Gli iraniani commemorano il secondo anniversario del martirio del generale Soleimani

Gli iraniani commemorano il secondo anniversario del martirio del generale Soleimani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il 3 gennaio 2020, il generale Soleimani , comandante della Forza Quds dei Guardiani del Corpo della Rivoluzione Islamica (IRGC) dell'Iran, insieme ad Abu Mahdi al-Muhandis, vice comandante delle Unità di mobilitazione popolare (Al-Hashad Al-Shabi, in arabo) dell'Iraq, e un gruppo di suoi compagni, caddero martiri in un attentato terroristico perpetrato dagli Stati Uniti, a Baghdad.

Oggi, a due anni di distanza, il governo iraniano ha organizzato una cerimonia per commemorare il secondo anniversario dell'assassinio del generale Soleimani, in cui il presidente del Paese, Seyed Ebrahim Raisi, guida l'evento. 

A questo tributo hanno partecipato anche le autorità nazionali, tra cui il comandante della forza Quds dell'IRGC iraniano, il generale di brigata Esmail Qaani e il vice capo della forza di Quds, il generale di brigata Mohamad Reza Falahzade, tra gli altri, nonché ospiti stranieri e la famiglia del eminente comandante martire.

Oltre a Raisi, altre personalità hanno tenuto brevi discorsi mettendo in luce la personalità e il ruolo del martire Soleimani.

Il generale Soleimani rimane una figura molto popolare ed è ricordato come un simbolo della lotta al terrorismo per il ruolo chiave che ha avuto nell'eliminare l'ISIS-Daesh nella regione. La Repubblica islamica dell'Iran considera il suo assassinio un "grande dono" per i terroristi e i loro sostenitori e ha promesso di raccogliere il suo testimone e vendicare questo crimine.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti