Global Times - La provocazione dell'esercito USA è come un'operazione ad alta quota senza una corda di sicurezza

Global Times - La provocazione dell'esercito USA è come un'operazione ad alta quota senza una corda di sicurezza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Global Times

Il Comando del Teatro Sud dell'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) cinese ha dichiarato lunedì che la nave da combattimento costiera USS Gabrielle Giffords si è intrufolata illegalmente nelle acque adiacenti a Ren'ai Jiao (nota anche come Ren'ai Reef). Il Comando del Teatro Meridionale del PLA ha organizzato le forze navali per monitorare da vicino e sorvegliare il fenomeno e ha dichiarato che le truppe sono tenute in allerta in ogni momento per salvaguardare con determinazione la sovranità nazionale, la sicurezza, la pace e la stabilità nel Mar Cinese Meridionale. La Cina ha rivelato in modo proattivo e tempestivo le azioni pericolose delle forze armate statunitensi. È chiaro chi sta fomentando i problemi nel Mar Cinese Meridionale e chi è l'iniziatore della "crisi" Cina-USA. La notifica del Comando del Teatro Sud è concisa, composta solo da circa 200 parole, ma la sua espressione è notevolmente contenuta e forte. Sia che le forze armate statunitensi vogliano mettere alla prova la linea di fondo della Cina, sia che vogliano mostrare la propria potenza e affermare la propria presenza, se ignorano la ferma posizione della Cina, prima o poi sorgeranno inevitabilmente dei problemi.

Dall'inizio di quest'anno, dall'accompagnamento da parte di giornalisti occidentali e statunitensi di navi filippine a Ren'ai Jiao per provocazioni e messe in scena, all'assistenza che gli Stati Uniti avrebbero fornito a Manila per riparare la nave da guerra illegalmente incagliata, al pattugliamento congiunto che Stati Uniti e Filippine stanno conducendo in un'area distante circa 200 chilometri da Taiwan, passando per il ripetuto ricorso da parte di Washington al Trattato di Mutua Difesa per fare vuote promesse a Manila, non è difficile notare come gli Stati Uniti abbiano gradualmente intensificato le proprie istigazioni nei confronti delle Filippine. L'intrusione illegale della nave da guerra statunitense a Ren'ai Jiao è stata l'ultima escalation, chiaramente finalizzata a risollevare il morale delle Filippine e a incoraggiare Manila a essere "più coraggiosa". Usando la "sicurezza" per ingannare Manila, Washington la sta spingendo più vicino alla linea del fronte.

L'esercito statunitense sosterrà davvero le Filippine? Questa volta gli Stati Uniti hanno inviato una nave da combattimento costiera, un tipo di imbarcazione nota per le sue scarse capacità di combattimento e l'alta velocità. In parole povere, si tratta di un puro atto di provocazione e di test. Tuttavia, questa provocazione irresponsabile può facilmente portare a un errore di valutazione da parte delle Filippine. Esse potrebbero credere che gli Stati Uniti li sosterranno e, grazie a questo immaginario sostegno, potrebbero intraprendere azioni rischiose ad ogni costo, aumentando notevolmente il rischio di attriti e conflitti.

La questione di Ren'ai Jiao è una questione bilaterale tra Cina e Filippine, che non ha nulla a che fare con gli Stati Uniti. Per un lungo periodo in passato, la Cina e le Filippine hanno gestito efficacemente la situazione a Ren'ai Jiao attraverso una buona comunicazione e hanno raggiunto una comprensione reciproca. Seguendo questa direzione, è del tutto possibile che la questione venga risolta pacificamente e accettata da entrambe le parti. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno scelto di inserirsi e istigare le Filippine durante le fasi cruciali dei negoziati su un Codice di condotta (COC) per il Mar Cinese Meridionale e in un periodo di cambiamento politico nel paese, che ha dato alle Filippine fantasie irrealistiche. È evidente a tutti che il coinvolgimento degli Stati Uniti nella questione Ren'ai Jiao non è ben intenzionato.

La fantasia è come una bolla di sapone: per quanto possa apparire colorata, alla fine scoppia. Negli ultimi mesi, le Filippine hanno fatto diverse mosse a Ren'ai Jiao, esibendo una varietà di azioni con notevole clamore. Tuttavia, queste azioni non hanno portato alcun beneficio e hanno invece avuto un impatto negativo sulle relazioni Cina-Filippine. Per evitare che le Filippine facessero marcia indietro, è intervenuto l'esercito statunitense. Questo non è solo un atteggiamento arrogante o sconsiderato dell'esercito statunitense nel Mar Cinese Meridionale, ma anche un modo per mantenere la tensione a Ren'ai Jiao e incoraggiare e manipolare le Filippine. Le Filippine non dovrebbero essere così ingenue da pensare che gli Stati Uniti le stiano veramente aiutando. Gli Stati Uniti mirano a istigare le Filippine, inducendole a sacrificarsi per conto degli interessi USA. Mentre la nave da guerra statunitense sfida provocatoriamente la Cina a Ren'ai Jiao, sta anche versando un grosso bicchiere di liquore forte nella gola delle Filippine. Speriamo che le Filippine non siano state intossicate da queste azioni.

Di fronte alle interferenze di Stati Uniti e Filippine, la Cina deve solo salvaguardare con determinazione la propria sovranità nazionale e integrità territoriale. La nave da guerra incagliata è già in uno stato fatiscente e dobbiamo impedire con fermezza che le Filippine adottino misure di rinforzo. Una volta disintegrata, le Filippine perderanno una scusa. Seguendo il nostro ritmo, miglioriamo continuamente le nostre capacità di applicazione della legge e di gestione nell'area di Ren'ai Jiao, ponendoci in una posizione imbattibile.

Inoltre, la parte cinese farà senza dubbio preparativi completi, dimostrando una ferma determinazione e forti capacità di difendere la sovranità nazionale, la sicurezza e la pace e stabilità della regione del Mar Cinese Meridionale. Chiunque giudichi male o sottovaluti questo aspetto sta giocando con il fuoco. Gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato di voler mantenere le comunicazioni militari con la Cina e di voler installare un "guardrail" per le relazioni USA-Cina. È essenziale sottolineare agli Stati Uniti che, in qualsiasi momento, non può esistere un "guardrail" per l'avventurismo militare e le azioni provocatorie degli Stati Uniti contro la Cina. È come fare operazioni ad alta quota senza una corda di sicurezza: un attimo di cedimento può portare a una caduta, con rischi insostenibili.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti