Handelsblatt: "Il destino del dollaro è strettamente legato a quello del petrolio"

Handelsblatt: "Il destino del dollaro è strettamente legato a quello del petrolio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Secondo il quotidiano tedesco Handelsblatt, i giorni del dollaro come valuta mondiale sono ormai contati. La ricerca di alternative è già iniziata.

Il dollaro statunitense è stato la valuta mondiale più importante per circa ottanta anni. Attualmente, circa il 60% delle riserve valutarie mondiali è detenuto in dollari, il dollaro è coinvolto nel 90% di tutte le transazioni valutarie e la maggior parte delle materie prime è quotata e scambiata in dollari. 

Ma per quanto tempo ancora?

Il destino del dollaro è strettamente legato a quello del petrolio. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il presidente statunitense Franklin Roosevelt e il re dell'Arabia Saudita Abd al-Aziz bin Saud si accordarono per sostituire la sterlina britannica come valuta petrolifera.

Gli Stati Uniti garantirono la difesa militare del regno e i sauditi promisero di vendere d'ora in poi il petrolio solo in dollari. Quando alla fine degli anni Sessanta gli Stati Uniti iniziarono a finanziare la guerra del Vietnam stampando denaro, il dollaro fu sempre più sotto pressione. Infine, nel 1973, il sistema di tassi di cambio fissi di Bretton Woods, concordato dalle 44 potenze vincitrici della Seconda Guerra Mondiale con il dollaro come valuta di riferimento, crollò.

Un importante contributo alla stabilizzazione del dollaro fu un accordo inizialmente segreto tra l'amministrazione Nixon e l'allora re Faisal dell'Arabia Saudita. In base a questo accordo, stipulato nel 1974, gli Stati Uniti si impegnarono a continuare ad acquistare petrolio dal produttore Saudi Aramco, recentemente nazionalizzato, e a fornire in cambio armi, indipendentemente dai conflitti militari arabi con Israele. A sua volta, l'Arabia Saudita, in quanto principale potenza dell'OPEC, chiese che il petrolio fosse scambiato solo in dollari.

In questo modo, la crescente domanda di petrolio ha garantito un aumento costante della domanda di dollari. Allo stesso tempo, l'Arabia Saudita investì i suoi petrodollari principalmente in titoli di Stato statunitensi. Già nel 1977 l'Arabia Saudita aveva acquistato circa il 20% di tutti i titoli di Stato USA detenuti all'estero. Allo stesso tempo, l'elevata domanda di dollari ha sostenuto l'alto tasso di cambio della valuta statunitense.

Per molto tempo, la regola era che se si voleva comprare petrolio, bisognava avere i dollari USA, così gran parte del mondo è diventata dipendente dal dollaro. Tuttavia, il monopolio del dollaro ha iniziato a sgretolarsi. Nel 2012, Cina e Iran hanno confermato la loro intenzione di regolare i pagamenti del petrolio in yuan cinesi. A questo punto, probabilmente anche la Russia e l'Iran hanno raggiunto un accordo di questo tipo, osserva Handelsblatt. Nella primavera del 2022, la notizia che l'Arabia Saudita stava valutando di accettare lo yuan per le esportazioni di petrolio verso la Cina ha suscitato costernazione, anche se non era chiaro fino a che punto.

A metà giugno di quest'anno, l'agenzia di stampa Reuters ha riferito che il Pakistan aveva acquistato greggio dalla Russia in un accordo concordato tra i due governi e pagato per la prima volta in yuan cinesi. Il governo cinese ha descritto l'accordo come una normale cooperazione commerciale tra Pakistan e Russia. "In linea di principio, siamo aperti a regolare il commercio di petrolio in yuan", ha dichiarato il ministero degli Esteri.

La Russia non accetta dollari nel settore energetico dall'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina e dalle successive sanzioni occidentali. Allo stesso tempo, gli Stati non coinvolti nel conflitto utilizzano non solo lo yuan ma anche altre valute, come la rupia indiana o il dirham degli Emirati Arabi Uniti, per i regolamenti. Il dirham è particolarmente conveniente perché questa valuta è ancorata al dollaro statunitense e quindi non comporta rischi di cambio per nessuna delle parti ai prezzi del mercato mondiale, spiega la pubblicazione.

Come sottolinea il quotidiano economico tedesco, questi esempi dimostrano che il tentativo dell'Occidente di isolare la Russia ha portato alla creazione di nuove alleanze commerciali che potrebbero alla fine portare a un indebolimento del dominio del dollaro. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui il dollaro ha perso circa il 10% del suo valore rispetto all'euro nel corso dell'anno.

Naturalmente, questa è solo un'anticipazione di ciò che potrebbe accadere al dollaro se l'UE riuscisse a diventare neutrale dal punto di vista climatico entro due o tre decenni e la Cina riuscisse a ridurre a zero le proprie emissioni nette di gas serra entro il 2060, sostiene Handelsblatt. La realizzazione di questi obiettivi climatici significherebbe niente meno che la fine dell'era del petrolio, e quindi il crollo di uno dei principali pilastri del dominio del dollaro.

La domanda di dollari diminuirà allo stesso ritmo della domanda di petrolio. Questo porterà a una graduale svalutazione del dollaro. Un'inversione di tendenza a livello energetico globale sarebbe quindi uno scenario disastroso non solo per i Paesi esportatori di petrolio, ma forse anche per la più grande economia del mondo, gli Stati Uniti. Senza una domanda sostenuta per il dollaro, sarà impossibile finanziare gli enormi deficit commerciali e di bilancio degli Stati Uniti. Inoltre, contribuirà alla crescita dell'inflazione.

Il timore che la transizione energetica globale possa portare a violente fiammate nel sistema finanziario globale non può essere scartato. Tuttavia, gli sviluppi avverranno nell'arco di diversi decenni, per cui, a differenza di un sistema di tassi di cambio fissi, i mercati e i tassi di cambio flessibili saranno in grado di adattarsi.

Nuove valute come la rupia indiana avranno probabilmente la possibilità di diventare una valuta globale. Resta da vedere se la Cina sarà disposta ad aprire i suoi mercati dei capitali per trarre vantaggio da una valuta universalmente riconosciuta - il rovescio della medaglia sarebbe che si sottoporrebbe a valutazioni di mercato aperte più rigide di prima.

Anche gli Stati Uniti difficilmente rinunceranno al loro dollaro senza combattere, e la capacità di adattamento dell'economia statunitense è enorme. Se il calcolo dell'amministrazione Biden di trasformare l'economia statunitense in un centro globale per la tecnologia verde, accompagnato da protezionismo palese, sussidi elevati, minacce poco velate e restrizioni alle importazioni, si realizzasse, potrebbe innescare un effetto di richiamo. Grandi flussi di capitale da tutto il mondo saranno dirottati verso gli Stati Uniti, compensando o almeno mitigando l'inaridimento dei flussi di petrodollari.

D'altra parte, l'euro avrà una possibilità di rimanere a galla solo se, da un lato, la transizione energetica avrà successo e, dall'altro, gli Stati membri saranno disposti a dare un nuovo impulso all'integrazione europea e a mettere da parte gli interessi nazionali. Considerato l'assalto dei partiti populisti, questo non è certo un compito facile, ammette l'autore dell'articolo. In realtà, non c'è alternativa a una maggiore integrazione. Altrimenti, l'Europa, l'euro e i singoli Paesi dell'UE rischiano di perdere qualsiasi rilevanza nel mondo, conclude il quotidiano tedesco Handelsblatt.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti