L'Analisi/Idlib non è solo una battaglia dell'esercito siriano contro l'ult...

Idlib non è solo una battaglia dell'esercito siriano contro l'ultimo bastione del terrorismo in Siria. È la battaglia contro l'infamia jihadista

 
Segue l'analisi Alberto Rodríguez García, giornalista, esperto di Medio Oriente, propaganda e terrorismo.

 
"La provincia di Idlib sembra essere una calamita per i gruppi terroristici, soprattutto perché è un territorio non governato. C'è una grande varietà di gruppi lì, e sono tutti una minaccia per le centinaia di migliaia di civili che stanno solo cercando un modo di vivere e sopravvivere. ". Con queste parole , il colonnello Myles Caggins, portavoce della coalizione anti-ISIS, "Operation Inherent Resolution", ha parlato della provincia della Siria settentrionale che in questi giorni sta vivendo il crollo dei gruppi jihadisti e ribelli sotto l'ombrello della Turchia.
 
Il 19 dicembre 2019, l'esercito arabo siriano con il sostegno della Russia ha annunciato l'operazione "Dawn of Idlib 2"; un'offensiva di base per recuperare la Grande Idlib, attualmente governata dall'Organizzazione per la Liberazione del Levante (Hayat Tahrir al-Sham - HTS), o quello che è lo stesso, l'originale braccio di al-Qaeda in Siria. Da allora e in poche settimane, lo stato siriano ha recuperato più di 2.000 chilometri quadrati di territorio, centinaia di città e colline, le città cruciali di Ma'arrat al-Numaan e Saraqib, ha circondato 18 posti di osservazione turchi e ha ripreso Il controllo della vitale autostrada M5, che oltre a collegare la capitale finanziaria della Siria (Damasco) con la capitale industriale (Aleppo), attraversa il paese da nord a sud, dalla Turchia alla Giordania. Lo sforzo, tuttavia, è sostanziale e le vittime di ciascuna parte ne aggiungono già più di mille .
 
"Questa offensiva di Idlib è più di una battaglia del governo siriano contro l'ultima regione che ha apertamente dichiarato guerra allo stato: è una battaglia contro l'infamia. L'infamia dei gruppi jihadisti che hanno avvelenato la regione con il loro veleno."
 
 
Questa offensiva di Idlib è più di una battaglia del governo siriano contro l'ultima regione che ha apertamente dichiarato guerra allo stato: è una battaglia contro l'infamia. L'infamia dei gruppi jihadisti che hanno avvelenato la regione con il loro veleno. Gruppi jihadisti come HTS, l'Esercito Nazionale Siriano (noto anche come TFSA o ribelli moderati, gli stessi che recentemente hanno commesso autentiche barbarie nella Siria nord-orientale), la sala operatoria 'Incite the Believers', composto dall'Organizzazione dei Guardiani della Religione (Tanzim Hurras ad-Din, la nuovaal-Qaeda in Siria), i Sostenitori del monoteismo (Ansar al-Tawhid, anch'esso parte di al-Qaeda) e altri gruppi di ideologia radicale. 
 
Secondo Brett McGurk, il diplomatico americano Responsabile della supervisione della lotta contro l'ISIS, nel 2017 era già evidente che la provincia di Idlib era "il più grande spazio sicuro per al-Qaeda dall'11 settembre, con collegamenti diretti con Ayman al-Zawahiri (leader del globale al-Qaeda)". Non è banale in questo contesto, ricordare che il leader dell'ISIS Abu bakr al-Baghdadi è stato eliminato a Idlib.
 
I gruppi ribelli e jihadisti, tuttavia, non sono soli. Abbiamo raggiunto un punto in cui vi sono prove inconfutabili che la Turchia, un paese membro della NATO, sta consegnando carri armati, mezzi corazzati e armi ad al-Qaeda. Abbiamo raggiunto un punto in cui quando la Russia bombarda i ribelli a Nayrab ... muoiono i soldati turchi! La prova né che coloro volontariamente vogliono di chiudere gli occhi può negare che i ribelli ei jihadisti stessi sono coinvolti nelle offensive  pubblicizzate a Nayrab ore prima il video con i soldati turchi che preparano l'attacco. Perché abbiamo raggiunto un punto in cui la Turchia non vede l'ora di diventare la forza aerea di al-Qaed. Per molto folle  che questo suoni, è così, ed è che per frenare la superiorità aerea della Russia, il debole tentativo del sultano ottomano, Recep Tayyip Erdogan, ha chiesto agli Stati Uniti che schieri due batterie Patriot per essere in grado di decollare i suoi F-16 e fornire supporto dal cielo ai gruppi ribelli / jihadisti precedentemente menzionati che sta già promuovendo (anche se con risultati catastrofici) da terra.
 
Di fronte a ciò che dovrebbe essere una buona notizia - che la guerra militare sta finendo in Siria e la sconfitta di al-Qaeda come una struttura con potere nella regione è imminente -, dobbiamo ancora fare i conti con gli istigatori della guerra, i falsi esperti e tutti i tipi di fan che desiderano disperatamente un conflitto diretto con la Russia (come se fosse un gioco che non causerebbe la morte e la sofferenza di migliaia) al fine di difendere i loro jihadisti radicali, o che fanno appello al discorso umanitario per nascondere i perché di "Operazione Dawn of Idlib", difendendo così gli interessi di al-Qaeda in Siria senza notare molto che stanno difendendo gli interessi di al-Qaeda in Siria.
 
È innegabile che la nuova campagna dell'esercito siriano per recuperare la provincia di Idlib sta causando decine di migliaia di sfollati, ma questo fatto è molto importante per contestualizzarlo prima di dare giudizi di valore:
 
  • In guerra le persone si uccidono e muoiono; ecco perché la guerra è spregevole, terribile e solo un sadico può godersela. Pensare che la violenza in Idlib sia unilaterale, rendendo uno degli attori un soggetto passivo, nella migliore delle ipotesi, sta mentendo.
 
  • Un cessate il fuoco in Idlib è già impossibile. La Russia e la Turchia si sono incontrate in diverse occasioni per cercare di concordare un atto di cessate il fuoco e un'escalation di violenza, ma gruppi radicali si rifiutano di accettarlo e finiscono sempre per riattivare le ostilità. La Turchia ha anche deciso di minacciare una guerra diretta contro lo stato sovrano della Siria, il cui nord è già invaso, chiarendo che Erdogan e la sua cupola non hanno la pace come priorità, anche se l'opposizione in parlamento si oppone alle nuove aspirazioni -neo ottomane del Sultano.
 
  • I turchi stessi riconoscono che a Idlib ci sono almeno 40.000 ribelli sotto il loro ombrello e 20.000 miliziani di al-Qaeda. L'unica alternativa per recuperare Idlib sulla rotta militare che hanno la Russia e lo stato siriano è accettare che una delle principali aree agricole della Siria sia di fatto la capitale del jihadismo globale. Il lettore sarebbe disposto ad accettare qualcosa del genere nel suo paese? Quelli provenienti dall'Europa avrebbero sollevato il discorso di scuse dei ribelli e di al-Qaeda a Idlib per accettare qualcosa del genere nel loro paese? Ne dubito moltissimo.
 
Mentre la Siria è un paese multiculturale e multietnico, in Idlib la legge è la giurisprudenza islamica sunnita. Mentre l'esercito arabo siriano combatte sotto la bandiera nazionale, con la mezzaluna e la croce, i ribelli avanzano sotto lo shahadda (dichiarazione di fede), la bandiera turca e le grida di "Allahu Akbar". Perché la battaglia per la Grande Idlib è più di una battaglia per il territorio: è l'ultima grande battaglia contro l'infamia.
 
Fonte: Foto di Repertorio
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa