Global Times - Se Pelosi andrà a Taiwan, sarà un enorme errore storico per Washington

Global Times - Se Pelosi andrà a Taiwan, sarà un enorme errore storico per Washington

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Global Times

Martedì il Financial Times ha scritto che la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi avrebbe portato una delegazione in Asia ad agosto, inclusa l'isola di Taiwan. Se la notizia è vera e il viaggio avviene, sarà una delle provocazioni più eclatanti degli Stati Uniti alla Cina sulla questione di Taiwan dall'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Cina e Stati Uniti.

Lo scorso aprile, Pelosi ha già messo in scena una farsa affermando di "visitare Taiwan". In primo luogo, ha rilasciato un pallone di prova attraverso i media, ma è stata improvvisamente contagiata dal COVID-19 prima della sua partenza e ha posticipato il suo piano. Il Partito Democratico Progressista (DPP) e il Congresso degli Stati Uniti hanno mantenuto un profilo basso entrambe le volte. Ovviamente, le autorità statunitensi e taiwanesi non ignorano del tutto la tempesta che potrebbe essere innescata dal loro gioco arbitrario con il fuoco nello Stretto di Taiwan, ma è evidente che non hanno una comprensione sufficientemente profonda o vogliono rischiare. 

Va sottolineato chiaramente che non c'è spazio per l'ambiguità riguardo al principio di una sola Cina. Le parole del Consigliere di Stato e Ministro della Difesa cinese Wei Fenghe, pronunciate a questo proposito durante il Dialogo di Shangri-La a Singapore il mese scorso, sono ancora forti e squillanti:  "La Cina realizzerà sicuramente la sua riunificazione" e coloro che perseguono l'"indipendenza di Taiwan" nel tentativo di dividere la Cina non avranno alcun risultato positivo e l'interferenza straniera è destinata a fallire. Ha anche avvertito che "se qualcuno oserà separare Taiwan dalla Cina, non esiteremo a combattere e lo faremo a tutti i costi". Sarebbe un enorme errore storico per Washington lasciare che queste parole cadano nel vuoto.

Pelosi, 82 anni, una volta ha dichiarato di essere stata considerata la persona più antipatica in Cina per oltre 30 anni. Dovrebbe vergognarsi di questa etichetta. Nel corso degli anni, Pelosi non è mai stata assente dalle aree in cui si potrebbero creare problemi nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti. In particolare, per quanto riguarda la questione di Taiwan, è stata uno dei primi leader del Congresso degli Stati Uniti a chiamare per congratularsi quando Chen Shui-bian è stato eletto leader regionale dell'isola di Taiwan nel 2000. All'inizio di quest'anno ha anche incontrato via video il vice leader dell'isola Lai Ching-te, in viaggio negli Stati Uniti. Quest'anno negli Stati Uniti si terranno le elezioni di midterm e il Partito Democratico è in svantaggio. L'attenzione della Pelosi per lo Stretto di Taiwan in questo momento sembra essere un tentativo disperato di cogliere un'altra occasione.  

Tuttavia, visitare Taiwan è sicuramente una linea rossa che Pelosi non deve mai oltrepassare. La Cina è fermamente decisa a difendere la sovranità nazionale e l'integrità territoriale e ha il diritto di adottare misure di forza contro le forze secessioniste "indipendentiste di Taiwan" e le forze extraterritoriali in qualsiasi momento in base ai cambiamenti della situazione, anche contro il viaggio e la stessa Pelosi. La Cina ha chiesto agli Stati Uniti di non organizzare la visita della Pelosi a Taiwan e ha sottolineato che "gli Stati Uniti devono essere pienamente responsabili di tutte le conseguenze causate da questo atto”. Va notato che se alcuni politici statunitensi vogliono usare la questione di Taiwan per calcolo politico, sicuramente avranno una comprensione più profonda del vecchio detto cinese "chi gioca con il fuoco si brucia".

In primo luogo, riteniamo che, indipendentemente dal fatto che Pelosi faccia o meno il viaggio, Washington debba fornire alla Cina una dichiarazione chiara e smettere di fare il doppio gioco o di essere ossessionata dai giochi di parole. In secondo luogo, se Pelosi visitasse davvero Taiwan, verrebbe inclusa nella lista delle sanzioni della Cina. In precedenza, i media statunitensi hanno riportato che il marito di Pelosi ha una serie di affari nella Cina continentale. Una volta che Pelosi sarà sulla lista, i beni della sua famiglia dovrebbero essere immediatamente congelati. In terzo luogo, le forze secessioniste "indipendentiste di Taiwan" non dovrebbero farsi illusioni. L'anno scorso, dopo le tre visite a Taiwan dei legislatori statunitensi, le azioni di dissuasione imposte dall'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) sono gradualmente aumentate e si sono avvicinate sempre più a un vero e proprio combattimento. In questo contesto, se Pelosi insisterà nel seguire la sua strada, porterà l'incubo alle forze "indipendentiste di Taiwan".

A differenza dei sondaggi opportunistici di Washington, tutte le opzioni sono chiaramente sul tavolo per la Cina continentale. Il cappio intorno al collo delle forze secessioniste "indipendentiste di Taiwan" si sta stringendo e Pelosi ha un piede sullo sgabello del patibolo. Se Pelosi, che ha sempre amato fare la dura con la Cina, vuole insistere su questa strada, le prepareremo sicuramente "conseguenze" sufficienti.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti