Germania, Angela Merkel difende la decisione di acquistare gas dalla Russia: "Scelta razionale"

Germania, Angela Merkel difende la decisione di acquistare gas dalla Russia: "Scelta razionale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’ex cancelliera tedesca Angela Merkel ha ribadito di non avere rimpianti per il percorso che il suo governo ha intrapreso con la politica energetica e la Russia durante il suo mandato.

Merkel ha quindi difeso le decisioni del suo governo di acquistare grandi quantità di gas naturale dalla Russia, che era il principale fornitore di gas del suo paese quando ha lasciato l'incarico. Parlando a Lisbona con i giornalisti - secondo quanto riporta AP - ha affermato che "agisci sempre nel tempo in cui ti trovi" e che non si pente delle sue decisioni. Per poi aggiungere che era chiaro che la Germania aveva bisogno di diversificare le sue forniture energetiche mentre si allontanava dalla produzione di energia nucleare, perché il gas sarebbe stato necessario durante quel periodo di transizione.

La Merkel ha affermato che "dal punto di vista di quel tempo, era molto razionale e comprensibile rifornirsi tramite gasdotto, anche dalla Russia, che era più economico del GNL da altre parti del mondo".

Ha aggiunto che "anche durante la Guerra Fredda, la Russia era un fornitore di energia affidabile".

La Merkel ha guidato la Germania dal 2005 fino allo scorso dicembre. Durante la sua permanenza al potere, è entrato in funzione il gasdotto Nord Stream 1 che porta il gas direttamente dalla Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico. 

Il suo governo ha anche sostenuto il gasdotto parallelo Nord Stream 2, nonostante la forte opposizione dei paesi dell'Europa centrale e orientale e degli Stati Uniti. Non è mai entrato in servizio perché l'attuale cancelliere Olaf Scholz ha interrotto il processo di certificazione poco prima che la Russia avviasse l’operazione militare in Ucraina per smilitarizzare e denazificare il regime di Kiev. 

L’ex cancelliera non ha fatto molte apparizioni pubbliche dopo aver lasciato l’incarico, ma in queste rare apparizioni ha più volte perorato la causa del dialogo diplomatico con la Russia e difeso i suoi tentativi per provare a trovare una soluzione diplomatica alle tensioni tra Russia e Ucraina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti