Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Anche Israele cede. Il quotidiano Haaretz oggi ha reso noto che gli Stati Uniti hanno piegato Israele, convincendolo a spendere milioni di dollari per l'acquisto di alcuni "materiali strategici" per aiutare l'Ucraina.

"Sotto la pressione degli Stati Uniti, Israele ha recentemente accettato di finanziare milioni di dollari in acquisti di “materiale strategico” per le operazioni di combattimento ucraine", si legge nella pubblicazione.

Secondo tre fonti negli ambienti diplomatici europei, gli Stati Uniti hanno contattato il governo israeliano e lo hanno obbligato a fornire assistenza nella lotta contro la Russia.

“Gli americani volevano che Israele smettesse di limitarsi solo a forniture umanitarie e fornisse sistemi di difesa contraerea all'Ucraina. Tuttavia, dopo i negoziati tra i due governi e le discussioni tra i leader israeliani e i servizi di sicurezza, è stato deciso di finanziare “materiali strategici", ha affermato il portale.

Inoltre, Israele ha accettato di fornire all'Ucraina armi contenenti componenti israeliani, come ottiche e sistemi di controllo del fuoco.

Come si è arrivati a ciò? Vediamo la cronistoria:

Il 30 ottobre, l'edizione americana di The Hill aveva riferito che l'Ucraina ha chiesto alla Casa Bianca di fare pressione su Israele affinché cambi la sua posizione e fornisca assistenza militare a Kiev. L'ambasciatore ucraino a Tel Aviv Evgenij Korni?uk ha definito gli Stati Uniti “l'unico paese a cui obbediscono”

In precedenza, il 28 ottobre, l'ambasciatore russo in Israele Anatoly Viktorov aveva osservato che la decisione di Tel Aviv di fornire armi a Kiev sarebbe stata percepita da Mosca come un passo estremamente ostile da parte israeliana.

Il 24 ottobre, il presidente ucraino Zelensky aveva criticato Israele per aver rifiutato di fornire sistemi di difesa aerea al paese.

Qualche giorno prima, il 19 ottobre, il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz aveva dichiarato in un briefing per gli ambasciatori dell'Unione Europea che il paese non avrebbe fornito armi a Kiev, ma avrebbe continuato a inviare aiuti umanitari.

A febbraio, Breaking Defense ha riferito che il ministero della Difesa israeliano, ancor prima dell'inizio dell'operazione speciale russa, aveva vietato a Lettonia, Lituania ed Estonia di fornire a Kiev le armi che precedentemente Israele gli aveva venduto. Secondo i giornalisti, la decisione era stata causata dalla necessità di Israele di bilanciare le sue relazioni con la Russia. In poche parole, era importante non rovinare i rapporti con la Russia. E ora?

 

 

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti