Guyana Esequiba: geoeconomia di un'occupazione

Guyana Esequiba: geoeconomia di un'occupazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


teleSUR


Un'aria di prosperità ha innalzato le proiezioni della Exxon Mobil Corporation, che ha accumulato circa 414 miliardi di dollari nel 2022, un reddito senza precedenti nella sua storia, il che rappresenta un aumento del 44,8 percento rispetto all'anno precedente. Si tratta di un incremento gigantesco se confrontato con la sua crisi nel 2020, quando le perdite rischiarono di mettere a rischio la sua posizione sul mercato azionario.

Una ricerca sostiene che la Guyana potrebbe diventare "il paese che produce più barili di petrolio per abitante al mondo, superando il Kuwait; in tal caso, misurando la ricchezza pro capite dei suoi 800 mila abitanti, diventerebbe un paese ricco, poiché nel 2021 il suo PIL è aumentato del 57,8 percento e nel 2022 del 37,2 percento."

Tuttavia, in entrambi i casi, la prosperità proviene principalmente dall'esplorazione del petrolio e del gas che la società e il paese hanno attivato nella regione in disputa dell'Esequibo, situata nelle acque venezuelane.

Si tratta di un territorio e di un mare che l'Inghilterra ha ambito fin dal XIX secolo; successivamente, gli Stati Uniti lo hanno posto nell'asse della Dottrina Monroe e ora stanno attuando un attacco congiunto con le loro società, cercando di legittimare una situazione di "fatti accumulati" che si è intensificata dal 2015.

Si tratta di un'incursione multiforme, ma con la modalità invariabile di "licenze" concesse alla Guyana, principalmente alla società statunitense Exxon Mobil, ma anche a Chevron, che registra importanti entrate da questa offensiva. Altre società come la spagnola Repsol o la britannica Tullow, segnalano entrate consistenti da progetti di esplorazione nell'alto Esequibo.

Grazie alle agevolazioni concesse dalla liberalizzazione economica, le società private hanno moltiplicato i loro dividendi; inoltre, oltre alla nota capacità delle multinazionali di eludere le tasse dei paesi, queste finiscono per 'compensarle' attraverso ulteriori esenzioni nelle zone franche, in modo che le società recuperino il loro investimento in meno di 5 anni e inizino a ricevere profitti netti, di solito fino all'80 percento dei benefici, mentre i paesi produttori riescono a malapena a raggiungere il punto di equilibrio.

Nel caso della Guyana, solo il 25 percento dei profitti rimane nel paese e vi sono evidenze di una ridistribuzione irrisoria di questi redditi, al punto che nel 2019 il suo indice di sviluppo umano era il più basso del Sud America, mentre la povertà estrema colpisce il 35,1 percento della popolazione, il tasso di emigrazione raggiunge il 55 percento e fino all'80 percento delle persone con un'istruzione superiore vive fuori dal paese.

Chiaramente, "la creazione di un ambiente economico liberale basato su regole" e la cessione della sovranità della Guyana beneficiano principalmente le società statunitensi e altre multinazionali.

In queste condizioni, ExxonMobil è arrivata a considerare l'Esequibo come di sua proprietà nella disputa territoriale che la Guyana mantiene con il Venezuela e anche con il Suriname, perché nel primo caso, una politica energetica sovrana obbliga lo Stato a operare per il bene comune e non in base agli interessi delle società.

Ciò spiega la comunicazione, la mobilitazione legale e politica che posiziona la loro visione ipotetica secondo la quale il Venezuela vorrebbe confiscare fino a due terzi del territorio guyanese.

Le cose sono arrivate a tal puntoin questa storia che la Guyana si è rivolta alla Corte Internazionale di Giustizia (CIG) per dissociarsi dal riconoscimento della disputa del confine esistente e per evitare l'imperativo del consenso di entrambe le parti nel delineare i meccanismi di risoluzione, come stabilito nell'Accordo di Ginevra, contrariamente alla validità del 'Paris Award' (1899), promosso da William McKinley, presidente degli Stati Uniti dell'epoca, senza la partecipazione del Venezuela. Inoltre, la Guyana ha cercato di coinvolgere la CIG nella politica interna venezuelana e sospendere la consultazione popolare che il paese aveva indetto affinché la popolazione si pronunciasse su questa questione; la CIG non lo ha fatto, il che costituisce una vittoria per la sovranità.

D'altra parte, il Venezuela sostiene che non si tratta solo di una questione di sovranità nazionale ed energetica, ma di un problema che riguarda la geopolitica regionale, poiché coinvolge direttamente il tentativo di far prevalere gli interessi di aziende sulla certificazione storica di uno Stato.

Secondo il presidente venezuelano Nicolas Maduro, "più che la Guyana, è Exxon Mobil e il Comando Sud che stanno cercando di prendere il mare che appartiene al Venezuela", da qui il suo appello al dialogo con il paese confinante.

Exxon Mobil, un'azienda emblematica degli Stati Uniti, con lo sguardo rivolto a riserve di circa 11.000 milioni di barili di petrolio, gas abbondante ed ecosistemi con grandi prospettive per la produzione di energie pulite, ha preso il controllo della strategia adottata dalla "Guyana"; tra le prove c'è il pagamento di circa 15 milioni di dollari per la difesa legale della Guyana.

Si tratta di un caso di interesse regionale, tra l'altro, perché mette in luce gli scenari di potere delle mltinazionali: l'"ordine internazionale basato su regole" versus il diritto internazionale e la legittimità storica, da cui il Venezuela trae la sua difesa. Gli Stati Uniti, o meglio la Guyana, stanno portando questa decisione a uno scenario di fatto compiuto e non alla risoluzione del diritto internazionale, sapendo che nei cosiddetti tribunali arbitrali, istanze create dalle aziende per convincere gli Stati, le aziende vincono il 90 percento delle volte.

Secondo lo storico venezuelano Omar Hurtado, nel 1899 l'arbitrato ebbe luogo tra le potenze, senza il coinvolgimento del Venezuela. E senza il Venezuela, il Lodo di Parigi assegnò alla Gran Bretagna (ora Guyana) il 90 percento del territorio contestato, senza la concorrenza di elementi legali probatori.

America Latina: epicentro di una "nuova" geopolitica del petrolio

Proiezioni specializzate parlano di una nuova geopolitica del petrolio per il 2028, con il Brasile (Pre-Sal), la Guyana (Esequibo) e l'Argentina (Vaca Muerta) in cima, in questo ordine, prevedendo nel contempo un arretramento di Messico, Venezuela, Ecuador e Colombia, citando la diminuzione della loro produzione, nonché la gestione attraverso società pubbliche impegnate nell'economia nazionale e non in una transnazionalizzazione priva di Stato a vantaggio delle società. In tutti i casi, l'epicentro di questa prospettiva petrolifera è l'America Latina e i Caraibi.

Lo storico Pedro Calzadilla relaziona il Lodo Arbitrale di Parigi (1899) con l'inizio dell'applicazione concreta della Dottrina Monroe (1823), dal momento che la giustificazione dell'arbitrato e la dimostrazione della forza militare degli Stati Uniti non solo segnarono l'esclusione dell'Europa, ma definirono anche la zona emisferica che gli Stati Uniti considerano a tutt'oggi come la propria area di influenza: "America per gli Americani". Questo fatto è una prova che con la Dottrina Monroe, iniziò la consolidazione del progetto geopolitico degli Stati Uniti per affermarsi come egemone.

Questa visione del fatto è molto rilevante ora, quando la maturazione dell'interrelazione tra il potere delle corporations e il progetto militare degli Stati Uniti, che agiscono come articolatori del progetto di ripristino capitalista, diventa evidente.

Proprio nel caso della Guyana Esequiba, Exxon Mobil entra senza mediazione nella disputa territoriale, inoltre, l'offensiva iniziata nel 2015 coincide con una serie di pressioni economiche, principalmente l'applicazione di misure coercitive unilaterali inflitte dagli Stati Uniti al Venezuela.

Per 140 anni, l'attuale Exxon Mobil è cresciuta attraverso un processo di fusioni monopolistiche, il cui percorso include la Standard Oil Company (1870) creata da Rockefeller e associati.

Steve Coll, autore di "Private Empire: Exxon Mobil and the American Power" (2013), sottolinea che questi sono due pezzi indivisibili di un tutto: "È uno Stato privato all'interno degli USA che ha le sue regole di politica estera" e un progetto per controllare le risorse energetiche a livello globale.

Questa associazione è percettibile in diversi episodi strategici, come le incursioni militari commesse dagli Stati Uniti, ad esempio, in Iraq e più ampiamente in Medio Oriente, dove ExxonMobil si è rivelata essere il massimo fornitore del Pentagono (1999-2005).

Inoltre, nelle proiezioni energetiche che il paese nordamericano presenta, questa società compare addirittura tra le più importanti per la gestione attuale e futura delle energie pulite, anche se il suo settore di competenza è lo sfruttamento dei combustibili fossili.

Tuttavia, anche nel contesto delle proposte transizioni energetiche, si stima che la domanda di petrolio greggio abbia notevoli proiezioni economiche future. Secondo l'AIE, entro il 2028 la produzione globale di petrolio aumenterà di 5,8 milioni di barili al giorno e un quarto dell'offerta sarà latinoamericana.

Exxon Mobil è conosciuta come responsabile dei disastri ecologici più emblematici, oltre che per la sua posizione di negazionismo sui cambiamenti climatici e persino per accuse di manipolazione delle informazioni sui rischi climatici e danni agli investitori.

Secondo l'OMAL, "La storia di questa società petrolifera, che fa parte del Complesso Militare-Industriale-Finanziario e Comunicazioni Militari degli Stati Uniti, è una storia di spoliazione, evasione fiscale, interferenze, aggressioni all'ambiente e violazioni sistematiche del diritto internazionale, oltre ad essere strettamente legata al Dipartimento di Stato e ai settori ultradestra degli Stati Uniti".

E questo è il profilo degli attori geo-economici che manovrano per consumare un'appropriazione territoriale di grande portata nella regione dell'America Latina e dei Caraibi.

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti