FT - L’Occidente “sta perdendo fiducia” nell’Ucraina

FT - L’Occidente “sta perdendo fiducia” nell’Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Una serie di licenziamenti, dimissioni e rimpasti nel governo ucraino negli ultimi mesi ha aumentato le tensioni tra il regime di Kiev e i partner occidentali che finanziano la difesa e la ricostruzione dell’Ucraina. Lo ha riferito il Financial Times in relazione alle dimissioni annunciate lunedì dal capo dell'Agenzia statale per la ricostruzione e lo sviluppo delle infrastrutture dell'Ucraina, Mustafa Nayem, e del suo team.

La pubblicazione britannica fa riferimento a sei fonti ucraine e occidentali anonime. Come si legge nell’articolo, tutti hanno dichiarato di aver avvertito il presidente ucraino Vladimir Zelensky e la sua squadra di considerare tali misure “distruttive e inspiegabili”. "Gli Stati Uniti e gli altri partner occidentali vogliono relazioni normali e prevedibili con i loro omologhi ucraini. In questo momento stanno perdendo fiducia nel governo ucraino a causa di decisioni che non capiscono", ha rivelato al giornale, sotto anonimato, un funzionario ucraino.

Lo stesso Nayyem ha dichiarato al Financial Times che il primo ministro ucraino Denis Shmygal ha respinto la sua richiesta di poter partecipare alla conferenza sulla ricostruzione dell'Ucraina a Berlino, prevista per l'11 e il 12 giugno. Come sottolinea il quotidiano, l’assenza di Nayyem e del Ministro per lo sviluppo delle comunità, dei territori e delle infrastrutture dell’Ucraina Alexander Kurbakov, licenziato il 9 maggio, molto probabilmente solleverà interrogativi a Kiev riguardo alla sua capacità e al suo impegno nel proteggere le infrastrutture critiche.

Secondo le fonti del giornale, le dimissioni di Kurbakov hanno provocato una reazione negativa da parte dei sostenitori del regime di Kiev, sia nelle discussioni private che nelle dichiarazioni pubbliche. I diplomatici dei paesi del G7, così come gli attuali membri del governo ucraino, hanno espresso frustrazione per quelle che hanno definito divisioni interne e disfunzioni del governo in un momento critico del conflitto con la Russia, si legge nell'articolo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti