"Frecce avvelenate" o "spray chimico?" Le ipotesi strampalate dei media bufalari sulla morte del fratellastro di Kim

"Frecce avvelenate" o "spray chimico?" Le ipotesi strampalate dei media bufalari sulla morte del fratellastro di Kim

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



Sembra la trama di uno sgangherato thriller di quart’ordine questa storia dell’”assassinio” di Kim Jong-nam, fratellastro del vituperatissimo leader nordcoreano Kim Jong-un.



Eppure tutti i media stanno prendendo come Vangelo i primi lanci di agenzia, zeppi di evidenti contraddizioni: Perché mai utilizzare (come dice Repubblica) “frecce avvelenate” per ucciderlo, quando – con tutta evidenza - di frecce ne sarebbe bastata una?



Perché ucciderlo (come dice La Stampa) con uno “spray avvelenato” che, certamente, avrebbe fatto fuori pure l’attentatore?

Perché (come dice Il Corriere) “ci sarebbe dietro la Corea del Nord” se non si sa l’identità delle due donne che lo accompagnavano?

Come avrebbero fatto le due donne a dileguarsi dal sorvegliatissimo aeroporto di Kuala Lumpur? Ma se Kim Jong-nam “viveva in esilio”, com’è (ci domandiamo noi) che entrava e usciva indisturbato dalla Corea del Nord?
 

Francesco Santoianni

 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti