Fabio Massimo Parenti - L'economia della Cina prosegue la "nuova normalità"

Fabio Massimo Parenti - L'economia della Cina prosegue la "nuova normalità"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Fabio Massimo Parenti – CRI.cn

"La Cina è in crisi", "la Cina rallenta", “L’economia cinese è al collasso”, "la Cina è sommersa dai debiti". Questi sono soltanto alcuni dei titoli che abbiamo letto sulla stampa italiana e internazionale nelle ultime settimane. È doveroso dunque capire come stanno veramente le cose. Con quattro testi proveremo ad inquadrare in modo oggettivo lo stato di salute effettiva dell’economia cinese.

Una premessa è dovuta: sono circa 30 anni che i media occidentali lanciano allarmi, rivelatisi sempre infondati, sull’imminente implosione della Cina. Inoltre, considerando la centralità cinese nell’economia globale, alla cui crescita contribuisce dal 2006 al 2021 per circa il 30% l’anno, non sarebbe opportuno enfatizzare più del dovuto i problemi e le contraddizioni di una determinata congiuntura mondiale. Ancor più irrazionale è poi imbattersi in articoli che non riescono a dissimulare una certa soddisfazione nel paventare un ipotetico collasso dell’economia cinese: cosa che sarebbe una iattura per l’intero mondo.

Cominciamo dunque ad analizzare i principali indicatori economici sullo stato di salute dell’economia cinese.

Si è molto parlato di import-export e di disoccupazione giovanile, numeri che fanno effettivamente riflettere e con cui Pechino dovrà fare i conti nei prossimi mesi. Eppure, la situazione economia cinese è complessivamente stabile, con un PIL cresciuto su base annua del 5,5% nella prima metà del 2023. È pur vero che l'incremento trimestre-su-trimestre ha evidenziato una flessione tra aprile e giugno (+0,8), ma parliamo pur sempre di una crescita molto superiore a quelle registrate su base annua, nello stesso periodo, in UE (+0,3%) e negli Stati Uniti (+2%). Se nel caso della Cina si arriva addirittura a parlare di collasso, nel secondo caso, Europa, si parla di “attività economica contenuta”. Già questa discrepanza di giudizio è indicativa di quanto si debba essere cauti quando si leggono notizie sulla Repubblica popolare.

A dirci che l'economia del Dragone è in consolidamento sono peraltro, più nello specifico, gli indici PMI. Quello manifatturiero è in risalita da tre mesi consecutivi e ad agosto era già tornato in prossimità dei 50 punti, soglia determinante per stabilire se il comparto è in espansione o in contrazione. Ciò significa che la fiducia delle imprese di settore sta aumentando in modo strutturato e coerente con l'andamento dell'economia reale. Dei 21 settori analizzati, ne risultavano in fase espansiva 10 a luglio e 12 ad agosto. Inoltre, gli investimenti fissi, sempre su base annua, sono cresciuti nella prima metà dell’anno del 3,8%, e le esportazioni di automobile hanno fatto registrare un +75%, solo per fare un altro esempio.

Per quanto riguarda le attività non manifatturiere, che comprendono i servizi e le costruzioni, il PMI è rimasto sempre nettamente al di sopra dei 50 punti sin dall'inizio della nuova fase "Covid-free" (gennaio 2023). Calato leggermente tra luglio e agosto, lo scorso mese il valore ha comunque toccato quota 51, trainato soprattutto da trasporti, ricettività e ristorazione. Bene anche le costruzioni, con un indice relativo salito nello stesso periodo da 51,2 a 53,8.

Di converso, osservando i dati dell'Eurozona, la discesa dell'indice PMI manifatturiero si è intensificata a giugno (43,4), dodicesimo mese consecutivo di contrazione, per poi toccare il fondo a luglio (42,7). Il valore di agosto segna una prima timidissima ripresa (43,5).

La crisi inflazionistica che sta colpendo il Vecchio Continente pesa anche in Cina, ormai dal 2020 primo partner commerciale dell'UE, soprattutto alla voce relativa agli ordini dall'estero: ciò nonostante, anche la bilancia commerciale cinese continua a tenere. Ad agosto le esportazioni sono cresciute rispetto a luglio (ma non su base annua) e nella prima metà dell’anno il volume commerciale complessivo è cresciuto del 2,1%.

L'autore Fabio Massimo Parenti è professore associato di studi internazionali e Ph.D. in Geopolitica e Geoeconomia 

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti