Gazprom annuncia che taglierà le forniture di gas alla Moldova entro 48 ore

Gazprom annuncia che taglierà le forniture di gas alla Moldova entro 48 ore

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il portavoce del colosso russo del gas Gazprom, Sergei Kuprianov, ha annunciato oggi che la società sospenderà le forniture di gas alla Moldova entro 48 ore.

Kupriánov ha spiegato che il paese non ha rispettato i suoi obblighi contrattuali e questo 22 novembre è scaduto un altro termine in cui ha dovuto elaborare il 100% dei pagamenti in sospeso.

La società ha già informato Chisinau del passaggio e ha espresso il suo disappunto per il fallimento della parte moldava nell'adempiere alle proprie responsabilità.

"Tenendo conto della situazione economica e finanziaria piuttosto complicata in Moldova e guidata dal desiderio di mantenere per la Moldova la possibilità di pagare i suoi debiti a Gazprom, nonché la posizione del Presidente della Russia, Gazprom ha deciso di firmare un accordo praticamente alle condizioni della parte moldava, ma con un punto importante, che la Moldova doveva elaborare il 100% dei suoi pagamenti in sospeso", ha affermato il portavoce dell'azienda russa.

Kuprianov ha sottolineato che Gazprom stava negoziando da tempo con Chisinau e che le sue proposte di prezzo del gas erano pienamente in linea con quelle di mercato, basate sui prezzi di quotazione, ma il governo moldavo ha insistito su condizioni privilegiate.

All'inizio di ottobre, il rappresentante della compagnia russa aveva già avvertito che, in caso di un altro ritardo nei pagamenti per le forniture per settembre e ottobre di quest'anno, Gazprom avrebbe tagliato le forniture.

 Il gigante del gas stima il debito della Moldova a 433 milioni di dollari, ovvero 709 milioni di dollari in totale, tenendo conto dei ritardi di pagamento.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti