I missili russi hanno colpito i caccia F-35 di Israele in Siria?

I missili russi hanno colpito i caccia F-35 di Israele in Siria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nel 2017, diversi media hanno pubblicato articoli secondo cui uno degli F-35 dell'aviazione israeliana sarebbe stato colpito da un missile S-200 di fabbricazione sovietica in Siria. Una circostanza che avrebbe portato alla luce alcune pecche nel caccia fiore all’occhiello della produzione areonautica statunitense, segnala The EurAsian Times.

“Secondo le informazioni disponibili, le forze di difesa siriane hanno utilizzato un missile S-200 contro l'aereo da guerra israeliano”, riferiva SouthFront. Aggiungendo che l'S-200, progettato negli anni '60 dall'ex Unione Sovietica, era il sistema antiaereo a lungo raggio più avanzato gestito dall'esercito siriano.

Al contrario, le Forze di difesa israeliane (IDF) affermavano che un missile antiaereo era stato lanciato dalla Siria verso il suo caccia ma venne confermato alcun colpo andato a segno.

"L'esercito ha preso di mira la batteria con quattro bombe e, secondo l'IDF, la batteria è stata danneggiata al punto da non essere più operativa", scriveva il quotidiano israeliano Haaretz.

L'esercito siriano confermava gli attacchi israeliani e affermava in un comunicato che "un certo numero di missili (erano stati lanciati) dall'interno dei territori occupati contro una posizione dell'esercito siriano nelle campagne di Damasco" e causando "danni materiali".

Dopo poche ore dall'incidente, i media israeliani riferivano che il suo caccia da guerra F-35 era stato colpito da un uccello. L’incidente sarebbe avvenuto due settimane prima che fosse denunciato senza vittime. Israele aveva ricevuto la consegna di sette F-35 di un ordine di 50.

Il danno all'aereo è segnalato al produttore, Lockheed Martin, per accertare se potesse essere riutilizzato o meno.

"Prima di un atterraggio di routine del velivolo F-35, sono state scoperte due crepe alla fusoliera a seguito di una collisione con uccelli", aveva detto il portavoce dell'IDF. “L'aereo ha effettuato un normale atterraggio alla base ed è stato inviato per lavori di manutenzione come è consuetudine in seguito a questo tipo di lesioni. L'aereo verrà utilizzato e tornerà in volo nei prossimi giorni”.

SouthFront ha osservato che le fonti israeliane non sono state in grado di mostrare una foto dell'aereo da guerra F-35 dopo la presunta "collisione con uccelli".

The Drive ha notato che è improbabile che l'IDF utilizzi il suo F-35 per una sortita operativa. Ha aggiunto che anche se gli israeliani hanno messo in servizio i caccia in passato per esigenze operative uniche, l'F-35 è un argomento di approvvigionamento particolarmente delicato per il governo israeliano. "Quindi rischiare i nuovi jet prima che siano effettivamente operativi in ??una missione apparentemente standard sarebbe una mossa strana se non sconsiderata" da parte di Israele.

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti