Il gruppo BRICS studia le alternative al sistema SWIFT

Il gruppo BRICS studia le alternative al sistema SWIFT

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I leader dei BRICS hanno incluso nella loro agenda le proposte della Banca centrale iraniana sulla creazione di un analogo dello SWIFT tra gli Stati membri del gruppo, nonché su un'organizzazione contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo (simile al GAFI), ha rivelato un rappresentante dell'organismo finanziario iraniano.

"Le proposte della Banca centrale iraniana sulla creazione di un sistema per lo scambio di messaggi finanziari tra i membri dell'organizzazione [simile allo SWIFT] e sulla lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo [simile al GAFI] sono state accettate dall'organizzazione nel suo ordine del giorno", ha dichiarato Mohsen Karimi, vicedirettore della banca per gli affari internazionali, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa IRNA.

Il funzionario ha osservato che gli Stati membri dei BRICS, in quanto "potenze in via di sviluppo economico", devono creare un meccanismo di regolamento per realizzare un sistema finanziario unico, nel quale "la parte iraniana può svolgere un ruolo molto importante".

L’economista russo Andrei Margolin in un'intervista a Free Press ha spiegato che il potere degli Stati Uniti, ormai in declino, si basa anche sul dollaro come valuta di riserva mondiale. La stessa zona del dollaro è una sorta di sistema di pagamento: questo vale per la domanda di obbligazioni nordamericane, per il predominio del dollaro nei pagamenti internazionali e per le riserve auree e valutarie di diversi paesi.

“Sì, il suo ruolo è in calo, ma resta comunque molto alto. In questo senso, il sistema di pagamento unificato dei BRICS, basato sulle tecnologie di cui scrivono i media, è molto importante, poiché nelle condizioni della nuova realtà geopolitica, una varietà di paesi, compresi i cosiddetti paesi ostili apprezzeranno l’attrattiva del sistema di pagamento dei BRICS e le prospettive per il suo utilizzo”, ha osservato l’economista.

Secondo Margolin, la creazione di un tale sistema di pagamento, da un lato, contribuirà ad aumentare la competitività dei paesi partecipanti. D’altro canto, accelererà il processo di riduzione del ruolo del dollaro nell’economia globale.

“In definitiva, gli Stati Uniti devono rimanere, anche se piuttosto forti, ma una potenza regionale priva di ambizioni globali. E prima ciò accadrà, meglio sarà per tutti, compresi gli stessi Stati Uniti”, ha concluso Margolin.

Così i BRICS hanno deciso anche di muoversi anche sul fronte tecnologico sviluppando un sistema di pagamento basato su blockchain e criptovalute per i regolamenti commerciali al posto del dollaro USA.

Il nuovo sistema di pagamento dei BRICS si posizionerà come un'opzione alternativa al dollaro USA.

Il sistema di pagamento mira ad essere amichevole per i governi, le imprese e anche per i cittadini comuni. Pertanto, se il sistema diventerà ottimale, potranno trarne benefici diversi soggetti, dai governi ai cittadini. 

Il diplomatico russo Yuri Ushakov ha confermato che il nuovo meccanismo di pagamento dei BRICS vanterà una tecnologia all'avanguardia che incorporerà asset digitali e criptovalute sulla blockchain, come riporta watcher.guru. 

Il sistema di pagamento dei BRICS potrebbe sfidare il dollaro USA, consentendo ai Paesi membri e ad altri Paesi in via di sviluppo di regolare le transazioni transfrontaliere nel nuovo meccanismo.

Questo sviluppo metterà sotto pressione il dollaro USA, facendo crollare la sua domanda e offerta sul mercato globale, affermano gli osservatori. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti