/ Ex Presidente Zalaya: "Se gli Stati Uniti non cambiano la loro po...

Ex Presidente Zalaya: "Se gli Stati Uniti non cambiano la loro posizione sull'Honduras non potranno più parlare su nessun altro paese al mondo"

 

Dura la posizione anche sull'Organizzazione degli Stati americani: ""L'OSA fa solo ciò che il Dipartimento di Stato autorizza".

"L'Honduras sta vivendo una crisi politica di grandi proporzioni e gli Stati Uniti devono rivedere la loro posizione". Lo ha detto in un'intervista a Ernesto J. Navarro di RT l'ex presidente José Manuel Zelaya Rosales, uno dei leader dell'opposizione vittima della frode elettorale del 26 novembre scorso quando, in vantaggio, un misterioso blackout ha ribaltato il risultato a favore dell'esponente filo statunitense Juan Orlando Hernandez. Lo stesso Zelaya era stato vittima del primo colpo di stato dell'era Obama nel 2009 con protagonista HIllary Clinton. 

Quel 26 novembre, dopo il blackout le autorità elettorali hanno assegnato un leggero vantaggio a Hernandez (42.95% dei voti, contro il 41.42% di Salvador Nasrallah) e nel paese sono scoppiate violente proteste costate la vita ad almeno 34 persone, attribuite alla repressione delle forze di polizia. 

Anche questo venerdì è stato indetta una nuova giornata di proteste contro l'ennesimo golpe in Honduras, con l'obiettivo dichiarato dagli organizzatori di raggiungere il palazzo del governo. "L'opposizione honduregna, compreso il nostro partito libero e alcuni partiti di destra, considera i risultati delle elezioni del 26 novembre come fraudolento", ha detto l'ex presidente Zalaya a RT. La coalizione di opposizione, ha proseguito, non ha "riconosciuto le autorità" che hanno dichiarato il trionfo del partito al governo. "In assenza di tale riconoscimento, lo stato entra in una situazione di stallo, perché la maggioranza della gente non approva il presidente proclamato".



"L'Honduras sta vivendo una crisi politica di grandi proporzioni che si aggiunge alla storica crisi sociale, economica e di sicurezza". L'attuale deputato al congresso di questa nazione centroamericana ritiene che l'Organizzazione degli Stati americani (OAS), definita da Fidel Castro come "il ministero delle colonie" stia giocando nel suo paese "il ruolo che gli è stato assegnato dagli Stati Uniti". "È una specie di balsamo per l'imposizione di un presidente che ha commesso una frode elettorale e che è sostenuto da Washington", ha aggiunto. "L'OSA fa solo ciò che il Dipartimento di Stato autorizza". 

Riferendosi al sostegno dell'amministrazione Trump per il risultato in discussione, ha sottolineato che il Dipartimento di Stato "ha riconosciuto e sostenuto un presidente che è emerso dalle frodi elettorali. Ma sostenere una frode delegittima l'intero processo della democrazia occidentale".

Per questo, prosegue Zalaya, "Gli Stati Uniti dovranno rettificare la loro posizione sull'Honduras", poiché in caso contrario "le domande saranno tante e non potrà più esprimere giudizi in praticamente nessun paese al mondo"
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa