Fuori la Francia. Nasce l'Organizzazione dei Popoli dell'Africa Occidentale

Fuori la Francia. Nasce l'Organizzazione dei Popoli dell'Africa Occidentale

Burkina Faso via le forze speciali francesi entro un mese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Aginform

 

E' di questi giorni la notizia della richiesta delle autorità del Burkina Faso alla Francia di ritirare le sue truppe dispiegate nel Paese (nella foto, che riprendiamo dalla TV libanese Al Manar, una manifestazione contro la presenza francese).

Come scrive il corrispondente locale di Al Manar un portavoce del Ministero degli Esteri francese il 25 gennaio ha dichiarato “abbiamo ricevuto formalmente la denuncia da parte del governo burkinabé dell'accordo del 2018 sullo status delle forze francesi presenti nel Paese. In base ai termini dell'accordo, la denuncia ha effetto un mese dopo il ricevimento della notifica scritta. Rispetteremo i termini dell'accordo dando seguito alla richiesta". Secondo dichiarazioni di altre fonti all'AFP il Burkina ospita attualmente un contingente di quasi 400 forze speciali francesi, (la forza Sabre) che lascerebbero il paese "entro la fine di febbraio" mentre il ritiro di tutte le attrezzature dovrebbe essere completato "entro la fine di aprile"

La Francia, ex potenza coloniale, è contestata in Burkina da diversi mesi. in dicembre le autorità avevano chiesto a Parigi di sostituire l'ambasciatore francese, Luc Hallade, il quale però si trova ancora nella capitale Ouagadougou. Quanto alla presenza delle forze speciali, la prima risposta della Francia era stata che “attendeva chiarimenti dal presidente di transizione Ibrahim Traoré”.

Nello scorso mese di dicembre diverse organizzazioni popolari antimperialiste dell'Africa occidentale si sono incontrate in Ghana per costituire  l'Organizzazione dei Popoli dell'Africa Occidentale. Ne danno notizia due organizzazioni antimperialiste del Senegal nel comunicato che riportiamo.

 

 Comunicato del Frapp e di Ferñent (Senegal)


NASCITA DELLA WAPO/OPAO:
ORGANIZZAZIONE PANAFRICANA DELL'AFRICA OCCIDENTALE

Dall'8 all'11 dicembre 22, 11 Paesi africani rappresentati da partiti comunisti, movimenti antimperialisti e sindacati hanno dato vita all'Organizzazione dei Popoli dell'Africa Occidentale (OPAO, WAPO).

Le organizzazioni rivoluzionarie, progressiste, operaie, giovanili, femminili e contadine presenti provenivano da Benin, Ghana, Mali, Costa d'Avorio, Guinea Bissau, Guinea Conakry, Capo Verde, Niger, Nigeria, Senegal, con ospiti da Sudafrica, Tanzania, Zambia, Swaziland, Tunisia, Brasile e India. Il preambolo dello statuto annuncia che

"Seguendo gli ideali dei grandi rivoluzionari panafricanisti anti-imperialisti come K. N'Krumah, Lumumba, Nasser, Sékou Touré, Modibo Kéita, Cabral,

risoluti a creare tra i Popoli dell'Africa Occidentale reti di solidarietà attiva, di lotta antimperialista e patriottica contro la dominazione imperialista, l'occupazione dei nostri territori da parte di eserciti stranieri, il saccheggio delle nostre ricchezze,

devoti alla sovranità dei popoli e al loro diritto di costruire il sistema politico ed economico di loro scelta,

riaffermando la solidarietà attiva con tutti i popoli dominati del mondo, in particolare con i popoli latinoamericani (Cuba, Venezuela, ecc.), quelli della Palestina e quelli del Medio Oriente),  e quelli del continente africano in particolare che sono preda di guerre ingiuste,

decidiamo di istituire un'Organizzazione regionale dell'Africa occidentale di cui i presenti Statuti costituiscono il quadro costitutivo".

I due documenti adottati dall'Assemblea Generale costitutiva sono gli statuti e una risoluzione patriottica, antimperialista, panafricanista e di solidarietà internazionale.

La sessione plenaria dell'Assemblea Generale ha eletto un consiglio con un mandato di 4 anni, la cui composizione è la seguente

- Presidente : Philippe T. Presidente: Philippe T. Noudjenoume ( PC - Benin ) - 1° Vicepresidente: Martin Egbanubi (Union of Allied Health - Nigeria ) - 2° Vicepresidente: Khady N'Diaye ( Ferñent e FRAPP - Senegal ) - Segretario generale: Kafui Kan-Senaya ( SMG - Ghana ) - Tesoriere : Achy Ekissi ( PCRCI - Costa d'Avorio ) - Membro: Imanina Imoja ( PAIGC - Guinea Bissau ) - Membro: Aboubacar Alassane ( ORDN - Niger )

La fondazione della WAPO/OPAO risponde alla crescente necessità dei popoli dell'Africa occidentale in lotta di dotarsi di strumenti unitari panafricani per affrontare l'aggressività mortale dell'imperialismo e dei suoi scagnozzi neocoloniali dell'UEMOA/ECOWAS (Unione Economico Monetaria Ovest Africana / Economic Community of West African States).

Rompere il relativo isolamento delle nostre rispettive lotte nazionali, che deve continuare a essere approfondito con la creazione di un'organizzazione di solidarietà panafricana per le nostre lotte. Questo primo passo appena compiuto ad Accra è anche un invito alla partecipazione degli africani occidentali rivoluzionari, patriottici, panafricani e antimperialisti assenti e all'iniziativa di un'azione unitaria dei rivoluzionari di altre parti del nostro continente contro l'imperialismo.

Nel 1958, i nostri predecessori progressisti veramente indipendentisti convocarono la Conferenza Panafricana ad Accra, che accelerò le mobilitazioni popolari della prima fase della liberazione anticoloniale di allora.

La WAPO/OPAO segue le orme di questa tradizione antimperialista in un mondo che si sta gradualmente staccando dal secolare dominio unilaterale degli imperialisti della triade USA/UE/Giappone/Israele, aprendo la strada a una cooperazione multilaterale egualitaria basata sulle sovranità nazionali dei popoli liberi.

             23 dicembre 22

 

COMUNICATO STAMPA WAPO/OPAO

L' AGGRESSIVITÀ IMPERIALISTA E LA NASCITA

DELL'ORGANIZZAZIONE DEL POPOLO DELL'AFRICA OCCIDENTALE

 

Come sapete, l'Africa occidentale è dotata di abbondanti ricchezze estrattive sotto forma di acqua, foreste, energia, minerali e risorse biologiche. Ha enormi terreni coltivabili e una popolazione giovane, energica e creativa. Ma fino al 90% di questa ricchezza è posseduta e controllata da interessi capitalistici stranieri provenienti da Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Canada e Giappone.  Più di 50 anni di indipendenza politica hanno lasciato l'Africa occidentale senza una base industriale. L'industria tradizionale è ancora grezza o rudimentale ed è caratterizzata da bassa produttività e bassa produzione. Mentre diventiamo stati dipendenti, periferici, neocoloniali, governati in nome dell'imperialismo dalle nostre élite politiche e dalla borghesia compradora, i popoli dell'Africa occidentale continuano ad affrontare insicurezza regionale, assistenza sanitaria inadeguata, disoccupazione, disuguaglianza, abusi, sfruttamento e corruzione. Queste condizioni devastanti in cui si trovano i popoli dell'Africa occidentale sono l'impatto e le vestigia del colonialismo, del neocolonialismo e dell'imperialismo. Oggi, questi imperialisti e le loro élite locali continuano a sfruttare brutalmente la regione sotto forma di neocolonialismo attraverso società transnazionali e multinazionali. Il Sahel dell'Africa occidentale è diventato una delle regioni più instabili dell'Africa con conflitti armati ricorrenti, guerre civili a bassa intensità, atti di pirateria, violenza politica e comunitaria. Anche la presenza di grandi riserve di petrolio greggio e minerali come l'uranio porta a un'intensa rivalità e competizione geopolitica. Lentamente, gli imperialisti ci accerchiano in modo pernicioso con la creazione di basi militari e la concentrazione delle loro truppe. Secondo le notizie più aggiornate, ci sono più di 20 basi militari di questo tipo.

Di fronte a questa situazione, 100 delegati e osservatori si sono riuniti dall'8 all'11 dicembre 2022 nella storica cittadina di Winneba, nella regione centrale del Ghana, per un convegno dal tema "Il popolo dell'Africa occidentale per un nuovo mondo". I partecipanti provenivano da sindacati, agricoltori, movimenti delle donne, organizzazioni giovanili e culturali, formazioni panafricane, partiti politici e ampi movimenti antimperialisti e progressisti di tutta l'Africa occidentale. Abbiamo avuto anche osservatori dalle parti orientali, meridionali e settentrionali dell'Africa, così come dall'Asia e dall'America Latina. Per tre giorni ci siamo impegnati in un'intensa discussione storica sulla situazione odierna nell'Africa occidentale.

Abbiamo esaminato la nostra storia indipendente prima che il capitalismo europeo arrivasse sulle nostre coste. Abbiamo esaminato le principali forme di sfruttamento della regione - schiavitù, colonialismo e neocolonialismo che un capitalismo sempre più globalizzato ha imposto al nostro sviluppo e le perduranti problematiche politiche, socio-economiche e culturali che ha generato per la nostra società. Al termine di tre giorni di intense deliberazioni, la conferenza ha deciso di istituire un'organizzazione a livello regionale che sarà nota come OPAO (Organization des Peuples d'Afrique de l'Ouest in francese o Organizaçao do Povos da Africa Occidental in portoghese) e WAPOI in inglese.

L'Organizzazione dei popoli dell'Africa occidentale è soprattutto una rete antimperialista che promuove l'unità regionale nell'Africa occidentale. Cerca di costruire una nuova Africa occidentale con il popolo e per il popolo, dove il benessere e l'uguaglianza dei cittadini siano assicurati in un quadro di sviluppo pacifico basato su una pianificazione democratica.

L'obiettivo finale dell'OPAO è mobilitare i lavoratori dell'Africa occidentale per porre fine alla povertà, alla disuguaglianza, alla corruzione, alla discriminazione, all'arretratezza e alla violenza inflitte alla regione da cinque secoli di dominazione colonialista e imperialista. Altri obiettivi includono l'unificazione delle nostre lotte oltre i confini, lo sviluppo di un'incrollabile solidarietà con la classe operaia nel confronto con gli imperialisti e le forze coloniali come un'entità unita. Per raggiungere questo obiettivo, l'OPAO promuoverà l'antimperialismo e il panafricanismo in tutta l'Africa occidentale. Lavorerà a fianco di altre organizzazioni in una multiforme lotta africana e globale contro l'imperialismo. Infine, si sforzerà anche di porre fine alla concorrenza rovinosa e all'accumulo di profitti da parte delle élite capitaliste straniere e locali. L'OPAO ha eletto un Consiglio di coordinamento di sette membri per dirigere i suoi sforzi nei prossimi quattro anni.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti