Gaza, 1 milione di bambini in pericolo. Unicef chiede a Israele di consentire consegna aiuti

Gaza, 1 milione di bambini in pericolo. Unicef chiede a Israele di consentire consegna aiuti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'UNICEF esorta il regime israeliano a consentire l'immediata consegna di aiuti umanitari alla Striscia di Gaza, dove un milione di bambini ha bisogno di aiuti di emergenza.

“Gaza ha un milione di bambini, molti hanno bisogno di assistenza. Chiediamo la consegna immediata di aiuti umanitari senza ostacoli alla Striscia di Gaza, molti bambini hanno urgente bisogno di salute, acqua e istruzione. La mancanza di assistenza avrà conseguenze disastrose per i bambini", ha scritto ieri il dipartimento palestinese del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef) sul suo account Twitter.

L'appello dell'Unicef ??è arrivato dopo che Lynn Hastings, la coordinatrice umanitaria delle Nazioni Unite (ONU) per il territorio palestinese occupato, dopo la sua visita a Gaza, ha avvertito in una dichiarazione , venerdì scorso, che il rigoroso divieto israeliano di trasportare rifornimenti nella Striscia di Gaza ha messo settori vitali nella Enclave costiera palestinese a rischio.

"Senza un ritorno all'ingresso regolare e prevedibile delle merci a Gaza, la capacità delle Nazioni Unite e dei nostri partner di fornire interventi critici è a rischio, così come i mezzi di sussistenza e i servizi di base per la popolazione di Gaza", si avverte nella nota.

L'ONU stima che 250.000 persone a Gaza non abbiano accesso regolare all'acqua corrente e che 185.000 dipendano da fonti d'acqua non sicure o paghino prezzi molto alti per quella in bottiglia. Anche il settore agricolo è in una situazione critica, una delle principali fonti di cibo e reddito a Gaza, è a rischio, compresa l'attuale stagione della semina, ha denunciato Hastings.

“Esorto Israele ad allentare le restrizioni alla circolazione di merci e persone da e verso Gaza, in conformità con la risoluzione 1860 (2009) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, con l'obiettivo di eliminarle definitivamente. Solo revocando completamente le chiusure debilitanti possiamo risolvere in modo sostenibile la crisi umanitaria e contribuire alla stabilità a lungo termine" , si avverte nella nota.

In conclusione, Hastings ha ricordato che il regime israeliano deve adempiere ai suoi obblighi ai sensi del diritto umanitario internazionale e ha sottolineato che l'assistenza umanitaria non deve essere condizionata.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti