Ecuador: governo Noboa denunciato all'ONU per il "sequestro" di Jorge Glas

Ecuador: governo Noboa denunciato all'ONU per il "sequestro" di Jorge Glas

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La difesa legale dell'ex vicepresidente Jorge Glas ha presentato una denuncia al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite e alla Commissione interamericana per i diritti umani (CIDH).

In una conferenza stampa a Guayaquil, dove l'ex vicepresidente Jorge Glas è detenuto da un mese nel carcere di massima sicurezza di La Roca, l'avvocato Aitor Martínez ha spiegato che la difesa del politico filocorriano ha presentato una denuncia all'ONU e alla CIDH il 7 maggio.

In particolare, gli avvocati di Glas hanno chiesto al Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria di esigere dal governo ecuadoriano il rilascio dell'ex vicepresidente.

E non solo, chiedono anche che il governo di Daniel Noboa consegni Glas al Messico, in modo che possa continuare il suo processo di asilo politico negli Stati Uniti Messicani.

Nella denuncia, depositata il 19 aprile, gli avvocati dell'ex vicepresidente sostengono che Glas è stato vittima di un "sequestro" e di "maltrattamenti molto gravi" al momento del suo arresto presso l'Ambasciata messicana a Quito.

Hanno poi ampliato la denuncia per aggiungere la risoluzione del tribunale ecuadoriano che ha dichiarato la sua cattura "illegale" e "arbitraria" e lo hanno informato della "comunicazione molto limitata" che l'ex vicepresidente ha all'interno di La Roca, che gli impedirebbe di avere conversazioni private con il suo team legale.

"Abbiamo insistito sulla necessità che il Gruppo di lavoro attivi la procedura d'urgenza e che a breve termine ci possa essere un pronunciamento delle Nazioni Unite in relazione alla situazione di detenzione arbitraria", ha affermato Martínez.

La difesa ha anche chiesto al Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite che una delegazione dell'organismo internazionale visiti l'ex funzionario in carcere.

Una richiesta simile è stata avanzata dalla difesa davanti alla CIDH, che ha già concesso misure cautelari a Glas nel 2019, in cui ha chiesto all'Ecuador di prendere provvedimenti per proteggere la sua vita e la sua integrità mentre si trovava in carcere a causa delle due precedenti condanne.

Questa volta, il suo team legale ha chiesto l'estensione di tali misure e che la Corte interamericana dei diritti umani gli conceda misure provvisorie di protezione, il che "implica il suo rilascio immediato e il suo trasferimento all'ambasciata del Messico o a un altro Stato che voglia intervenire (nel dargli asilo)", ha detto l'avvocato Sonia Vera.

"Abbiamo anche chiesto il ripristino delle comunicazioni e delle visite e che gli venga assicurato il diritto a un processo equo", ha aggiunto Vera.

Il team legale di Glas ha avviato azioni legali anche in Messico e in Germania, poiché Glas ha anche la cittadinanza di quest'ultimo Paese.

Glas è in sciopero della fame con integratori alimentari e liquidi da quando è entrato in carcere il 6 aprile, dopo essere stato detenuto in maniera assolutamente illegale presso l'ambasciata messicana a Quito.

Da parte sua, il governo giustifica l'irruzione nell'ambasciata e l'arresto di Glas con il fatto che il Messico è stato il primo Paese a violare le convenzioni internazionali che regolano le missioni diplomatiche offrendo protezione all'ex vicepresidente.

La madre di Jorge Glas ha denunciato il presidente Daniel Noboa e altri funzionari

Norma Espinel Aráuz, madre dell'ex vicepresidente Jorge Glas, ha presentato una denuncia contro il Presidente della Repubblica, Daniel Noboa, e altri quattro funzionari.

La madre di Jorge Glas ha presentato la denuncia presso la sede dell'Ambasciata messicana in Spagna.

Ciò ha fatto seguito all'irruzione nella sede diplomatica del Paese azteco in Ecuador, dove suo figlio Jorge Glas è stato arrestato.

La causa della madre di Jorge Glas è anche contro Monica Palencia, attuale Ministro degli Interni; Rita Bravo, giudice nazionale; Cesar Zapata, comandante generale della Polizia e Jaime Vela, capo del Comando congiunto delle Forze Armate.

Jorge Glas, come noto, è stato arrestato all'interno dell'Ambasciata messicana a Quito il 5 aprile 2024.

Secondo la donna, "persone armate hanno fatto irruzione violentemente e illegalmente nella sede diplomatica messicana e hanno rapito suo figlio".

Norma Espinel sostiene che quanto è stato fatto dalle autorità ecuadoriane nell'ambasciata messicana costituisce un crimine, come stabilito in diversi articoli della Costituzione messicana.

L'Ecuador si è difeso davanti alla Corte internazionale di giustizia (CIG), dove i suoi rappresentanti hanno indicato che "l'assalto all'ambasciata messicana a Quito per arrestare l'ex vicepresidente Jorge Glas Espinel è stato un atto eccezionale e isolato".

Hanno inoltre ricordato che il politico ecuadoriano è stato "debitamente condannato" per reati di corruzione.

Andrés Terán Parral, durante il secondo giorno alla CIG, ha sottolineato che il suo Paese ha dato "garanzie" per iscritto al Messico sul rispetto e la protezione del suo personale e delle sue sedi diplomatiche, ma ha giustificato l'arresto di Glas dopo l'assalto all'ambasciata messicana a Quito.

Ha aperto e chiuso gli interventi, durati un'ora e quarantacinque minuti.

Il presidente Daniel Noboa non ha ancora commentato la denuncia presentata contro di lui e altri quattro funzionari dalla madre dell'ex vicepresidente.

Jorge Glas è detenuto nel carcere di massima sicurezza La Roca mentre prosegue il processo a suo carico per il reato di appropriazione indebita.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti