Fallimento della difesa USA. Ecco perché Washington deve incolpare l'Iran per gli attacchi alle raffinerie saudite

Fallimento della difesa USA. Ecco perché Washington deve incolpare l'Iran per gli attacchi alle raffinerie saudite

"Il devastante blitz sull'industria petrolifera dell'Arabia Saudita ha portato a una raffica di accuse da parte di funzionari statunitensi che incolpano l'Iran. Il motivo del dito puntato è semplice: lo spettacolare fallimento di Washington nel proteggere il suo alleato saudita", secondo il giornalista Finian Cunningham.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Segue articolo di Finian Cunningham, giornalista pluripremiato, esperto di affari internazionali.


 
L'amministrazione Trump deve far passare da capro espiatorio al'Iran per l'ultimo assalto militare all'Arabia Saudita perché riconoscere che i ribelli Houthi hanno montato un attacco così audace nel cuore del regno petrolifero sarebbe un'ammissione dell'inadeguatezza americana.
 
L'Arabia Saudita ha speso miliardi di dollari negli ultimi anni acquistando sistemi di difesa missilistica Patriot degli Stati Uniti e una tecnologia radar apparentemente all'avanguardia dal Pentagono. Se i ribelli yemeniti possono far volare droni da combattimento fino a 1.000 chilometri nel territorio saudita e distruggere i siti di produzione di punta nell'industria petrolifera del regno, allora dovrebbe essere una questione di enorme imbarazzo per i " protettori " statunitensi.
 
La difesa americana dell'Arabia Saudita è fondamentale per la loro relazione storica. Le esportazioni di petrolio saudita nominate in dollari per il commercio - le più grandi del pianeta - sono fondamentali per mantenere il mercato globale del petrodollaro, che a sua volta è cruciale per il potere economico americano. In cambio, gli Stati Uniti sono obbligati a essere un protettore della monarchia saudita, che ha il lucroso vantaggio aggiuntivo di vendere armi del regno per un valore di miliardi di dollari ogni anno.
 
Secondo l'Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, l'Arabia Saudita ha il terzo più grande budget militare al mondo, dietro gli Stati Uniti e la Cina. Con una spesa annuale di circa $ 68 miliardi, è il numero uno al mondo in termini di percentuale del prodotto interno lordo (8,8 per cento). La maggior parte delle armi saudite proviene dagli Stati Uniti, con i sistemi missilistici Patriot, in particolare, che sono un recente oggetto di grande valore.
 
Eppure, nonostante tutta quella generosità finanziaria e la migliore tecnologia militare americana, il regno del petrolio ha appena assistito a un'ondata potenzialmente paralizzante di assalti aerei sulla sua industria petrolifera vitale. La produzione di petrolio saudita nel suo gigantesco complesso di raffineria ad Abqaiq, a 330 miglia (330 km) a est della capitale Riad, è diminuita del 50% dopo essere stata inghiottita dalle fiamme a seguito di attacchi aerei. Anche uno dei più grandi giacimenti petroliferi sauditi, a Khurais, è rimasto parzialmente chiuso.
 
Vi sono notizie credibili che il danno sia molto più grave di quanto ammettano i funzionari sauditi. Questi siti industriali chiave potrebbero richiedere settimane per essere riparati.
 
Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato: "L' Iran ha lanciato un attacco senza precedenti alla fornitura di energia del mondo ".
Sì, non ha precedenti. Ma Pompeo e altri funzionari statunitensi hanno probabilmente sbagliato a incolpare l'Iran.
 
Alcuni funzionari dell'amministrazione Trump hanno dichiarato ai media statunitensi che i " missili da crociera" erano responsabili delle gigantesche palle di fuoco viste negli impianti petroliferi sauditi. Uno è stato citato anonimamente dicendo: “ Non c'è dubbio che l'Iran sia responsabile di questo ... non c'è modo di sfuggire. Non c'è altro candidato."
Nel tentativo affrettato di comprovare le accuse contro l'Iran, sono state rilasciate immagini satellitari che mostrano ciò che sembra essere il risultato dell'attacco aereo sul complesso di raffineria di Abqaiq. Funzionari statunitensi affermano che la posizione delle esplosioni indica che le armi non sono originarie dello Yemen a sud, ma dell'Iran o dell'Iraq. 
 
Perfino il New York Times ha espresso dubbi su tale affermazione, commentando nel suo articolo inq uesto modo: “ Le fotografie satellitari pubblicate domenica non sembravano così nette come suggerivano i funzionari, con alcuni che sembravano mostrare danni sul lato occidentale delle strutture, non da la direzione dell'Iran o dell'Iraq ".
 
Le accuse fatte da Pompeo e altri sono affermazioni poco fondate.
 
È interessante notare che il presidente Donald Trump si è astenuto dal dare la colpa apertamente all'Iran, semplicemente indicando la possibilità. Se Pompeo è così irremovibile nella puntare il dito contro l'Iran, perché Trump non l'ha fatto? Inoltre, il presidente ha fatto un'osservazione esplicita quando ha detto che stava "aspettando la verifica" dall'Arabia Saudita " su chi ritengono fosse la causa dell'attacco ". Ancora una volta, se i funzionari statunitensi accusano esplicitamente l'Iran, allora perché Trump sta dicendo che vuole una "verifica" da parte dei sauditi?
 
Da parte sua, l'Iran ha respinto categoricamente le accuse di coinvolgimento, affermando che le dichiarazioni di Pompeo erano " cieche " e equivalgono a creare un conflitto.
 
Il primo ministro iracheno Adel Abdul Mahdi ha anche respinto le affermazioni secondo cui il territorio del suo paese avrebbe potuto essere utilizzato dai militanti sciiti filo-iraniani per lanciare gli attacchi aerei.
 
I ribelli Houthi nello Yemen hanno rilasciato dichiarazioni inequivocabili rivendicando la responsabilità dei raid aerei sulle installazioni petrolifere saudite. Hanno specificato che le armi erano droni, non missili, aggiungendo con dettagli che erano stati schierati 10 aerei senza pilota (UAV).
 
In particolare, la maggior parte dei media statunitensi ha riferito inizialmente che gli attacchi sono stati fatti da droni volati dallo Yemen. Associated Press ha riportato un livello di sofisticazione negli attacchi in base ai quali i droni sono stati utilizzati per primi per disabilitare i sistemi radar US Patriot prima che altri UAV iniziassero a eseguire gli attacchi aerei. 
 
Sembra quindi che i funzionari statunitensi stiano tentando di cambiare la storia incolpando l'Iran. È un capro espiatorio sconsiderato perché la logica conseguenza potrebbe provocare un attacco militare contro l'Iran, nel qual caso Teheran ha avvertito che è pronto per la guerra.
 
La ragione per incolpare l'Iran è che i ribelli yemeniti (che l'Iran sostiene politicamente) non sono in grado di usare droni con un tale successo drammatico contro l'industria petrolifera saudita. Il colpevole deve essere l'Iran, quindi c'è una logica. Questo è il seguito del presunto sabotaggio dell'Iran contro le petroliere nel Golfo Persico all'inizio di questa estate.
 
Tuttavia, una linea temporale mostra che gli Houthi sono più che in grado di lanciare missili balistici sempre più potenti e droni penetranti più profondi nel territorio saudita. I ribelli hanno usato i droni sin dall'inizio della guerra che la coalizione saudita-araba appoggiata dagli Stati Uniti ha lanciato sul paese arabo meridionale nel marzo 2015.
 
Negli ultimi quattro anni, la potenza di fuoco aerea di Houthi è gradualmente migliorata. In precedenza, i sauditi, con i sistemi di difesa americani, erano in grado di intercettare droni e missili dallo Yemen. Ma nell'ultimo anno, i ribelli hanno aumentato il loro tasso di successo nel colpire obiettivi nell'interno saudita, inclusa la capitale Riad.
 
Nel maggio di quest'anno, i droni Houthi hanno colpito il fondamentale gasdotto est-ovest dell'Arabia Saudita. Poi, ad agosto, è stato riferito che droni e missili balistici hanno colpito il giacimento petrolifero di Shaybah vicino al confine con gli Emirati Arabi Uniti (UAE), nonché il complesso esportatore di Dammam nella provincia orientale dell'Arabia Saudita. 
 
Gli yemeniti affermano che stanno portando la guerra in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti dopo anni di incessanti attacchi aerei nella loro terra natale che hanno provocato quasi 90.000 morti. Un recente rapporto delle Nazioni Unite ha censurato gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia per possibili complicazioni nei crimini di guerra attraverso il loro sostegno militare alla coalizione saudita.
 
Ci deve essere trepidazione tra i monarchi dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti che i ribelli dello Yemen devastato dalla guerra e affamati ora li inseguono con droni che potrebbero demolire le loro economie petrolifere. Inoltre, il tanto decantato protettore americano non è in grado di portare a termine il suo affare strategico, nonostante miliardi di dollari di armi del Pentagono. Ecco perché Washington deve trovare una scusa nominando l'Iran come il cattivo.
 
 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti