quanto contratto", ha ricordato Szijjarto.

Il fatto che sia Sinopharm che Sputnik abbiano consegnato volumi aggiuntivi [in tempo] rispetto ad altri, ci ha dato un enorme vantaggio. Potremmo riaprire il Paese e l'economia nazionale circa due mesi prima della media europea.

I dati dello studio di fase 3 che mostrano l'efficacia di Sputnik V sono stati pubblicati sull'autorevole rivista medica, The Lancet, mentre uno studio comparativo basato su dati provenienti dall'Ungheria e pubblicato questa settimana ha rilevato che il vaccino russo è il più efficace di cinque diversi vaccini nella prevenzione Morti legate al Covid. Sputnik V è arrivato secondo dietro Moderna di fabbricazione statunitense nel prevenire l'infezione in primo luogo. Lo studio si è basato sui dati di 3,7 milioni di persone.

Quando si è trattato di scegliere il proprio vaccino, Szijjarto si è rivolto al vaccino sviluppato in Russia. "Il motivo della mia vaccinazione con Sputnik è chiarissimo. Quando ero bambino, sono stato vaccinato dai vaccini sovietici. Dato che sono ancora vivo e sto bene, ho deciso, perché dovrei cambiare?".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti