Il bombardiere cinese stealth H-20 è in grado di attaccare le basi statunitensi a Guam

Il bombardiere cinese stealth H-20 è in grado di attaccare le basi statunitensi a Guam

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il bombardiere stealth cinese H-20 è in grado di attaccare con missili nucleari o convenzionali la base militare statunitense a Guam, oltre la costa cinese.

 

Questo è quanto indica un rapporto del think tank britannico Royal United Services Institute ed evidenzia che l’aviazione militare e la Marina cinese "sono attualmente configurate come forze regionali per un conflitto all'interno della prima catena di isole, con capacità specifiche e risorse aggiuntive mirate a neutralizzare o sopprimere la base statunitense a Guam”.

 

Il rapporto suggerisce che l'aviazione cinese può mostrare muscoli agli avversari grazie al suo bombardiere nucleare subsonico H-20, un'arma a lungo raggio che dà al gigante asiatico la possibilità di effettuare operazioni militari in altri continenti.

 

Le eccezionali capacità dell'H-20 hanno spaventato gli esperti e gli analisti militari statunitensi. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (il Pentagono) ha stimato nel suo 'China 2020 Military Power Report' che il bombardiere può avere una portata fino a 8.500 km, il che significa che la base di Guam, a 3.200 km da la costa della Cina può essere facilmente attaccata.

 

La rivista statunitense ‘The National Interest’ afferma che il bombardiere cinese H-20 è anche in grado di colpire obiettivi alle Hawaii, isola situata nell'Oceano Pacifico.

 

L'H-20 è simile nel design ai bombardieri B-1 e B-2 statunitensi, così come al PAK-DA della Russia. Il bombardiere consente alla Cina di lanciare attacchi nucleari dall'aria, dalla terra e dal mare; capacità che finora hanno solo Washington e Mosca.

 

Negli ultimi anni, la Cina ha fatto passi da gigante nello sviluppo militare, inclusi missili ipersonici, spazio militare e tecnologia informatica. Gli Stati Uniti sono fortemente preoccupati per l'ascesa del gigante asiatico come una minaccia per la sua sicurezza economica e nazionale.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti