Giornata nazionale "per il sacrificio degli Alpini" e l'odio antirusso che si diffonde ad arte

Giornata nazionale "per il sacrificio degli Alpini" e l'odio antirusso che si diffonde ad arte

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Segno dei tempi la sorprendente istituzione della “Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini” definitivamente approvata dal Senato (qui l’elenco dei votanti e degli assenti). Una ennesima “Giornata celebrativa nazionale” che, questa volta “riconosce il giorno 26 gennaio di ciascun anno quale Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini, al fine di conservare la memoria dell’eroismo dimostrato dal Corpo d’armata alpino nella battaglia di Nikolajewka durante la seconda guerra mondiale, nonché di promuovere i valori della difesa della sovranità e dell’interesse nazionale nonché dell’etica della partecipazione civile, della solidarietà e del volontariato, che gli alpini incarnano”.

Ma davvero c’era bisogno di commemorare questa battaglia senza dire che il 15 gennaio del 1943, undici giorni prima della battaglia di Nikolajewka, a Rossos, il Comando del Corpo d’armata alpino (non i tedeschi) aveva ordinato l’esecuzione di circa trenta prigionieri russi? Che la “crociata antibolscevica” voluta da Mussolini, è una delle pagine più ignominiose della storia italiana con innumerevoli russi uccisi solo perché difendevano la loro terra e circa 75.000 soldati italiani morti e 32.000 gravemente feriti e congelati? Ma poi, se si voleva davvero celebrare l’”eroismo dei soldati italiani”, non sarebbe stato più logico commemorare l’eccidio di Cefalonia dove, nel settembre del 1943, circa 5.000 soldati italiani furono passati per le armi per essersi rifiutati di continuare a combattere insieme ai tedeschi?

In questi giorni di odio antirusso, si direbbe non se lo domandi nessuno.

 

 

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti