"Giungla" e "giardino". Il mondo reagisce così ai commenti colonialisti di Borrell

"Giungla" e "giardino". Il mondo reagisce così ai commenti colonialisti di Borrell

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

“L'Europa è un giardino. Abbiamo costruito un giardino... Il resto del mondo non è esattamente un giardino. La maggior parte del resto del mondo è una giungla e la giungla potrebbe invadere il giardino", ha dichiarato, la scorsa settimana, l’Alto rappresentante dell'Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Joseph Borrell durante un discorso in Belgio.

Parole che richiamano, sostanzialmente, al più becero colonialismo e, soprattutto non sono passate inosservate nel resto del mondo.

In vari paesi le dichiarazioni di Borrell hanno provocato reazioni molto dure.

Negli Emirati arabi Uniti, ad esempio, ieri è stato convocato il capo ad interim della delegazione dell'UE, per chiedere una spiegazione sui commenti razzisti fatti dal capo della politica estera dell'UE.

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale degli Emirati ha definito i commenti di Borrell razzisti, avvertendo, tra l’altro, che possono contribuire a un peggioramento del clima di intolleranza e discriminazione in tutto il mondo.

Borrell non contento, proprio per non creare malintesi ha rincarato la dose, aggiungendo che la costruzione di muri per proteggere "il giardino" non funzionerebbe perché "la giungla ha una forte capacità di crescita e il muro non sarà mai abbastanza alto per proteggere il giardino".

“I giardinieri devono andare nella giungla. Gli europei devono essere molto più coinvolti con il resto del mondo. Altrimenti, il resto del mondo ci invaderà, in modi e mezzi diversi”, ha lamentato il massimo diplomatico europeo.


Oltre a convocare il capo missione ad interim presso la delegazione dell'UE negli Emirati Arabi Uniti, i funzionari emiratini hanno anche chiesto all'ufficio di Borrell di fornire una spiegazione scritta.

Molti altri hanno ricordato che il discorso di Borrell riflette opinioni superate da tempo sulla supremazia europea sul mondo "incivile". Le sue parole ignorano anche la lunga storia del colonialismo che ha permesso ai paesi occidentali di svilupparsi completamente a spese del Sud del mondo.

"I nostalgici del colonialismo riaffiorano come mostri", ha twittato oggi il vice primo ministro del Qatar, Hamad al-Kawari, in risposta a Borrell.


Anche Mosca si è fatta sentire in merito ai commenti razzisti del capo della politica estera dell'UE, con la portavoce del ministro degli Esteri Maria Zakharova che ha twittato: "L'Europa ha costruito quel 'giardino' attraverso il barbaro saccheggio della 'giungla'. Borrell non avrebbe potuto esprimerlo meglio: il sistema più prospero del mondo, creato in Europa, nutrito da radici nelle colonie che hanno spietatamente oppresso”.


Dopo che ha scatenato la bufera, Borrell ha negato che il suo messaggio fosse razzista o colonialista. Si è giustificato con il fatto che le sue parole avevano lo scopo di rifiutare l'idea di "fortezza Europa" e incoraggiare gli studenti a impegnarsi con il mondo.

Da non sottovalutare che le reazioni più dure ai rigurgiti colonialisti di Borrell e del blocco europeo sono giunte da paesi come Qatar, Emirati Arabi Uniti che non sono noti assolutamente per le loro lotte all’imperialismo e al colonialismo, neanche storicamente hanno fatto o appoggiato tali battaglie. Anzi, sono Paesi per tradizione servi sciocchi di Usa e Israele in Asia ocidentale, basta vedere il loro ruolo nelle aggressioni dello Yemen e l’appoggio ai terroristi in Siria.

Ora, probabilmente, hanno capito che fare i servi sciocchi alla lunga non pagherà. Dunque, si spera che possano avere una politica estera più indipendente come hanno dimostrato con i tagli di produzione del petrolio dell’ OPEC+ che hanno tanto irritato l’amministrazione USA gidata da Joe Biden.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti