World Affairs/Hong Kong, la "coalizione internazionale" degli Usa contro la Cin...

Hong Kong, la "coalizione internazionale" degli Usa contro la Cina vede la presenza solo del Regno Unito

 


A parole sono in molti governi a schierarsi per la “libertà” di Hong Kong rimpiangendo i tempi coloniali, ma “pochi sono pronti a seguire gli Stati Uniti in un'azione punitiva contro Pechino, temendo di non avere la "leva" per resistere alla seconda economia più grande del mondo”. E’ quanto scrive oggi il South China Morning Post.

 
I leader mondiali che a parole inneggiano ai “ribelli moderati” di Hong Kong, quinta colonna degli Stati Uniti contro la sovranità cinese, non volevano essere visti come coloro che interferiscono negli affari interni della Cina.
 
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato mercoledì al Congresso che Hong Kong non è più considerata autonoma dalla Cina, una valutazione che potrebbe minacciare lo status commerciale speciale di lunga data della città. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dovrebbe annunciare sanzioni contro entro la fine della settimana, con fonti che suggeriscono anche che l '"opzione nucleare" di revocare lo status commerciale di Hong Kong è ancora in gioco.
 
L’assistente segretario USA per gli affari dell'Asia orientale e del Pacifico, David Stilwell, ha detto mercoledì sera ad un briefing che "il nostro lavoro presso il Dipartimento di Stato è quello di fare cose che si coordinano con le" menti simili "e di convincerle - coloro che condividono le nostre idee alzarsi, essere contati ”.
 
Il Regno Unito, gli Stati Uniti, l'Australia e il Canada hanno rimproverato la Cina giovedì per aver imposto una nuova legge sulla sicurezza che minaccerebbe le libertà e violerebbe un accordo sino-britannico del 1984 sull'autonomia dell'ex colonia, secondo quanto riferito da Reuters.
 
"Hong Kong è fiorita come un bastione di libertà", hanno detto i paesi. La nuova legislazione sulla sicurezza nazionale "ridurrebbe le libertà del popolo di Hong Kong e, in tal modo, eroderebbe drammaticamente l'autonomia di Hong Kong e il sistema che l'ha resa così prospera".
 
 
 
"Ho una profonda simpatia per il popolo di Hong Kong, ma non possiamo farci nulla", ha detto un diplomatico straniero a Pechino a SCPM, che aveva letto una lettera inviata da Pechino alle ambasciate straniere chiedendo il loro sostegno alla legge. "Non vogliamo essere visti come interferenti con gli affari interni della Cina".
 
Una dichiarazione del ministero degli Esteri giapponese ha affermato che era "seriamente preoccupato", con il ministero che ha convocato l'ambasciatore cinese a Tokyo giovedì per esprimere direttamente la sua preoccupazione.
Ma, prosegue il SCPM, un analista vicino al governo giapponese ha affermato che Tokyo non ha "abbastanza leva" per costringere la Cina a cambiare le sue politiche nei confronti di Hong Kong.
 
"Senza quel potere economico o politico sulla Cina, l'unica cosa che il Giappone può fare è ciò che ha già fatto, può esprimere le sue preoccupazioni", ha detto la fonte a SCPM, che ha rifiutato di essere nominata, aggiungendo che Tokyo era anche preoccupata di danneggiare il suo proprio legame economico con la Cina. "Quindi, sebbene il governo possa dire che ha serie preoccupazioni, è anche molto desideroso di mantenere relazioni stabili con Pechino".
 
In una dichiarazione rilasciata al South China Morning Post, un portavoce del ministero degli Esteri sudcoreano ha dichiarato: “Abbiamo stretti rapporti commerciali e personale con Hong Kong. Riteniamo che sia importante che Hong Kong continui il suo sviluppo e la sua prosperità sotto un unico paese, dominano due sistemi ".
 
Il ministro degli Esteri della Corea del Sud, Kang Kyung-hwa, ha dichiarato giovedì che il governo era "ben consapevole delle preoccupazioni per i conflitti internazionali in crescita e i loro effetti a catena". “Il governo sta osservando attentamente lo sviluppo correlato", ha aggiunto, senza menzionare i nomi di Stati Uniti e Cina, mentre presiedeva una riunione di funzionari governativi per discutere le strategie diplomatiche ore prima che la nuova legge sulla sicurezza di Hong Kong venisse approvata Congresso popolare nazionale cinese.
 
Lee Seong-hyon, capo del Centro per gli studi cinesi del Sejong Institute di Seoul, ha detto che il popolo sudcoreano, che vive in una democrazia scossa in passato dalle proteste pubbliche, è generalmente solidale con il movimento democratico di Hong Kong. Ma il governo deve dare la priorità agli interessi economici e di sicurezza nazionali e non può permettersi di essere sorpreso dal fuoco incrociato tra Cina e Stati Uniti.
 
Altrove in Asia, Taipei ha offerto il suo "pieno sostegno" agli Hong Kong che vorrebbero fuggire dalla città a causa della legge in arrivo, ma gli analisti politici non si aspettano “rimproveri” pubblici da parte dei governi indiani né dai 10 membri dell'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico ( Asean).
 
"Come politica generale, lo stato indiano ha deciso di non interferire mai con la politica interna di altri paesi", ha affermato Sinderpal Singh, ricercatore presso la Nanyang Technological University di Singapore. “Pertanto, la situazione di Hong Kong non porrà alcun tipo di dilemma per il governo. Quando si tratta di Cina, l'India è stata molto sensibile a non commentare ciò che vede come problemi domestici come il Tibet, lo Xinjiang e ora Hong Kong ”.
 
Dylan Loh, accademico alla Nanyang Technological University, ha aggiunto che "la questione dell'autonomia di Hong Kong, o la sua mancanza, non è una questione nelle priorità dell’Asean con la Cina".
 
"Francamente, nessuno dei paesi Asean ha i mezzi economici e politici né il desiderio di irritare la Cina per la questione di Hong Kong", ha affermato Loh. "I paesi del sud-est asiatico sono abbastanza sensibili da sapere che questo tocca un nervo scoperto a Pechino e che la loro influenza su questo è limitata."
 
Mercoledì scorso, in una chiamata con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, Emmanuel Bonne, consigliere diplomatico del presidente francese Emmanuel Macron, ha dichiarato che la Francia rispetta la sovranità nazionale cinese e non ha intenzione di interferire negli affari di Hong Kong, secondo quanto riferito dall'agenzia Xinhua.
 
Francia e Germania, le due forze trainanti della politica estera dell'UE, si sono astenute dal confrontarsi con la Cina, con il cancelliere tedesco Angela Merkel, mercoledì, che ha invitato l'UE a impegnarsi in un dialogo "critico e costruttivo" con la Cina, pur riconoscendo lo stato di diritto di Hong Kong e libertà.
 
Tra l'UE e la Cina, ha dichiarato la Merkel, "ci sono profonde differenze nello stato di diritto, nella libertà, nella democrazia e nei diritti umani - dobbiamo solo pensare alla situazione di Hong Kong e al principio di un paese, due sistemi".
 
Al momento quindi, conclude il lungo articolo SCPM, solo la Gran Bretagna risulta essere l'unico paese europeo a lavorare con il segretario di stato americano Mike Pompeo per una risposta all'ex colonia britannica. "Stiamo coordinando da vicino con i partner internazionali e il Segretario agli Esteri [Dominic Raab] ha parlato con il Segretario Pompeo sulla questione [mercoledì] sera", ha detto un portavoce del Foreign Office britannico.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa