/ Hezbollah contro Israele: una guerra psicologica di logoramento

Hezbollah contro Israele: una guerra psicologica di logoramento

 

Segue l'analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo.
 
Hezbollah e Israele stanno attuando una guerra psicologica di logoramento. Hezbollah da un lato cerca di imporsi come garante della sovranità libanese, mentre Israele ricorre al "gioco disgustoso" per giustificare l'intervento suo e dei suoi alleati contro qualsiasi partner iraniano nella regione. Riguarda la sopravvivenza e la legittimità di entrambe le parti. Sebbene nessuno voglia un nuovo 2006, le campagne di minacce e attacchi chirurgici possono aumentare la tensione al punto in cui qualsiasi errore porta ad un'escalation inarrestabile di tensioni e, infine, alla guerra.
 
L'ultima disputa regionale che ha fatto temere una nuova guerra arabo-israeliana è stata più degna di una finzione di Jose Luis Cuerda che delle notizie internazionali. Dopo aver bombardato l'Iraq, la Siria e il Libano, gli israeliani hanno deciso di seminare il loro confine con manichini in veicoli in attesa di una risposta da parte di qualsiasi gruppo filo-iraniano nella regione, anche se l'aspettativa era che l'iniziativa sarebbe stata presa da Hezbollah.
 
E così, il 1 settembre, Hezbollah ha attaccato Israele con quelli che sembravano essere missili anticarro di Kornet. Lo spettacolo ha inizio.
 
I canali collegati a Hezbollah presto diffondono un video in cui apparentemente hanno distrutto un APC di tipo WOLF Armored. Successivamente, il web è stato riempito con quello che sembrava un soldato israeliano ferito mentre veniva trasportato all'ospedale di Haifa. Alla fine, nel tentativo di stravolgere la trama nello stile del desktop cinema europeo, le forze di difesa israeliane hanno mostrato un altro video in cui avrebbero mostrato che i feriti erano manichini e che tutto si è rivelato essere una scena preparata. Nella sua testa era spettacolare, anche se quella che dovrebbe essere una risposta intelligente per esporre il partito libanese, si sono rivoltati contro di loro, e cioè che il pubblico dello spettacolo con cui sono rimasti è che una squadra di Hezbollah potrebbe attaccare un veicolo militare israeliano sul suolo israeliano, senza una ferma risposta da parte delle forze sioniste. Abbiamo parlato di un attacco che, poco dopo e contro tutta la propaganda israeliana, Hezbollah è stato in grado di dimostrare che era vero in un video trasmesso il giorno successivo e in cui è stato chiaramente visto che almeno uno dei Kornet sparati poteva colpire un veicolo del Esercito israeliano con soldati all'interno, vicino al Kibbutz Avivin e Yiron.
 
Né è stato molto utile per l'IDF (Israel Defense Forces) bombardare il nulla sul suolo libanese e vedere come la popolazione ha risposto cercando di fare selfie e caricarli sui Social Network. Ed è che se qualcosa si ripete nella propaganda della parte libanese contro gli israeliani è l'incidenza nella dimostrata codardia sionista contro la resilienza araba.
 
La guerra per alcune ore e persino giorni è stata molto probabile. L'IDF, non importa quanto lo abbiano negato dal primo giorno, non ha avuto vittime solo per fortuna. Tutto dipendeva dall'impatto del secondo Kornet di Hezbollah. Era stato colpito da una persona più esperta e il veicolo non sarebbe sopravvissuto, né i cinque soldati al suo interno. Il Mossad non avrebbe potuto ottenere la strategia "intelligente" del manichino, e Israele sarebbe stato costretto a rispondere con più forza del teatro che hanno seguito dopo l'attacco di Hezbollah che, penso sia necessario ricordare, è stato realizzato in seguito che Israele ha ucciso due dei suoi militanti bombardando prima Damasco e Beirut in seguito.
 
Bombardare la popolazione assediata di Gaza è relativamente facile per Israele, anche se la vera battaglia che sta combattendo non è così semplice.
La campagna nordamericana di massima pressione sull'Iran ha inevitabilmente una risposta regionale che va oltre lo stretto di Hormuz. È qui che entrano in gioco gli israeliani; principale interessato a un conflitto contro i persiani. La campagna di Trump contro l'Iran, infatti, è la guerra di Israele - sempre meno indirettamente - con l'Iran.
 
Nonostante le parole di Trump, più focalizzate sul rumore dei media che sull'invio di messaggi concisi ai suoi nemici, il bombardamento delle Unità di mobilitazione popolari (Iraq) - una delle forze che hanno maggiormente combattuto lo Stato islamico - i bombardamenti delle postazioni della Guardia rivoluzionaria iraniana o le operazioni con i droni nei quartieri di Beirut sono una questione di Israele. Proprio come è una questione di Israele l'escalation che poco ha portato a una nuova guerra in Medio Oriente a causa del "passo indietro" del governo Netanyahu, che non è riuscito a misurare le conseguenze delle sue azioni.
 
Né a Tel Aviv né a Beirut vogliono un nuovo 2006, ma anche i sionisti non vogliono condividere lo spazio con l'Iran. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, che si erge come il signore di Israele, aggiudicandosi posizioni, il più recente è il ministro del Welfare (è anche ministro della difesa, della salute e della diaspora), vede che il suo progetto - già più personale che politico - si sbriciola tra corruzione come problema interno e isolamento come problema esterno.
 
Dalla Knesset vedono, quasi senza essere in grado di reagire, come mentre l'Iran accresca la sua presenza e legami con i paesi vicini, Donald Trump, lontano da quanto desiderato da sionisti e falchi, in pratica sostiene quelli che si avvicinano alle posizioni con gli Ayatollah. Come per la Corea del Nord, il presidente americano scommette su titoli incendiari che in seguito finiscono nel nulla. Nonostante le sanzioni, non è rischioso dire che gli Stati Uniti affronterebbero l'Iran con mezzi militari solo dopo un errore di calcolo. Tanto che, dopo il vertice del G7, il presidente degli Stati Uniti ha affermato che non sta cercando un cambio di regime in Iran.
 
Dichiarazioni come quelle di Trump dopo il G7 sono inammissibili per un governo israeliano, sempre più solo, che chiede disperatamente al mondo di non negoziare con l'Iran subito dopo che il suo alleato alla Casa Bianca ha annunciato la possibilità di un incontro con il presidente iraniano, Hassan Rohaní, al fine di risolvere la crisi dopo la rottura unilaterale dell'accordo di non proliferazione nucleare e le conseguenti sanzioni imposte alla Repubblica islamica.
 
A tutto quanto sopra, dobbiamo aggiungere che il 17 settembre Israele terrà nuove elezioni. Netanyahu si gioca tutto in meno di due settimane, e i suoi alleati della destra occidentale sono più preoccupati di risolvere i loro problemi interni che di essere coinvolti in nuove controversie che non portano a nulla. La carta terroristica sciita è sempre più logora e ha meno senso. Pertanto, quando il presidente libanese esce pubblicamente dicendo che le operazioni israeliane nel suo paese "sono una dichiarazione di guerra", sostenuta da Hezbollah e dalle forze di mobilitazione popolare irachena, i sionisti ascoltano solo musica; perché significa che le tue fogne fanno bene il lavoro. O, almeno, fanno il lavoro richiesto da Netanyahu. Perché è così, puoi giocare la carta del vittimismo per sopravvivere. Alla fine, come sottolineano i loro nemici, i sionisti affrontano la resistenza con la vigliaccheria.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa